Home » Rubriche »Very Important Planet » Il peggiore dei “noir” secondo Carlo Lucarelli? “Finire bruciati dai cambiamenti climatici”:

Il peggiore dei “noir” secondo Carlo Lucarelli? “Finire bruciati dai cambiamenti climatici”

novembre 10, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Il grande pubblico lo conosce per lo stile personale ed inconfondibile di Blu Notte, trasmissione televisiva dedicata ai piccoli e grandi misteri italiani: dai delitti della porta accanto ad intrighi  e complotti con dentro mafia, politica, stragi o le mazzette di tangentopoli. Carlo Lucarelli (nato a Parma nel 1960) però non è solo un volto noto del grande schermo, ma anche un autore affermato del genere noir, nonché ideatore della fiction “L’ispettore Coliandro”. Ha scritto inoltre fumetti, firmato un soggetto di Dylan Dog, partecipato a videoclip musicali, curato libri di storia e criminologia. E poi gioca nell’Osvaldo Soriano Football Club, la “nazionale italiana scrittori”. Dopo aver fondato la scuola di scrittura Bottega Finzioni oggi inaugura la sesta edizione di Scriba, il primo festival dedicato alle “scritture di mestiere”, da cui ha preso le mosse questa intervista…

D) Carlo, oggi presenti l’edizione 2017 di “Scriba Festival” dedicato alle scritture di mestiere: dagli annunci di lavoro – il tema di quest’anno – alle scritture per il teatro, per la scienza, per l’ antropologia. Un festival unico e originale, diverso dai soliti eventi letterari…

R) Noi ci occupiamo di scritture di mestiere, scritture a tutti i livelli. Solitamente è al centro dell’attenzione quella artistica, ma ci sono tante sfumature nelle scritture di mestiere che hanno anche una dimensione artistica. Un punto di forza di Scriba sono le cose che la gente non conosce e che permettono di affrontare problemi più grossi come, in questo caso, il lavoro. Siamo partiti con i bugiardini dei farmaci ed erano tutti incuriositi, poi sono emersi una serie di elementi che ti fanno capire che c’è sempre qualcosa e un pensiero dietro ogni scrittura...

D) In quest’edizione il tema centrale è il lavoro. Vedo, ad esempio, che c’è un incontro dedicato alla scrittura degli annunci e del curriculum. Massima concretezza…

R) Sì, il lavoro è uno dei temi più importante, soprattutto in quest’epoca. Si deve ragionare di lavoro in modo concreto, metterlo  in relazione con la scrittura e la narrazione, sottolineare la parentela tra lavoro e un tipo di scrittura effimera, ma che ha un ruolo importante.

D) Gli insegnamenti che dispensate anche alla “Bottega di Finzione”, giusto?

R) Facciamo sempre le cose in modo molto concreto, come nelle botteghe rinascimentali... E funziona: molta gente che ha frequentato i nostri corsi oggi lavora in questo campo. Qui non si paga – grazie alle borse di studio che finanziano il 60% delle attività – ed è  la nostra politica: dare voce al talento, non perderlo perché la frequenza costa troppo, come succede in altre scuole…

D) Lo scrittore Amitav Ghosh lamenta uno scarso interesse per il tema ambientale nella letteratura contemporanea. Concordi?

R) Mi pare che gli scrittori rispondano e debbano rispondere al problema. Il lavoro (per rimanere sul tema di Scriba), produce oggi un problema ecologico, invece dovrebbe salvare la Terra. Tema che dovrebbe essere centrale nella nostra agenda. A me capita spesso di far riflettere sulle stragi, sugli attentati, ma poi potremo morire “bruciati” tra qualche anno per il riscaldamento globale! La narrativa noir infatti parla di questi temi perché molti problemi ambientali hanno a che fare con il crimine. Io ne ho scritto ma penso anche, per esempio, alle opere di Massimo Carlotto. Ma forse non facciamo abbastanza…

D) Secondo te quali sono le emergenze ambientali da affrontare prioritariamente?

R) Ci sono diversi problemi, ma inizierei dallo smaltimento criminale dei rifiuti e dal surriscaldamento globale. Io ho due figlie di sei anni e penso a come vivranno – e se ci sarà ancora questo mondo!

D) E cosa fai nella tua vita quotidiana per migliorare l’ ambiente?

R) Ho la fortuna di vivere in una regione come l’Emilia-Romagna che è abbastanza attrezzata a questo riguardo. Per esempio, per la raccolta differenziata o il risparmio energetico, ma dobbiamo fare di più. Io uso poco l’auto ma comunque l’agire individuale non basta. Va benissimo, ma è necessaria un’azione politica anche se non ci si può limitare all’approvazione di buone leggi che poi non si rispettino o non si applichino…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende