Home » Bollettino Europa »Rubriche » Il Parlamento UE salva il pacchetto sull’economia circolare:

Il Parlamento UE salva il pacchetto sull’economia circolare

luglio 20, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

L’economia circolare torna protagonista dell’agenda europea. Durante l’ultima plenaria prima della pausa estiva il Parlamento UE ha approvato una risoluzione dedicata a questa strategia, che per la verità ha più volte rischiato di essere messa all’angolo, a partire dell’annunciato ritiro del “pacchetto” del luglio 2014 ad opera dalla nuova Commissione Europea.

La risoluzione, curata dall’eurodeputata finlandese Sirpa Pietikainen (Ppe) e dal titolo “Efficienza delle risorse: transizione verso un’economia circolare” è invece un segnale di speranza e un contributo importante per la promozione di un modello di sviluppo più sostenibile per affrontare la scarsità di risorse del pianeta.

A differenza del tradizionale modello economico lineare basato sulla dinamica “prendi-produci-usa-getta”, l’economia circolare è fondata, infatti, sul riutilizzo, la riparazione, il ricondizionamento e il riciclaggio, in un circuito quasi chiuso nel quale i prodotti e i materiali in essi contenuti assumono grande valore.

La transizione verso questo modello risponde a una logica tanto ambientale quanto economica. Potrebbe allentare le pressioni sull’ambiente, con ricadute positive sugli ecosistemi, la biodiversità e la salute umana. Ma potrebbe anche aumentare la sicurezza dell’approvvigionamento energetico, dato che l’UE importa attualmente, in equivalente materie prime, circa la metà delle risorse che consuma. Inoltre, le imprese avrebbero la possibilità di realizzare risparmi sulle spese per i materiali. Un aumento del 30% della produttività delle risorse entro il 2030 potrebbe, poi, aumentare il Pil europeo di quasi l’1% e creare 2 milioni di nuovi posti di lavoro verdi. Il futuro dell’economia europea non è quindi nella creazione di prodotti con risorse finite, ma nel riutilizzare, riciclare, reinserire tali risorse nel ciclo economico.

Si tratta di un cambio di paradigma, un cambiamento sistemico che ci troviamo di fronte, così come un enorme, nascosta, opportunità economica. E possibile compierlo solo aiutando un nuovo ecosistema di business a emergere – ha dichiarato Pietikainen – ma per ottenere tutto ciò, c’è bisogno di azioni legislative, di comunicazione, economiche e di cooperazione”.

Scondo la deputata UE, inoltre, l’Europa ha bisogno, in primo luogo, di una serie chiara di indicatori e di obiettivi. Si deve procedere, poi, ad una revisione della legislazione esistente che ampli il campo di applicazione della direttiva sulla progettazione ecocompatibile, rinnovi la direttiva sui rifiuti e crei un focus speciale in certe aree come gli edifici sostenibili.

Nel testo, gli eurodeputati invitano dunque la Commissione a presentare una nuova proposta entro la fine del 2015, che proponga obiettivi vincolanti di riduzione dei rifiuti a livello UE e nazionale, per aumentare l’efficienza delle risorse del 30% entro il 2030 rispetto al 2014. In particolare esortano ad imporre un divieto di incenerimento dei rifiuti riciclabili e biodegradabili entro il 2020, ad applicare gradualmente, entro il 2030, un divieto di smaltimento in discarica (ad eccezione di alcuni rifiuti pericolosi e rifiuti residui) e ad aumentare gli obiettivi di riciclaggio e di riutilizzo dei rifiuti, ad almeno il 70% dei rifiuti solidi urbani e all’80% dei rifiuti di imballaggio.

Il Parlamento spinge poi per un “ambizioso programma di lavoro” per definire una serie di indicatori per misurare vari aspetti del consumo di risorse. Criteri quali la durata, la riparabilità, riutilizzabilità e riciclabilità, elaborando misure contro l’obsolescenza programmata. Gli Eurodeputati chiedono, infine, una revisione della legislazione riguardante la progettazione ecocompatibile e della pertinente legislazione in materia di politica dei prodotti, al fine di introdurre progressivamente requisiti di efficienza energetica obbligatori, così come misure volte a promuovere lo sviluppo di mercati per le materie prime secondarie, procedure verdi obbligatorie in materia di appalti pubblici e la mobilitazione di fondi UE per l’efficienza delle risorse.

Il messaggio è cristallino: la Commissione non deve fare alcun passo indietro, al contrario deve presentare una proposta ambiziosa.

Sul tema dell’economia circolare l’Esecutivo di Bruxelles nel frattempo ha avviato una consultazione pubblica tra i cittadini e c’è tempo ancora fino al 20 agosto per fornire la propria opinione. Anche alla luce del fatto che il passaggio a un’economia più circolare presenta una serie di sfide. Dall’evoluzione strutturale al cambiamento del comportamento dei consumatori e dei modelli imprenditoriali.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende