Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Il pesce giusto”: 50 ricette con un occhio alla salute del mare:

“Il pesce giusto”: 50 ricette con un occhio alla salute del mare

febbraio 17, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Il pesce che consumiamo abitualmente rischia di sparire: secondo gli esperti, l’80% degli stock ittici ha raggiunto o superato i quantitativi massimi di pesce sostenibile. Ma solo il 10% delle oltre 700 specie commestibili presenti nei nostri mari viene effettivamente commercializzato. Meglio quindi puntare su altre specie, che spesso sono anche meno costose. Se volete sbizzarrirvi ai fornelli ma non sapete che pesci pigliare, “Il pesce giusto“, da poco pubblicato dalla casa editrice Terre di mezzo, è il libro che fa per voi: cinquanta ricette sfiziose create ad hoc dallo chef Giorgio Cabella, corredate da schede esaustive e da una interessante introduzione firmata dal biologo marino Enrico Biolchini.  Una valida alternativa alle specie più diffuse sulle nostre tavole, che in molti casi rischiano l’estinzione: per ogni pesce “sostenibile”, la scheda indica qual è la stagione migliore per acquistarlo e come cucinarlo, mentre le illustrazioni dettagliate vi aiuteranno a riconoscerlo sul banco della pescheria. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi un estratto dell’introduzione del libro.

Il sovrasfruttamento delle risorse ittiche

L’impatto dell’uomo sull’ambiente è pesante, questo ormai è risaputo. Sentiamo parlare di esaurimento delle risorse energetiche, idriche, minerali, del consumo fuori controllo di terra.

Anche le risorse ittiche, per quanto enormi siano gli oceani, sono da tenere sotto stretto controllo e, in alcuni casi, è già ora di correre ai ripari. Basta, infatti, parlare con un pescatore per capire quanto si siano impoveriti i nostri mari negli ultimi decenni. L’incremento della domanda di prodotti ittici, dovuto all’aumento della popolazione mondiale, e la conseguente crescita dell’offerta, lievitata anche grazie all’ammodernamento delle tecnologie impiegate nella pesca industriale, sta portando a un graduale impoverimento delle risorse itticheNel mondo ogni anno si consumano quasi 160 milioni di tonnellate di pesce (dati FAO, Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, del 2012). Secondo gli ultimi due rapporti FAO del 2012 e 2014, la percentuale di stock mondiali valutati dalle commissioni della FAO e dalla STECF (Scientific, Technical and Economic Committee for Fisheries, la commissione che nell’Unione Europea si occupa delle questioni di pesca) per i quali sono stati raggiunti o superati i quantitativi massimi di pesca sostenibile supera l’80%. Solo il 12% degli stock valutati sono risultati moderatamente sfruttati. Secondo i dati del ministero italiano delle Politiche agricole, alimentari e forestali solo il 10% circa delle oltre 700 specie commestibili presenti nei nostri mari è effettivamente commercializzato. L’esasperata concentrazione della pesca di alcune specie tra le tante disponibili è lo specchio del mercato: siamo ormai abituati a consumare solo alcuni pesci, vogliamo trovare quelli in pescheria e sui banchi del supermercato, quindi i pescatori e l’industria ittica cercano di soddisfare la richiesta.

L’intento di questo libro non è mettere al bando le specie più conosciute, quanto presentare con ottime ricette tutta la ricchezza del mare che ci perdiamo.In questo modo vorremmo promuovere un consumo più consapevole e sostenibile, curando anche il portafogli, visto che in alcuni casi i pesci che vi proponiamo sono più economici dei cugini famosi.

Il pesce sostenibile

Come tutti gli esseri viventi, le popolazioni delle varie specie di pesci si rinnovano continuamente. Ma se peschiamo senza limitazioni, senza rispettare i cicli riproduttivi e catturiamo esemplari sempre più giovani, rischiamo, nel lungo periodo, di causare un impoverimento generalizzato dei mari, con pescate sempre più scarse. La pesca è una grande fonte di cibo a livello mondiale, alimenta numerose attività produttive, commerciali e ricreative. Deve necessariamente diventare più responsabile se vogliamo continuare a utilizzare questa risorsa in futuro senza svuotare il mare. Per questo la FAO ha stilato il “Codice di condotta per una pesca responsabile” che fornisce le linee guida per una corretta gestione della pesca e dell’acquacoltura, cercando di coinvolgere tutta la filiera nel processo di salvaguardia e responsabilizzazione. È importante, inoltre, adottare comportamenti consapevoli non solo nella fase di cattura, ma anche nei processi successivi (conservazione, trasporto, commercializzazione e consumo). Consumare solo pesce sostenibile non è facile perché i fattori da considerare sono numerosi: stato dello stock, metodo di cattura, stagionalità, chilometro zero e taglia minima. Per essere certi di scegliere un pesce completamente sostenibile, dovremmo essere sicuri che appartenga a una specie e a uno stock non sovrasfruttato, che sia stato catturato con un metodo dal basso impatto ambientale e completamente selettivo, in un periodo che non coincida con la stagione riproduttiva, e che sia della taglia giusta; dobbiamo inoltre consumarlo il più possibile vicino al luogo di cattura per ridurre l’inquinamento derivato dal trasporto.

È facile capire come nemmeno la piccola pesca artigianale possa sempre garantire tutti questi fattori. Naturalmente c’è una grande differenza tra l’impatto che ha l’industria ittica, che usa pescherecci più o meno grandi per fini commerciali, e quella sportiva, che cattura pochissimi esemplari con mezzi molto selettivi.Guardando alla pesca industriale degli ultimi 25-30 anni, notiamo come si sono potenziate le imbarcazioni e gli attrezzi da pesca sono diventati sempre più efficaci e produttivi, concorrendo all’aumentato a dismisura del pescato. Le piccole imbarcazioni, che faticano parecchio a sopravvivere a causa della riduzione del loro pescato, hanno dimostrato maggiore interesse nella salvaguardia ambientale, mentre i grandi pescherecci aggirano il problema della scarsità di pesce spostandosi in zone ancora pescose e più distanti dalla costa. Nelle prossime pagine approfondiremo i principali fattori da tenere in considerazione per un consumo consapevole e sostenibile del pesce per poter scegliere al meglio le specie da comprare.

Enrico Biolchini* e Giorgio Cabella**

* Biologo marino e ricercatore all’Acquario di Genova, ha coordinato per l’Italia la campagna europea Mr. Goodfish, promossa dal World Ocean Network per sensibilizzare il pubblico e gli addetti ai lavori sul consumo responsabile delle risorse marine. Per saperne di più: mrgoodfish.com.

* Chef genovese specializzato in cucina di mare. Nelle sue ricette coniuga sapori antichi e nuovi, e pone una grande attenzione alla provenienza delle materie prime. Tiene regolarmente corsi in cui insegna a riconoscere e a valorizzare gli ingredienti di stagione. Il suo sito è chefecultura.it.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende