Home » Bollettino Europa »Rubriche » Il Parlamento UE salva il pacchetto sull’economia circolare:

Il Parlamento UE salva il pacchetto sull’economia circolare

luglio 20, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

L’economia circolare torna protagonista dell’agenda europea. Durante l’ultima plenaria prima della pausa estiva il Parlamento UE ha approvato una risoluzione dedicata a questa strategia, che per la verità ha più volte rischiato di essere messa all’angolo, a partire dell’annunciato ritiro del “pacchetto” del luglio 2014 ad opera dalla nuova Commissione Europea.

La risoluzione, curata dall’eurodeputata finlandese Sirpa Pietikainen (Ppe) e dal titolo “Efficienza delle risorse: transizione verso un’economia circolare” è invece un segnale di speranza e un contributo importante per la promozione di un modello di sviluppo più sostenibile per affrontare la scarsità di risorse del pianeta.

A differenza del tradizionale modello economico lineare basato sulla dinamica “prendi-produci-usa-getta”, l’economia circolare è fondata, infatti, sul riutilizzo, la riparazione, il ricondizionamento e il riciclaggio, in un circuito quasi chiuso nel quale i prodotti e i materiali in essi contenuti assumono grande valore.

La transizione verso questo modello risponde a una logica tanto ambientale quanto economica. Potrebbe allentare le pressioni sull’ambiente, con ricadute positive sugli ecosistemi, la biodiversità e la salute umana. Ma potrebbe anche aumentare la sicurezza dell’approvvigionamento energetico, dato che l’UE importa attualmente, in equivalente materie prime, circa la metà delle risorse che consuma. Inoltre, le imprese avrebbero la possibilità di realizzare risparmi sulle spese per i materiali. Un aumento del 30% della produttività delle risorse entro il 2030 potrebbe, poi, aumentare il Pil europeo di quasi l’1% e creare 2 milioni di nuovi posti di lavoro verdi. Il futuro dell’economia europea non è quindi nella creazione di prodotti con risorse finite, ma nel riutilizzare, riciclare, reinserire tali risorse nel ciclo economico.

Si tratta di un cambio di paradigma, un cambiamento sistemico che ci troviamo di fronte, così come un enorme, nascosta, opportunità economica. E possibile compierlo solo aiutando un nuovo ecosistema di business a emergere – ha dichiarato Pietikainen – ma per ottenere tutto ciò, c’è bisogno di azioni legislative, di comunicazione, economiche e di cooperazione”.

Scondo la deputata UE, inoltre, l’Europa ha bisogno, in primo luogo, di una serie chiara di indicatori e di obiettivi. Si deve procedere, poi, ad una revisione della legislazione esistente che ampli il campo di applicazione della direttiva sulla progettazione ecocompatibile, rinnovi la direttiva sui rifiuti e crei un focus speciale in certe aree come gli edifici sostenibili.

Nel testo, gli eurodeputati invitano dunque la Commissione a presentare una nuova proposta entro la fine del 2015, che proponga obiettivi vincolanti di riduzione dei rifiuti a livello UE e nazionale, per aumentare l’efficienza delle risorse del 30% entro il 2030 rispetto al 2014. In particolare esortano ad imporre un divieto di incenerimento dei rifiuti riciclabili e biodegradabili entro il 2020, ad applicare gradualmente, entro il 2030, un divieto di smaltimento in discarica (ad eccezione di alcuni rifiuti pericolosi e rifiuti residui) e ad aumentare gli obiettivi di riciclaggio e di riutilizzo dei rifiuti, ad almeno il 70% dei rifiuti solidi urbani e all’80% dei rifiuti di imballaggio.

Il Parlamento spinge poi per un “ambizioso programma di lavoro” per definire una serie di indicatori per misurare vari aspetti del consumo di risorse. Criteri quali la durata, la riparabilità, riutilizzabilità e riciclabilità, elaborando misure contro l’obsolescenza programmata. Gli Eurodeputati chiedono, infine, una revisione della legislazione riguardante la progettazione ecocompatibile e della pertinente legislazione in materia di politica dei prodotti, al fine di introdurre progressivamente requisiti di efficienza energetica obbligatori, così come misure volte a promuovere lo sviluppo di mercati per le materie prime secondarie, procedure verdi obbligatorie in materia di appalti pubblici e la mobilitazione di fondi UE per l’efficienza delle risorse.

Il messaggio è cristallino: la Commissione non deve fare alcun passo indietro, al contrario deve presentare una proposta ambiziosa.

Sul tema dell’economia circolare l’Esecutivo di Bruxelles nel frattempo ha avviato una consultazione pubblica tra i cittadini e c’è tempo ancora fino al 20 agosto per fornire la propria opinione. Anche alla luce del fatto che il passaggio a un’economia più circolare presenta una serie di sfide. Dall’evoluzione strutturale al cambiamento del comportamento dei consumatori e dei modelli imprenditoriali.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

agosto 10, 2017

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

“Il 25 Agosto 2017 lascerò l’Italia per raggiungere Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, da dove il 28 Agosto partirò a piedi per ripercorrere, ben 231 anni dopo, il viaggio di Wolfgang Goethe del 1786. Il viaggio di Goethe  ha avuto una grande importanza nella cultura europea e sicuramente potrebbe coincidere con l’inizio del mito del [...]

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

agosto 4, 2017

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

RÖFIX, azienda austriaca presente in Italia dal 1980, ha lanciato una nuova linea di prodotti industriali per la bioedilizia a base di canapa a marchio “CalceClima Canapa“. I prodotti CalceClima – intonaco e finitura a base di canapulo e calce idraulica naturale – hanno già ottenuto il marchio di qualità Natureplus, che certifica la loro [...]

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

agosto 4, 2017

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

E’ stato prorogato fino al 7 settembre alle ore 13.00 il termine per la presentazione delle candidature per il CRESCO Award – Città sostenibili, il premio promosso da Fondazione Sodalitas e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), in partnership con alcune aziende impegnate sul fronte della sostenibilità, per valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani nel mettere [...]

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

agosto 3, 2017

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

Anche il lavaggio dell’automobile, in tempi di siccità, finisce sotto accusa per l’eccessivo  e inutile spreco di acqua. Un’ordinanza diffusa in alcune città italiane vieta infatti ai cittadini  l’utilizzo improprio  di  acqua destinata ad azioni quotidiane, come irrigare superfici private adibite ad attività sportive, riempire piscine private, alimentare impianti di condizionamento, pulizia e lavaggio della fossa  biologica o “lavare [...]

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

agosto 3, 2017

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà il servizio MaaS (acronimo di Mobility as a Service). La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove,  progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che [...]

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

agosto 1, 2017

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

Mancano poche ore ormai al 2 agosto, il cosiddetto Earth Overshoot Day 2017 (o Giorno del superamento delle risorse della Terra), la giornata in cui l’umanità avrà usato l’intero “budget” annuale di risorse naturali. Stando ai dati a disposizione, il Global Footprint Network ha stimato che per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali [...]

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

luglio 31, 2017

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

Sabato 2 e domenica 3 settembre 2017 a Rivalta di Lesignano De’ Bagni, in provincia di Parma, torna per il quarto anno l’appuntamento del “Rural Festival“, dedicato alla varietà di produzioni artigianali locali di agricoltori e allevatori: un invito alla scoperta e all’assaggio di prodotti di antiche razze animali e varietà vegetali. L’area protetta di biodiversità [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende