Home » Bollettino Europa »Rubriche » Il nucleare intorno a noi. La Commissione Europea accelera sulla sicurezza dei 132 reattori:

Il nucleare intorno a noi. La Commissione Europea accelera sulla sicurezza dei 132 reattori

giugno 17, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

La parola d’ordine è “europeizzazione degli standard di sicurezza”. Il commissario europeo per l’Energia Günter Oettinger ha presentato giovedì scorso la proposta di modifica della direttiva sulla sicurezza nucleare del 2009, introducendo controlli obbligatori e criteri condivisi.

In particolare, il testo stabilisce obiettivi di sicurezza paneuropei destinati a ridurre i rischi e a proteggere maggiormente le persone e l’ambiente; prevede infatti l’esecuzione periodica, a livello europeo, di peer reviews, ossia revisioni da parte di team con tecnici di varie nazionalità e con almeno un rappresentante della Commissione, maggiore trasparenza in fatto di sicurezza nucleare e maggiori poteri per i regolatori nazionali. “Dipende dagli stati membri decidere se vogliono produrre energia nucleare o meno, ma il fatto è che a oggi ci sono 132 reattori in Europa. Il nostro compito è assicurarci che sia data la massima priorità alla sicurezza in ciascuno di questi”, ha sottolineato Oettinger.

Dei 27 stati membri dell’UE – 28 dal 1° luglio, con l’ingresso della Croazia14 ospitano centrali nucleari, anche se quelli che la utilizzano (Italia compresa) sono molti di più. E un eventuale incidente metterebbe in pericolo tutti i Paesi, visto che spesso, come ha ricordato lo stesso commissario, le centrali “si trovano sulle frontiere”. Per questo, a più di due anni da Fukushima, quando i capi dei Paesi dell’UE avevamo chiesto alla Commissione di lavorare a un sistema di sicurezza più efficiente, Oettinger vorrebbe accelerare i tempi. “Ora la palla passa al Consiglio. Speriamo che questa proposta possa diventare legislazione europea prima delle elezioni del Parlamento del prossimo anno”. Anche il Parlamento dovrà dare il proprio parere, ma non sarà vincolante. E gli Stati membri avranno poi 18 mesi per recepire la direttiva a livello nazionale.

In particolare, la proposta prevede obiettivi di sicurezza per gli Stati membri, in modo che “in caso di incidente sia praticamente eliminata l’emissione di radioattività nell’ambiente”. Inoltre, si introduce un doppio sistema di verifica delle centrali: la cosiddetta peer review, una “revisione obbligatoria degli impianti ogni sei anni in tutta l’UE” e un controllo nazionale decennale. Nel primo caso, “gli Stati membri decideranno insieme uno o più aspetti specifici e la metodologia comune delle valutazioni che saranno eseguite da squadre multinazionali”, anche se “in caso di ritardi o di mancata attuazione delle raccomandazioni la Commissione europea può organizzare missioni di verifica”. Inoltre, ha sottolineato Oettinger, “i Paesi sono tenuti a recepire nella normativa nazionale gli standard di sicurezza internazionale”. Per qualsiasi proroga della durata di funzionamento, soprattutto per le centrali che sono in funzione già da 30 anni, “deve esserci obbligo di verifica straordinaria”, ha continuato il commissario.

Un’attenzione particolare è dedicata ai casi di possibili incidenti: “In ogni centrale nucleare sarà obbligatorio creare centri di reazione alle emergenze, protetti contro la radioattività, i terremoti e le inondazioni, e rispettare orientamenti rigorosi per la gestione degli incidenti”. In questo ambito la proposta prevede anche un allargamento delle competenze della Commissione che, “qualora si verifichi un incidente, riceve un mandato affinché insieme agli esperti dello Stato membro possa procedere a una verifica straordinaria della centrale”. Una misura che punta a “favorire la trasparenza” istituendo “l’obbligo di notifica per qualsiasi irregolarità rilevante da parte di ogni Paese”.

Nella proposta si prevedono anche obiettivi di maggiore sicurezza per i nuovi impianti nucleari. Quattro reattori sono in via di costruzione e almeno altri sedici sono quelli di già prevista realizzazione. “Tutte le centrali nuove saranno progettate in modo da garantire che, in caso di danno al nocciolo del reattore, non vi siano conseguenze all’esterno della centrale”. La direttiva garantisce infine che “le autorità nazionali di regolamentazione siano indipendenti nell’adozione delle decisioni e che gli interessi politici, economici o societari non prevalgano sugli obiettivi di sicurezza” e impone maggiore trasparenza: “Le autorità nazionali di regolamentazione e i gestori delle centrali dovranno elaborare una strategia che definirà le modalità di informazione del pubblico, non solo in caso di incidente, ma anche in tempi di ordinario funzionamento della centrale. La strategia dovrà essere pubblicata. I cittadini avranno inoltre la possibilità di partecipare al processo decisionale in caso di autorizzazione della realizzazione di una nuova centrale nucleare”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

ottobre 19, 2017

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

Il 27 ottobre a Venezia inaugurerà Climate 04 – Sea Level Rise, progetto d’arte pubblica sulle conseguenze dei cambiamenti climatici e l’innalzamento del livello del mare in Laguna, che trae ispirazione dai recenti studi sull’innalzamento del livello medio del mare, le onde estreme, e il ruolo delle piante costiere e di barena per l’ecosistema lagunare. L’iniziativa prevede [...]

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

ottobre 18, 2017

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

Un incremento dell’immesso al consumo dei prodotti pari a circa 1.330.000 tonnellate (rispetto alle 875.000 tonnellate di AEE – apparecchiature elettriche ed elettroniche – domestiche e professionali immesse nel sistema attuale) oltre a un aumento del numero di produttori coinvolti nel sistema RAEE, tra i 6.000 e i 9.000 in più (rispetto agli attuali 6.000/7.000 mila): sono [...]

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

ottobre 17, 2017

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

Dopo quasi tre anni di lavoro di sensibilizzazione, promozione, cultura e networking, il CNFFP – Coordinamento Nazionale Filiera del Florovivaismo e del Paesaggio annuncia l’approvazione, da parte del Consiglio dei Ministri, del cosiddetto “Bonus Verde”, ovvero la nuova detrazione fiscale del 36% per la cura del verde privato. Annunciato ieri dal Ministro delle Politiche Agricole, [...]

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

ottobre 16, 2017

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

È Hyundai IONIQ la vincitrice del titolo “Green Gold Award 2018”, assegnato dall’Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA) martedì scorso a Frascati (Roma). Il premio rappresenta un importante riconoscimento alla triplice tecnologia sviluppata da Hyundai sulla gamma IONIQ, prima auto di serie al mondo disponibile in versione Hybrid, Electric oppure Plug-in Hybrid. IONIQ avvicina così le [...]

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

ottobre 13, 2017

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

Nasce a Milano MiMoto, il primo ed unico servizio di scooter sharing elettrico ed ecosostenibile della città. Un’idea semplice che unisce in sé rispetto per l’ambiente, Made in Italy, sicurezza stradale, condivisione ed efficienza. MiMoto oltre a essere una start up innovativa, è un servizio che ha l’obiettivo primario di offrire ai propri clienti finali [...]

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

ottobre 13, 2017

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

Sbarca in Italia Copernicus, il programma di osservazione della Terra sviluppato dalla Commissione Europea. C3S – Copernicus Climate Change Service è costituito da un insieme complesso di dati provenienti da più fonti (satelliti di osservazione, stazioni di terra, sensori in mare e aerei) che possono fornire informazioni affidabili e aggiornate su ambiente e sicurezza, aiutando a [...]

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

ottobre 12, 2017

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

Il 14 ottobre 2017 si celebrerà la prima Giornata mondiale dell’Educazione Ambientale, a 40 anni dalla Conferenza ONU di Tbilisi (capitale della Georgia), in cui si svolse – il 14 ottobre del 1977 – la Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sull’educazione ambientale, organizzata da UNESCO e UNEP, che si concluse il 26 ottobre con una Dichiarazione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende