Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Il Festival di Chiara. “Sandalia Sustainability”: il cinema ambientale dal mondo alla Sardegna:

Il Festival di Chiara. “Sandalia Sustainability”: il cinema ambientale dal mondo alla Sardegna

marzo 14, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

“Sapete che a Teheran, capitale dell’Iran, l’inquinamento atmosferico è così alto che le autorità  nelle giornate a più alta densità di polveri sottili chiudono le scuole elementari per preservare i polmoni e la salute dei bambini?”. Che nel paese mediorientale i veleni nell’aria siano un problema serio lo scopriamo, per assurdo, ad Abbasanta, un piccolo Comune della Sardegna interna, dove da anni c’è un Festival Cinematografico dedicato all’ambiente, che presenta opere in arrivo da tutto il mondo. “Abbiamo 1.950 opere e ben 196 arrivano dall’Iran, poi 182 dall’ India e, naturalmente, è ben rappresentata anche l’Italia con 128 produzioni” ci spiega Chiara Fadda, presidente dell’Associazione Anima Libera,  che nel 2010 ha scommesso sul  “Sandalia Sustainability Film Festival – Visioni itineranti di stili di vita sostenibili“, una manifestazione che sposa in pieno la filosofia glocal, ovvero  la compresenza di una dimensione globale (con documentari da tutto il pianeta, grazie alle piattaforme internazionali dedicate alle manifestazioni cinematografiche) e una dimensione locale, con tante iniziative legate al  territorio.

“In questa edizione – specifica Chiara – alle proiezioni e alle premiazioni dei film scelti dalla Giuria abbiamo associato una giornata dedicata alle erbe spontanee ed alle autoproduzioni del territorio. Un’economia dal basso che sta coinvolgendo sempre più persone. Tra i soggetti coinvolti c’è la Casa dei Semi di Domusnovas Canales, una frazione del Comune di Norbello che si occupa di raccogliere e preservare i semi ovvero le varietà tipiche del territorio”. E tre le iniziative del Sandalia Festival 2018 c’è dunque anche lo scambio di semi tra coloro che sono alla ricerca delle varietà rare e da tempo marginalizzate dai processi di industrializzazione agricola. Una comunità silenziosa, fatta di persone e gruppi che si oppongono, con piccole coltivazioni alla standardizzazione e alla perdita di biodiversità: “Noi sardi – spiega Chiara -  siamo un popolo di raccoglitori o perlomeno è ancora fertile l’usanza di uno scambio con la natura”. Ovvero tanti appassionati di asparagi ed erbe selvatiche (da conoscere per gli amanti della cucina il finocchietto selvatico!), lumache, funghi e tanti altri prodotti del bosco, che non si limitano alla passività della fruizione di un film in poltrona, ma vogliono partecipare attivamente e dare il loro contributo. “Oltre alle proiezioni  sono in programma delle degustazioni che hanno l’intento di valorizzare queste pratiche che hanno un senso economico, sociale e culturale”, aggiunge Fadda.

Il Festival Sandalia ha inoltre una versione itinerante, con l’organizzazione di proiezioni in vari paesi e città della Sardegna: “Continuiamo fino a fine marzo e ci sono ancora delle occasioni per partecipare, chi è interessato può scriverci a associazioneanimalibera@gmail.com“. Chiara è un vulcano inarrestabile. Ma come è nata l’idea del Festival, le chiediamo. Cosa ha portato una psicologa a dedicarsi alla divulgazione del cinema ambientale? “Dopo la laurea in psicologia ho frequentato un master in progettazione sostenibile del paesaggio, un altro in comunicazione e poi grazie ai voucher della Regione Sardegna sull’alta formazione ho potuto ancora seguire un master in regia e sceneggiatura a Bologna dove fui ospite in casa di un’amica che in pratica aveva eliminato completamente la plastica dai suoi acquisti. Era una consumatrice molto attenta alle ricadute ambientali e mi ha contagiato. Insomma, tutto torna: arte ed ambiente, poi ho visto il bando della Regione e coinvolgendo i Comuni di Abbasanta e Norbello ho dato vita a questa idea, che ha avuto il sostegno anche della Fondazione di Sardegna (la fondazione che fa capo al Banco di Sardegna Ndr)”.

Domenica 18 marzo il festival Sandalia 2018 vedrà la sua parte conclusiva, tra ricette di erbe selvatiche e proiezioni di film che parlano di bioedilizia, agricoltura sostenibile, cambiamenti climatici, autoproduzione di energia, efficienza energetica, sovranità alimentare e diverse altre tematiche. “Un’altra declinazione pratica della sostenibilità sarà un laboratorio pratico per la produzione di unguenti grazie all’uso di erbe selvatiche“. Immaginario e pratica sostenibile vanno dunque insieme al Sandalia Film Festival dove meritano una citazione da “Campioni” anche  i quattro giurati -   Valeria Patanè, Pia Brancadori, Antonello Carboni e Pio Bruno – che hanno visionato centinaia di ore di documentari ambientali da ogni angolo del pianeta per offrirle al pubblico.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende