Home » Rubriche »Very Important Planet » Il peggiore dei “noir” secondo Carlo Lucarelli? “Finire bruciati dai cambiamenti climatici”:

Il peggiore dei “noir” secondo Carlo Lucarelli? “Finire bruciati dai cambiamenti climatici”

novembre 10, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Il grande pubblico lo conosce per lo stile personale ed inconfondibile di Blu Notte, trasmissione televisiva dedicata ai piccoli e grandi misteri italiani: dai delitti della porta accanto ad intrighi  e complotti con dentro mafia, politica, stragi o le mazzette di tangentopoli. Carlo Lucarelli (nato a Parma nel 1960) però non è solo un volto noto del grande schermo, ma anche un autore affermato del genere noir, nonché ideatore della fiction “L’ispettore Coliandro”. Ha scritto inoltre fumetti, firmato un soggetto di Dylan Dog, partecipato a videoclip musicali, curato libri di storia e criminologia. E poi gioca nell’Osvaldo Soriano Football Club, la “nazionale italiana scrittori”. Dopo aver fondato la scuola di scrittura Bottega Finzioni oggi inaugura la sesta edizione di Scriba, il primo festival dedicato alle “scritture di mestiere”, da cui ha preso le mosse questa intervista…

D) Carlo, oggi presenti l’edizione 2017 di “Scriba Festival” dedicato alle scritture di mestiere: dagli annunci di lavoro – il tema di quest’anno – alle scritture per il teatro, per la scienza, per l’ antropologia. Un festival unico e originale, diverso dai soliti eventi letterari…

R) Noi ci occupiamo di scritture di mestiere, scritture a tutti i livelli. Solitamente è al centro dell’attenzione quella artistica, ma ci sono tante sfumature nelle scritture di mestiere che hanno anche una dimensione artistica. Un punto di forza di Scriba sono le cose che la gente non conosce e che permettono di affrontare problemi più grossi come, in questo caso, il lavoro. Siamo partiti con i bugiardini dei farmaci ed erano tutti incuriositi, poi sono emersi una serie di elementi che ti fanno capire che c’è sempre qualcosa e un pensiero dietro ogni scrittura...

D) In quest’edizione il tema centrale è il lavoro. Vedo, ad esempio, che c’è un incontro dedicato alla scrittura degli annunci e del curriculum. Massima concretezza…

R) Sì, il lavoro è uno dei temi più importante, soprattutto in quest’epoca. Si deve ragionare di lavoro in modo concreto, metterlo  in relazione con la scrittura e la narrazione, sottolineare la parentela tra lavoro e un tipo di scrittura effimera, ma che ha un ruolo importante.

D) Gli insegnamenti che dispensate anche alla “Bottega di Finzione”, giusto?

R) Facciamo sempre le cose in modo molto concreto, come nelle botteghe rinascimentali... E funziona: molta gente che ha frequentato i nostri corsi oggi lavora in questo campo. Qui non si paga – grazie alle borse di studio che finanziano il 60% delle attività – ed è  la nostra politica: dare voce al talento, non perderlo perché la frequenza costa troppo, come succede in altre scuole…

D) Lo scrittore Amitav Ghosh lamenta uno scarso interesse per il tema ambientale nella letteratura contemporanea. Concordi?

R) Mi pare che gli scrittori rispondano e debbano rispondere al problema. Il lavoro (per rimanere sul tema di Scriba), produce oggi un problema ecologico, invece dovrebbe salvare la Terra. Tema che dovrebbe essere centrale nella nostra agenda. A me capita spesso di far riflettere sulle stragi, sugli attentati, ma poi potremo morire “bruciati” tra qualche anno per il riscaldamento globale! La narrativa noir infatti parla di questi temi perché molti problemi ambientali hanno a che fare con il crimine. Io ne ho scritto ma penso anche, per esempio, alle opere di Massimo Carlotto. Ma forse non facciamo abbastanza…

D) Secondo te quali sono le emergenze ambientali da affrontare prioritariamente?

R) Ci sono diversi problemi, ma inizierei dallo smaltimento criminale dei rifiuti e dal surriscaldamento globale. Io ho due figlie di sei anni e penso a come vivranno – e se ci sarà ancora questo mondo!

D) E cosa fai nella tua vita quotidiana per migliorare l’ ambiente?

R) Ho la fortuna di vivere in una regione come l’Emilia-Romagna che è abbastanza attrezzata a questo riguardo. Per esempio, per la raccolta differenziata o il risparmio energetico, ma dobbiamo fare di più. Io uso poco l’auto ma comunque l’agire individuale non basta. Va benissimo, ma è necessaria un’azione politica anche se non ci si può limitare all’approvazione di buone leggi che poi non si rispettino o non si applichino…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende