Home » Bollettino Europa »Rubriche » Il fronte del “no LED” ritarda la scomparsa delle vecchie lampadine:

Il fronte del “no LED” ritarda la scomparsa delle vecchie lampadine

aprile 20, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

L’Unione Europea aveva deciso, nel lontano 2009, di mettere al bando, a partire da settembre 2016, tutte le lampadine di classe C ed inferiore, l’attuale classificazione più bassa sull’etichetta energetica, ad esclusione dei faretti direzionali. Si tratta del Tier 6, ovvero il sesto stadio per il miglioramento dell’efficienza di questi oggetti di uso quotidiano. All’epoca l’accordo aveva avuto il forte sostegno del mondo industriale, forse anche per il lungo arco di tempo che gli si prospettava davanti per procedere all’adeguamento alle nuove regole.

È, tuttavia, evidente, che in questi anni qualcosa è andato storto se gli Stati UE, dopo essersi consultati, hanno deciso di posticipare la scomparsa di questo tipo di lampadine. Venerdì 18 aprile si è, infatti, riunita a porte chiuse a Bruxelles la commissione tecnica sulla Direttiva dedicata alla progettazione compatibile (Ecodesign). Il risultato dell’incontro ha sancito definitivamente che le vecchie alogene potranno rimanere in circolazione nell’Unione Europea fino al 2018.

Il congelamento del provvedimento e lo slittamento di ben due anni mette a repentaglio risparmi fino a 6,6 miliardi di Euro sostiene Legambiente. “La sola illuminazione in Europa – ha commentato Davide Sabbadin, responsabile efficienza energica dell’associazione - brucia 340TWh di elettricità ogni anno: l’equivalente del consumo elettrico domestico complessivo di Italia, Francia e Regno Unito. Un posticipo di due anni della messa al bando delle lampadine peggiori significherebbe rinunciare a 33TWh di risparmio energetico, perché i consumatori continuerebbero a comprare lampadine inefficienti”. Aggravando la già pesante spesa pro capite in paesi ad alto costo dell’energia come l’Italia e mettendo a rischio il raggiungimento degli obiettivi di efficienza energetica. Si perderebbe così un’ulteriore buona occasione per liberare l’Europa di una parte della sua dipendenza da fonti energetiche extra-UE.

Legambiente sottolinea anche come lo stop rallenterebbe l’ormai inarrestabile transizione del mercato verso le luci a LED. Da 8 a 10 volte più efficienti e da 10 a 20 volte di più durature. E che, al contrario di quello che sostengono i produttori, sono ormai pronte per sostituire in toto le lampadine alogene di bassa qualità. Inoltre, l’extra costo della tecnologia LED si recupera nel giro di un anno. Tuttavia, ci sono vari fattori che – secondo quanto segnalato da Legambiente – falsano la percezione dei consumatori finali, inducendoli a preferire quelle alogene C e D nella convinzione di compiere un acquisto “ecologico”. Spesso le lampadine alogene “riportano diciture come “ecolamp” o “energy saver star” perché sono state immesse nel mercato quando ancora esistevano le lampadine ad incandescenza. È per questo motivo che illudono il consumatore facendogli credere di comprare un prodotto super ecologico, mentre sta acquistando il peggiore.

Evidenze dimostrate anche da alcuni studi di mercato realizzati dalle amministrazioni di Paesi come Belgio, Danimarca e Svezia. Un rapporto dell’Agenzia Danese per l’Energia e di CLASP, per esempio, smonta gli argomenti a favore del rinvio della messa al bando, sottolineando che le lampadine a LED di qualità sono ampiamente disponibili e commercializzabili. Ma il documento non si ferma qui. Affronta anche la presunta non capacità dei LED di modulare l’intensità luminosa. Un successivo studio – condotto del governo Svedese, Belga, da CLASP ed ECEEE – ha inoltre dimostrato che 15 lampadine a LED su 17 tra quelle testate sono conformi ai requisiti della Direttiva Ecodesign.

Favorevoli a un posticipo sono, invece, Francia, Germania, Italia, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca e Slovacchia. Che si basano però, su indagini prodotte  dalla Commissione Europea, nel 2014. Considerate obsolete dalla controparte. Che porta due esempi su tutti. Il primo: OSRAM, uno dei leader del mercato europeo, oggi vende lampadine a Led a prezzi che lo studio dell’Esecutivo di Bruxelles pronosticava possibili solo nel 2025. Il secondo: negli scaffali dei negozi il cambiamento è già in corso da anni. Come nel caso di IKEA. L’azienda nota per essere tra quelle con i prezzi più bassi, ormai vende quasi solo lampadine a LED e dal 2016 in tutti i suoi negozi sparsi per il mondo venderà esclusivamente quelle. “La nostra intera gamma d’illuminazione passerà alla nuova tecnologia entro settembre 2015 – ha commentato Jeanette Skjelmose, manager del settore illuminazione dell’azienda – visto che consumano l’85% in meno di energia delle lampadine incandescenti, durano fino a 20 anni e offrono una straordinaria qualità della luce”.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende