Home » Bollettino Europa »Rubriche » Il nucleare intorno a noi. La Commissione Europea accelera sulla sicurezza dei 132 reattori:

Il nucleare intorno a noi. La Commissione Europea accelera sulla sicurezza dei 132 reattori

giugno 17, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

La parola d’ordine è “europeizzazione degli standard di sicurezza”. Il commissario europeo per l’Energia Günter Oettinger ha presentato giovedì scorso la proposta di modifica della direttiva sulla sicurezza nucleare del 2009, introducendo controlli obbligatori e criteri condivisi.

In particolare, il testo stabilisce obiettivi di sicurezza paneuropei destinati a ridurre i rischi e a proteggere maggiormente le persone e l’ambiente; prevede infatti l’esecuzione periodica, a livello europeo, di peer reviews, ossia revisioni da parte di team con tecnici di varie nazionalità e con almeno un rappresentante della Commissione, maggiore trasparenza in fatto di sicurezza nucleare e maggiori poteri per i regolatori nazionali. “Dipende dagli stati membri decidere se vogliono produrre energia nucleare o meno, ma il fatto è che a oggi ci sono 132 reattori in Europa. Il nostro compito è assicurarci che sia data la massima priorità alla sicurezza in ciascuno di questi”, ha sottolineato Oettinger.

Dei 27 stati membri dell’UE – 28 dal 1° luglio, con l’ingresso della Croazia14 ospitano centrali nucleari, anche se quelli che la utilizzano (Italia compresa) sono molti di più. E un eventuale incidente metterebbe in pericolo tutti i Paesi, visto che spesso, come ha ricordato lo stesso commissario, le centrali “si trovano sulle frontiere”. Per questo, a più di due anni da Fukushima, quando i capi dei Paesi dell’UE avevamo chiesto alla Commissione di lavorare a un sistema di sicurezza più efficiente, Oettinger vorrebbe accelerare i tempi. “Ora la palla passa al Consiglio. Speriamo che questa proposta possa diventare legislazione europea prima delle elezioni del Parlamento del prossimo anno”. Anche il Parlamento dovrà dare il proprio parere, ma non sarà vincolante. E gli Stati membri avranno poi 18 mesi per recepire la direttiva a livello nazionale.

In particolare, la proposta prevede obiettivi di sicurezza per gli Stati membri, in modo che “in caso di incidente sia praticamente eliminata l’emissione di radioattività nell’ambiente”. Inoltre, si introduce un doppio sistema di verifica delle centrali: la cosiddetta peer review, una “revisione obbligatoria degli impianti ogni sei anni in tutta l’UE” e un controllo nazionale decennale. Nel primo caso, “gli Stati membri decideranno insieme uno o più aspetti specifici e la metodologia comune delle valutazioni che saranno eseguite da squadre multinazionali”, anche se “in caso di ritardi o di mancata attuazione delle raccomandazioni la Commissione europea può organizzare missioni di verifica”. Inoltre, ha sottolineato Oettinger, “i Paesi sono tenuti a recepire nella normativa nazionale gli standard di sicurezza internazionale”. Per qualsiasi proroga della durata di funzionamento, soprattutto per le centrali che sono in funzione già da 30 anni, “deve esserci obbligo di verifica straordinaria”, ha continuato il commissario.

Un’attenzione particolare è dedicata ai casi di possibili incidenti: “In ogni centrale nucleare sarà obbligatorio creare centri di reazione alle emergenze, protetti contro la radioattività, i terremoti e le inondazioni, e rispettare orientamenti rigorosi per la gestione degli incidenti”. In questo ambito la proposta prevede anche un allargamento delle competenze della Commissione che, “qualora si verifichi un incidente, riceve un mandato affinché insieme agli esperti dello Stato membro possa procedere a una verifica straordinaria della centrale”. Una misura che punta a “favorire la trasparenza” istituendo “l’obbligo di notifica per qualsiasi irregolarità rilevante da parte di ogni Paese”.

Nella proposta si prevedono anche obiettivi di maggiore sicurezza per i nuovi impianti nucleari. Quattro reattori sono in via di costruzione e almeno altri sedici sono quelli di già prevista realizzazione. “Tutte le centrali nuove saranno progettate in modo da garantire che, in caso di danno al nocciolo del reattore, non vi siano conseguenze all’esterno della centrale”. La direttiva garantisce infine che “le autorità nazionali di regolamentazione siano indipendenti nell’adozione delle decisioni e che gli interessi politici, economici o societari non prevalgano sugli obiettivi di sicurezza” e impone maggiore trasparenza: “Le autorità nazionali di regolamentazione e i gestori delle centrali dovranno elaborare una strategia che definirà le modalità di informazione del pubblico, non solo in caso di incidente, ma anche in tempi di ordinario funzionamento della centrale. La strategia dovrà essere pubblicata. I cittadini avranno inoltre la possibilità di partecipare al processo decisionale in caso di autorizzazione della realizzazione di una nuova centrale nucleare”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende