Home » Bollettino Europa »Rubriche » Il Parlamento UE approva il 7° Programma d’Azione per l’Ambiente: il “green” in tutte le politiche:

Il Parlamento UE approva il 7° Programma d’Azione per l’Ambiente: il “green” in tutte le politiche

ottobre 28, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Era stato varato nel novembre 2012 dalla Commissione Europea, il Settimo Programma d’Azione per l’Ambiente dal titolo Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta“, che lancia le sfide da raggiungere e gli obiettivi da qui al 2020. Ora, nell’ultima Plenaria, gli Eurodeputati hanno dato il via libera definitivo al piano che determinerà le linee guida della politica ambientale UE per i prossimi sette anni. Manca solo l’approvazione da parte del Consiglio per poi essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione entro la fine dell’anno, atto che ne decreterà la piena ufficialità.

La Commissione aveva avanzato proposte per proteggere la natura, stimolare la crescita sostenibile, creare nuovi posti di lavoro e avviare l’Europa verso un futuro di prosperità e benessere, rispettando l’ambiente che ci circonda ed assecondandone i tempi. Il testo approvato a Strasburgo rispetta quanto dettato dall’Esecutivo di Bruxelles. Un programma davvero a tutto tondo, che ruota attorno a nove priorità. Proteggere, conservare e migliorare il capitale naturale dell’Unione. Trasformare l’Unione in un’economia a basse emissioni di carbonio. Salvaguardare i cittadini da pressioni e rischi ambientali per la salute e il benessere. Sfruttare al massimo i vantaggi della legislazione UE in materia di ambiente. Migliorare le basi scientifiche della politica ambientale. Garantire investimenti a sostegno delle politiche in materia di ambiente e clima, al giusto prezzo. Implementare l’integrazione ambientale e la coerenza delle politiche, nonché la sostenibilità delle città. Aumentare l’efficacia dell’azione UE nell’affrontare le sfide ambientali a livello regionale e mondiale.

Gli eurodeputati hanno, inoltre, colto l’occasione per fare appello agli Stati membri affinché d’ora in poi facciano rispettare più rigorosamente la normativa ambientale – che sappiamo essere un tallone d’Achille per molti Paesi, Italia compresa. Una delle maggiori criticità risulta infatti essere, il fatto che, spesso, gli impegni assunti a livello comunitario non sono pienamente applicate a livello nazionale, e le regole UE troppo spesso non vengono attuate, rimanendo lettera morta.

Per realizzare questi obiettivi si punta soprattutto ad un’applicazione più dura delle leggi europee, la messa in sicurezza degli investimenti a sostegno delle politiche green e della lotta al cambiamento climatico, così come un’assunzione delle problematiche ambientali più ampia, visto che dovranno essere considerate in tutte le altre azioni UE.

È dagli anni Settanta che l’Europa utilizza questo documento per la programmazione pluriennale degli interventi in questa materia. Tuttavia, con il passare del tempo la situazione del pianeta si è evoluta verso scenari che rendono necessari interventi radicali. Nelle ultime versioni, infatti, si è cercato di superare alcune tendenze dell’ultimo decennio, come il carattere lacunoso e l’attuazione spesso inadeguata delle norme vigenti in materia di politica ambientale, o la mancanza di coerenza nell’affrontare sfide sempre più interconnesse, fino ai problemi legati agli incentivi agli investimenti e all’insufficiente coordinamento dei dati e delle informazioni.

Inoltre, rispetto al contesto di elaborazione del Programma precedente, il sesto, l’attualità è caratterizzata da una grave crisi economica. Per questo motivo le nuove linee di intervento si armonizzano con la strategia globale “Europa 2020” varata dalla Commissione nel 2010 per sostenere una “crescita intelligente, sostenibile e inclusiva”, facendo di ciò un obiettivo comune da perseguire. Questo, rappresenta una solida base di appoggio per una svolta verso la green economy. Ecco perché sono necessarie riforme strutturali, le sole che potrebbero rappresentare un’efficace opportunità per dare un volto verde all’economia europea.

Nel presentare il nuovo testo, il Commissario per l’Ambiente Janez Potočnik aveva dichiarato già allora: “Il nuovo programma di azione traccia la strada che porterà l’Europa a divenire un luogo in cui la gente potrà vivere in un ambiente naturale sano e sicuro, il progresso economico andrà di pari passo con un’economia verde e sostenibile e la resilienza ecologica sarà un fatto acquisito“.

La Commissaria responsabile dell’Azione per il Clima, Connie Hedegaard, sottolineando l’urgenza di questi interventi, aveva, invece, affermato: “Non possiamo aspettare che sia passata la crisi economica per affrontare le crisi delle risorse, dell’ambiente e del clima. Dobbiamo affrontarle tutte contemporaneamente e quindi integrare le considerazioni ambientali e climatiche nelle nostre politiche. Questa strategia conferisce a politici e imprese la visione di lungo periodo di cui abbiamo tanto bisogno per fare il passo verso una società sostenibile, a basse emissioni di carbonio in Europa”.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende