Home » Bollettino Europa »Rubriche » Il Ministro Catania a Bruxelles per la questione delle spadare:

Il Ministro Catania a Bruxelles per la questione delle spadare

gennaio 16, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

“L’incontro con il Commissario Damanaki è stato particolarmente positivo in quanto ci ha consentito di mettere in evidenza le principali questioni riguardanti la riforma della Politica Comune della Pesca”. Così ha esordito il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Mario Catania, al termine dell’incontro con il Commissario Europeo per la Pesca e gli Affari Marittimi, Maria Damanaki, che si è tenuto presso la sede della Commissione Europea, lo scorso 9 Gennaio.

L’incontro si è svolto nell’ambito della più ampia discussione relativa alla riforma della Politica Comune della Pesca (PCP) che, parallelamente a quella della Politica Agricola Comune (PAC), dovrà prendere forma nel 2013. Il settore ittico europeo infatti non sta attraversando un momento felice: la crescente dipendenza dell’UE dal pesce proveniente da acque non-europee ha spinto l’Unione a prendere provvedimenti. A questo proposito, già nel 2009 è stato pubblicato, dalla Commissione Europea, il Green Paper con gli obiettivi che l’Unione si prefigge di raggiungere. Essenzialmente l’UE vuole che i produttori europei giochino un ruolo maggiore nell’approvvigionamento di prodotti ittici nei mercati europei, ma cerca anche un equilibrio tra le capacità  dei pescherecci e le risorse disponibili, per contrastare la pesca selvaggia che ha impoverito i nostri mari.

In merito all’incontro con la commissaria Damanaki, inoltre, il ministro Catania ha aggiunto: “ho evidenziato al Commissario la necessità di confermare alcune misure fondamentali per la tutela degli stock ittici e del settore della pesca italiana quali il fermo biologico, che ho chiesto di rifinanziare con fondi comunitari, e le misure riguardanti la rottamazione, delle quali comprendo la conclusione ma per le quali credo sia utile un periodo di phasing out. Ho espresso inoltre la mia fiducia al Commissario, la cui proposta di riforma della Politica Comune della Pesca è sostenuta, per le sue linee generali, dall’Italia, purché tenga conto delle richieste del nostro Paese e delle specificità della pesca del Mediterraneo”.

L’incontro, dunque, non poteva non concentrarsi su un tema importante per l’Italia (e per la salvaguardia della pesca nel Mediterraneo),  come quello delle “reti derivanti“. Catania ha affermato infatti che “la  situazione, così com’è, non va bene, porta solo alla continuazione della pesca illegale: dobbiamo andare verso una riforma comunitaria che assicuri più efficacia e trasparenza”.

Ma che cosa sono le reti derivanti? E qual è la posizione dell’Europa e dell’Italia in merito?

In Italia le reti derivanti sono più comunemente chiamate spadare. Possono arrivare a lunghezze di decine di chilometri e sono nate originariamente per la pesca del pesce spada (da cui deriva il nome). Inoltre, non sono ancorate al fondale e costituiscono dei veri e propri muri in fondo al mare, in cui restano intrappolate anche numerose specie protette, quali cetacei, squali o tartarughe marine. Proprio per questo motivo, l’Unione Europea nel 1992 aveva imposto una lunghezza massima di 2,5 chilometri, per arrivare, nel 1997, a chiederne il bando totale entro il 1° gennaio 2002, consentendo solo la pesca all’amo con le reti “palangare”. Tra l’altro a questa risoluzione, tra il 1999 e il 2002, fece seguito lo stanziamento di circa 200 milioni di euro di fondi pubblici per la dismissione e la riconversione delle spadare italiane.

In Italia, tuttavia, la cattura di tonni e pesci spada con le reti derivanti è continuata (come documentato da Report nel 2009), anche perché era consentito ai pescherecci “l’uso multiplo di attrezzi da pesca”. In questo modo, in caso d’ispezione, i pescatori potevano affermare di aver catturato tonni e pesci spada all’amo, anche quando avevano usato illegalmente le reti derivanti.

A seguito di questa condotta, non certo esemplare, del nostro Paese, lo scorso 29 settembre la Commissione Europea ha aperto una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia, lamentando il mancato adeguamento ad una precedente sentenza della Corte di Giustizia Europea, datata 29 ottobre 2009, dove si era evidenziato come l’Italia avesse omesso di “controllare e sorvegliare in modo soddisfacente, sul suo territorio e nelle acque dove esercita la sua sovranità e la sua giurisdizione, le disposizioni che vietano ai pescherecci di avere a bordo o di utilizzare reti derivanti”.

La situazione è alquanto complicata, anche perchè tutti i provvedimenti presi fino ad ora non hanno portato a risultati soddisfacenti. Il ministro Catania, per tagliare la testa al toro, ha proposto dunque a Bruxelles una messa al bando totale delle delle reti derivanti anche più corte di 2,5 km, come le ferrettare, eliminando del tutto l’eccezione che ne consente un uso limitato. Catania auspica un provvedimento comunitario, in quanto un divieto solamente nazionale sarebbe di difficile applicazione, ma soprattutto rischierebbe di essere inefficace e iniquo, perché i pescherecci spagnoli e francesi che attraversano il Mediterraneo non ne sarebbero toccati.

Donatella Scatamacchia

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende