Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Il meteo dalla A alla Z”: come il clima influenza la nostra vita:

“Il meteo dalla A alla Z”: come il clima influenza la nostra vita

marzo 24, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Il clima ha ispirato i più grandi pittori fiamminghi del Rinascimento, ha plasmato la storia e giorno dopo giorno entra nelle nostre cucine, influenza la nostra salute e detta i tempi delle principali attività umane. Nel libro “Il meteo dalla A alla Z“, da poco pubblicato dalla casa editrice Dedalo, Andrea Giuliacci e Lorenza De Matteo, fisici dell’atmosfera, raccontano per la prima volta come i fenomeni meteo influenzino profondamente economia, società e cultura. I vari capitoli, ordinati sotto forma di glossario tematico dalla A alla Z, accompagnano il lettore alla scoperta degli eventi meteorologici che nei secoli hanno modificato il corso della storia. Troveremo informazioni insospettate su quali sono le città più inquinate al mondo e perché, conosceremo i record stabiliti dai diversi fenomeni atmosferici e, tra le altre cose, scopriremo addirittura perché il buon pizzaiolo dovrebbe comportarsi da bravo meteorologo. Tra aneddoti e curiosità, il lettore verrà introdotto in modo naturale a conoscere i segreti dell’atmosfera, degli eventi climatici e del loro stretto rapporto con la vita quotidiana. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi la prima parte del capitolo dedicato agli Oceani.

Gli oceani occupano più del 70% della superficie terrestre,con un’estensione maggiore nell’emisfero australe. L’oceano più vasto è il Pacifico, nel quale vi sono oltre 25 000 isole, ed è anche il più profondo: il punto più basso si trova nella Fossa delle Marianne dove gli abissi si spingono fino a 11.034 metri di profondità! Negli oceani è possibile trovare una grande varietà di condizioni ambientali, basti pensare che si può spaziare dalle calde acque tropicali fino alle distese gelate dei poli. Oltre all’oceano Pacifico, all’oceano Atlantico e a quello Indiano, bisogna infatti considerare l’oceano Artico, nonostante secondo alcuni ricercatori sia «solo» un mare.

In realtà la distinzione tra mare e oceano è abbastanza sottile: solitamente gli oceani possono contenere i mari, men -tre questi ultimi sono più piccoli e delimitati in maniera più precisa.

Gli oceani rivestono un ruolo di primo piano sui meccanismi che regolano sia il clima che la meteorologia.

Gli oceani sono così importanti che recentemente si è deciso di celebrare il World Oceans Day: nata l’8 giugno 1992 durante il summit sull’ambiente di Rio de Janeiro, questa ricorrenza è stata riconosciuta ufficialmente dalle Nazioni Unite nel 2008.

Per capire la rilevanza che gli oceani rivestono sul nostro pianeta in generale e sul clima in particolare, basti pensare che il sistema climatico è formato da cinque sfere, una delle quali, l’idrosfera, è appunto costituita dagli oceani che, interagendo fra loro, influenzano l’equilibrio della Terra. Un’altra sfera, lacriosfera, comprende invece tutta l’acqua sotto forma di ghiaccioe neve.

Gli oceani forniscono buona parte degli alimenti di cui l’uomo si nutre, rap presentano una riserva di petrolio e di tanti altri minerali e inoltre restano una delle principali vie di trasporto.

Ma perché gli oceani sono così importanti per il clima? Tanto per cominciare sono in grado di accumulare, grazie alla loro elevata capacità termica, grosse quantità di calore, che poi possono essere trasferite all’aria dove vengono utilizzate come carburante dai principali fenomeni atmosferici. La capacità termica di un corpo, ossia la sua capacità di accumulare calore, dipende infatti direttamente sia dalla massa che dalla natura della sostanza. Le grandi distese d’acqua come gli oceani hanno pertanto una capacità termica molto elevata in virtù della notevole massa d’acqua di cui sono costituite: grazie a ciò possono appunto accumulare enormi quantità di calore che poi, piano piano, rilasciano nell’atmosfera.

La capacità di accumulare calore delle grandi masse d’acqua spiega quindi come mai il clima nelle regioni costiere sia molto più mite rispetto alle zone interne. Durante l’estate, infatti, l’acqua scaldata dai raggi solari assorbe molto calore,aumentando la propria energia interna senza permettere che la temperatura esterna salga in modo eccessivo. L’acqua cede poi lentamente questo calore durante i mesi invernali, comportandosi così come un enorme ed efficiente calorifero che mantiene il clima più mite di quanto sarebbe senza la sua presenza termoregolatrice.

Grazie alla loro elevata capacità termica (circa 800 volte superiore a quella dell’aria), gli oceani svolgono anche un importante ruolo di ridistribuzione del calore attraverso il pianeta: il surplus di energia accumulato ai Tropici, dove i raggi solari arrivano con maggior intensità, viene poi trasportato verso le alte latitudini proprio grazie al complesso sistema delle correnti oceaniche. Queste ultime trascinano a notevoli distanzeenormi quantità d’acqua con una certa temperatura, e inevitabilmenteinfluenzano il clima delle regioni verso cui si dirigono,specie nelle zone costiere. Ad esempio la Corrente californiana, che trasporta acque fredde, fa sì che in estate la fascia costiera sia fresca mentre basta spostarsi di qualche chilometroverso l’interno per trovare temperature che possono raggiungere facilmente i 38 °C.

La Corrente del Golfo invece fa sì che località che si trovano alla stessa latitudine ai lati opposti dell’Atlantico presentino situazioni climatiche completamente diverse. È il caso dell’isola di Terranova, in Canada, dove in inverno si hanno condizioni climatiche polari, e della Scozia che, pur alla stessa latitudine, gode durante la stagione invernale di un clima temperato, decisamente più mite. La quantità di calore che l’Europa riceve dalla Corrente del Golfo equivale al 20% dell’energia ricevuta dal Sole: se non ci fosse la Corrente del Golfo sarebbe come se in Europa scomparisse un giorno di sole su cinque! Il movimento che spinge l’acqua calda da sud verso nord-est è generato da una corrente contraria nelle profondità marine che porta acqua fredda dal Nord Atlantico alle zone equatoriali: come un enorme nastro, l’acqua che sprofonda nei mari settentrionali e poi scorre negli abissi trascina verso nord la corrente calda che parte dal Golfo del Messico.

Andrea Giuliacci* e Lorenza Di Matteo**

* Fisico dell’atmosfera e dottore di ricerca in Scienze della Terra. Dal 1995 lavora come meteorologo presso il Centro Epson Meteo. Dal 2002 cura le previsioni del tempo per le reti Mediaset e dal 2007 tiene il corso di Fisica dell’Atmosfera presso l’Università Bicocca di Milano

** Fisico dell’atmosfera, si è occupata per anni di tematiche legate al clima, alla meteorologia e alla qualità dell’aria presso l’Istituto ISAC – CNR. È attualmente insegnante di Meteorologia aeronautica e assegnista di ricerca presso l’Università degli Studi del Piemonte Orientale

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende