Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Il Pianeta tossico” e affollato: la crescita demografica impazzita e gli effetti sulle risorse:

“Il Pianeta tossico” e affollato: la crescita demografica impazzita e gli effetti sulle risorse

gennaio 27, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Affolliamo un pianeta che abbiamo inquinato e depredato fino al punto di non ritorno. Entro il 2050 dovremo raddoppiare la produzione di cibo per sfamare più di 9 miliardi di persone – oppure ridurre gli sprechi e cambiare gli stili di vita. Perché le terre coltivabili sono finite, i pesticidi avvelenano l’acqua, deforestazione e fertilizzanti accelerano i cambiamenti climatici che a loro volta causeranno siccità e inondazioni, minacciando i fragili raccolti di un’agricoltura intensiva che divora enormi quantità di energia. Siamo troppi, consumiamo già il doppio delle risorse che la Terra può generare e vorremmo consumare ancora di più. Il baratro è sotto i nostri piedi. Il Pianeta tossico“, da poco pubblicato da Piano B edizioni, racconta la più grande sfida che l’umanità abbia mai affrontato: sopravvivere a se stessa. Perché non c’è alcun pianeta da salvare: la Terra può benissimo fare a meno di noi, l’ha fatto per miliardi di anni, e potrebbe tornare a farlo presto. Il giornalista scientifico Giancarlo Sturloni, autore del volume, lo spiega con un linguaggio chiaro e diretto, senza tecnicismi o prudenze, per offrire al lettore la possibilità di comprendere le cause della crisi ambientale e cosa ci attenda nei prossimi decenni. Si chiede se possiamo evitare la catastrofe, o se non sia già troppo tardi. Spingendosi a immaginare cosa resterà del nostro mondo: scheletri di megalopoli, pozzanghere di veleni chimici, barre di combustibili nucleari, spiagge arcobaleno di granelli di plastica. Con una convinzione: l’ambientalismo non è grido di allarme. È una critica radicale al modello di sviluppo che ci ha condotti sull’abisso. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un paragrafo del terzo capitolo, dal titolo “Siamo troppi”.

Il primo fu il naturalista olandese Antoni van Leeuwenhoek, nella seconda metà del Seicento. Osservando al microscopio il frenetico accalcarsi dei suoi spermatozoi in una goccia di liquido seminale, non resistette alla tentazione di calcolare la popolazione umana che abitava la Terra. A forza di riprodurci, pensò, presto esauriremo lo spazio che ci è concesso e ci troveremo a sgomitare come spermatozoi in uno schizzo di sperma.

In quel primo sforzo di stimare quanti esseri umani potesse sopportare la Terra, van Leeuwenhoek partì dall’ipotesi che in Olanda vivessero all’incirca un milione di persone, e che la superficie abitabile del pianeta avesse un’estensione 13.000 volte maggiore del suo paese d’origine. Ai suoi occhi, nell’Olanda di allora si stava già fin troppo stretti, sicché immaginò che le altre regioni abitate non fossero ancor più affollate. E così arrivò a concludere che sulla Terra vivessero circa tredici miliardi di persone. E che il pianeta non potesse sopportarne di più.

In realtà, all’epoca di van Leeuwenhoek la popolazione umana si aggirava intorno al mezzo miliardo. Mentre gli olandesi, che oggi sono sei milioni, e con oltre quattrocento individui per chilometro quadrato conservano il primato europeo di densità demografica, hanno imparato a stiparsi meglio. Eppure, nonostante le premesse sbagliate, le nostre stime sul carico di persone che il pianeta può reggere non sono poi così lontane da quelle azzardate quattro secoli fa dal naturalista olandese.

Come detto, oggi siamo oltre sette miliardi, e al ritmo conigliesco di un milione in più ogni quattro giorni e mezzo, entro fine secolo arriveremo a dieci miliardi. Forse la Terra può sopportare un numero di persone ancora maggiore. Ma non c’è dubbio che si comincia a stare stretti. Non tanto per ragioni di spazio, bensì in termini di risorse naturali disponibili per la nostra stessa sopravvivenza.

E anche su questo le prime preoccupazioni risalgono a parecchio tempo fa. Verso la fine del Settecento un giovane reverendo anglicano di nome Thomas Malthus si accorse che nella sua chiesa del Surrey si celebravano più battesimi che funerali. L’ecclesiastico fece due più due e nel 1798 pubblicò il suo celebre Saggio sul principio di popolazione, ammonendo che la specie umana proliferava troppo rapidamente rispetto alla disponibilità di cibo. Presto o tardi, ragionò Malthus, non ne avremmo avuto a sufficienza per tutti.

Il padre della demografia aveva osservato che, in natura, quando una popolazione cresce troppo in fretta rispetto alle risorse a disposizione va incontro a un collasso demografico, talvolta fatale per l’intera specie. E non trovava ragioni per cui la nostra specie avrebbe potuto fare eccezione.

Malthus aveva però sottostimato il potere dell’innovazione tecnologica, che proprio all’epoca conobbe un’accelerazione sorprendente. La rivoluzione industriale e la scoperta dei combustibili fossili permisero all’umanità di aumentare la produzione di cibo oltre ogni aspettativa, sostenendo una crescita demografica vertiginosa.

Forse però Malthus non aveva completamente torto. Lo sviluppo tecnologico potrebbe avere solo rimandato il problema.

La storia umana mostra che in passato anche civiltà tecnologicamente

evolute si sono scontrate con i limiti imposti dalla finitezza delle risorse naturali. Lo sfruttamento eccessivo dell’ambiente ha sempre giocato un ruolo cruciale nel loro rapido declino, che spesso è giunto inaspettato, poco dopo aver raggiunto il culmine della prosperità.

A decretare la fine degli antichi abitanti dell’Isola di Pasqua, per esempio, fu il disboscamento completo del territorio. Per iMaya, invece, una funesta combinazione di crescita demografica, danni ecologici e mutamenti climatici.

Per caso vi ricorda qualcosa?

Deforestazione, distruzione degli habitat, erosione del suolo, prosciugamento delle risorse idriche, eccesso di caccia e pesca,aumento eccessivo della popolazione, pratiche agricole insostenibili, cambiamenti climatici: sono questi gli ingredienti ambientali che hanno spinto al collasso le civiltà del passato. Noi moderni potremmo aggiungere una spolveratina di sostanze artificiali supertossiche. Il tutto condito, oggi come ieri, con una sottovalutazione dei segnali premonitori, nell’incapacità di capire la gravità della minaccia o per il prevalere di interessi egoistici di parte. Ed ecco la ricetta del perfetto eco-suicidio.

Certo, quando gli abitanti dell’Isola di Pasqua, uno sperduto fazzoletto di terra in mezzo all’oceano, hanno abbattuto l’ultimo albero, non avevano un altro luogo dove andare. Ma oggi chel’umanità è sostenuta da un’economia che opera su scala globale, l’intero pianeta è un’isola. E se finiranno le risorse, nemmenonoi avremo un altro posto dove andare.

Giancarlo Sturloni*

* Si occupa di formazione e consulenza in campo scientifico, sanitario e ambientale. Collabora con la Rai e scrive per l’Espresso, curando anche il blog d’autore Toxic Garden sui rischi ambientali. Insegna Comunicazione del rischio all’Università degli Studi di Udine e Governance e cittadinanza scientifica alla SISSA di Trieste. È autore di diversi libri tra cui Le mele di Chernobyl sono buone. Mezzo secolo di rischio tecnologico (Sironi, 2006). Con Daniela Minerva ha curato il volume Di cosa parliamo quando parliamo di medicina (Codice, 2007). Nel cassetto ha una laurea in fisica, un master in comunicazione della scienza e un dottorato in scienza e società.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende