Home » Bollettino Europa »Rubriche » Il nucleare intorno a noi. La Commissione Europea accelera sulla sicurezza dei 132 reattori:

Il nucleare intorno a noi. La Commissione Europea accelera sulla sicurezza dei 132 reattori

giugno 17, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

La parola d’ordine è “europeizzazione degli standard di sicurezza”. Il commissario europeo per l’Energia Günter Oettinger ha presentato giovedì scorso la proposta di modifica della direttiva sulla sicurezza nucleare del 2009, introducendo controlli obbligatori e criteri condivisi.

In particolare, il testo stabilisce obiettivi di sicurezza paneuropei destinati a ridurre i rischi e a proteggere maggiormente le persone e l’ambiente; prevede infatti l’esecuzione periodica, a livello europeo, di peer reviews, ossia revisioni da parte di team con tecnici di varie nazionalità e con almeno un rappresentante della Commissione, maggiore trasparenza in fatto di sicurezza nucleare e maggiori poteri per i regolatori nazionali. “Dipende dagli stati membri decidere se vogliono produrre energia nucleare o meno, ma il fatto è che a oggi ci sono 132 reattori in Europa. Il nostro compito è assicurarci che sia data la massima priorità alla sicurezza in ciascuno di questi”, ha sottolineato Oettinger.

Dei 27 stati membri dell’UE – 28 dal 1° luglio, con l’ingresso della Croazia14 ospitano centrali nucleari, anche se quelli che la utilizzano (Italia compresa) sono molti di più. E un eventuale incidente metterebbe in pericolo tutti i Paesi, visto che spesso, come ha ricordato lo stesso commissario, le centrali “si trovano sulle frontiere”. Per questo, a più di due anni da Fukushima, quando i capi dei Paesi dell’UE avevamo chiesto alla Commissione di lavorare a un sistema di sicurezza più efficiente, Oettinger vorrebbe accelerare i tempi. “Ora la palla passa al Consiglio. Speriamo che questa proposta possa diventare legislazione europea prima delle elezioni del Parlamento del prossimo anno”. Anche il Parlamento dovrà dare il proprio parere, ma non sarà vincolante. E gli Stati membri avranno poi 18 mesi per recepire la direttiva a livello nazionale.

In particolare, la proposta prevede obiettivi di sicurezza per gli Stati membri, in modo che “in caso di incidente sia praticamente eliminata l’emissione di radioattività nell’ambiente”. Inoltre, si introduce un doppio sistema di verifica delle centrali: la cosiddetta peer review, una “revisione obbligatoria degli impianti ogni sei anni in tutta l’UE” e un controllo nazionale decennale. Nel primo caso, “gli Stati membri decideranno insieme uno o più aspetti specifici e la metodologia comune delle valutazioni che saranno eseguite da squadre multinazionali”, anche se “in caso di ritardi o di mancata attuazione delle raccomandazioni la Commissione europea può organizzare missioni di verifica”. Inoltre, ha sottolineato Oettinger, “i Paesi sono tenuti a recepire nella normativa nazionale gli standard di sicurezza internazionale”. Per qualsiasi proroga della durata di funzionamento, soprattutto per le centrali che sono in funzione già da 30 anni, “deve esserci obbligo di verifica straordinaria”, ha continuato il commissario.

Un’attenzione particolare è dedicata ai casi di possibili incidenti: “In ogni centrale nucleare sarà obbligatorio creare centri di reazione alle emergenze, protetti contro la radioattività, i terremoti e le inondazioni, e rispettare orientamenti rigorosi per la gestione degli incidenti”. In questo ambito la proposta prevede anche un allargamento delle competenze della Commissione che, “qualora si verifichi un incidente, riceve un mandato affinché insieme agli esperti dello Stato membro possa procedere a una verifica straordinaria della centrale”. Una misura che punta a “favorire la trasparenza” istituendo “l’obbligo di notifica per qualsiasi irregolarità rilevante da parte di ogni Paese”.

Nella proposta si prevedono anche obiettivi di maggiore sicurezza per i nuovi impianti nucleari. Quattro reattori sono in via di costruzione e almeno altri sedici sono quelli di già prevista realizzazione. “Tutte le centrali nuove saranno progettate in modo da garantire che, in caso di danno al nocciolo del reattore, non vi siano conseguenze all’esterno della centrale”. La direttiva garantisce infine che “le autorità nazionali di regolamentazione siano indipendenti nell’adozione delle decisioni e che gli interessi politici, economici o societari non prevalgano sugli obiettivi di sicurezza” e impone maggiore trasparenza: “Le autorità nazionali di regolamentazione e i gestori delle centrali dovranno elaborare una strategia che definirà le modalità di informazione del pubblico, non solo in caso di incidente, ma anche in tempi di ordinario funzionamento della centrale. La strategia dovrà essere pubblicata. I cittadini avranno inoltre la possibilità di partecipare al processo decisionale in caso di autorizzazione della realizzazione di una nuova centrale nucleare”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende