Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Il platano plurisecolare di Luserna, testimone di 470 anni di storia:

Il platano plurisecolare di Luserna, testimone di 470 anni di storia

marzo 5, 2013 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Proseguono i racconti della serie “Giona degli Alberi“, scritti in esclusiva per Greenews.info da Tiziano Fratus, in viaggio alla ricerca degli alberi monumentali italiani. La sesta puntata è dedicata al platano di Luserna San Giovanni, in provincia di Torino. Il prossimo 21 marzo arriverà in libreria l’ultimo libro di Fratus, dal titolo “Manuale del perfetto cercatore d’alberi” (Kowalski): una guida pratica e insieme “filosofica” per tutti coloro che vogliono allevare il cercatore di alberi che riposa in ciascuno di noi.

Diverse persone mi segnalano una grossa quercia, “che ci vogliono diverse persone ad abbracciarla tutta”, almeno otto, anche dieci. L’ultimo in ordine di tempo è un caro amico, il poeta di Savigliano Beppe Mariano. Così, seppellito nella noiosa luce lattiginosa di una mattina d’inverno ci vado, a Luserna San Giovanni. Il comune è l’unione di due altri paesi che sono rimasti separati, e giustamente, per alcuni secoli, San Giovanni Pellice, che si trova alla destra del corso del fiume, il paese basso, il più abitato e dinamico, e Luserna, o Luserna Alta, che invece occupa uno spazio contenuto alla sinistra del corso del fiume, risalendo la valle in direzione Torre Pellice, tangendo il confine meridionale della provincia di Torino. Questi due agglomerati sono rimasti separati dall’anno del Signore 1657 al 1872. Due date antiche che un albero qui presente dovrebbe aver annotato nei suoi anelli interni.

Raggiunta Luserna Alta cercate la chiesa, che troverete facilmente, parcheggiate. Sulla vostra destra via Cavour che porta ad una cancellata con dentro degli alberi non grandi, quindi il sentiero che circonda la proprietà dell’Immacolata, un budello di pietre sopraelevato da due ponticelli in pietra. Percorrendolo il sentiero ci passate sotto e noterete spuntare, dalla cima, le lunghe e contorte ramificazioni di un platano, l’albero che stiamo cercando. Per vederlo da vicino e toccarlo bisogna tornare alla Parrocchiale, oltre noterete l’ingresso del Seminario Missionario Diocesano Redemptor Mater (piazza Parrocchiale n°17).

I missionari sono molto cordiali e mi fanno entrare. Chiedo di vedere il platano e mi fanno incontrare un anziano signore che è la memoria storica della zona. Ha 82 anni e si chiama Paolo. E’ figlio di un vecchio proprietario della zona e mi racconta che un tempo qui c’erano ben cinque grandi alberi. Suo padre, nel1930, aveva sentito dire, da un vecchio signorotto locale, che il platano aveva 390 anni. Se si sommano gli ottandadue anni che ci separano da quell’anno ai 390 abbiamo una cifra assolutamente affascinante: 470 anni (circa), ovvero l’albero dovrebbe essere stato messo a dimora intorno al 1540! Mezzo secolo dopo la scoperta dell’America da parte degli europei.

I cinque alberi erano il platano, un tiglio plurisecolare con un grosso tronco che si separava in tre branche primarie, abbattuto da una tromba d’aria nell’autunno del 1958; un pino altissimo che si vedeva dalla scuola: quando Paolo usciva tornava a casa seguendo la punta del pino. Una “Tula” come la chiama lui, un “Tulipiè” nel vernacolo locale, l’occitano, ovvero un Liriodendron tulipifera, un liriodendro o come lo chiamano i francesi Tulipier o Tulipier de Virginie (esiste anche un Tulipier de Chine, raro, Liriodendron chinense), abbattuto da un fulmine nel giugno del 1959, l’anno dopo la caduta del tiglio; aveva un diametro di 320 cm ovvero una circonferenza di circa dieci metri. Infine l’altro albero che è rimasto, una sequoia gigante. La si vede spuntare nello spiazzo ghiaioso all’ingresso del Seminario. Provo a chiedere se sa quando è stato messo a dimora, non lo sa ma mi dice che era un albero meraviglioso, già grande quando lui era ragazzo, ha iniziato a seccare quando negli anni Sessanta venne deciso di costruire uno degli edifici che ora danno su questo spiazzo, dove prima c’era un giardino pensile. Durante la costruzione segarono alcune radici e la sequoia iniziò a seccare, lentamente. Oggi svetta nei suoi ventidue metri di altezza, con la maggior parte della chioma secca. Sei metri di circonferenza del tronco,un’enorme iperplasia alla base, una lunga radice – nervosissima – emersa. Produce coni piccolissimi, grossi come il mio pollice, lunghi tre, tre centimetri e mezzo. I missionari mi dicono che è in programma l’abbattimento, inizia a pendere pericolosamente verso gli edifici.

Il platano si trova all’inizio di un prato, ad alcune decine di metri di distanza dal complesso missionario e dal vecchio convento dell’Immacolata, i proprietari di questi alberi fino all’inverno scorso. Un gregge di pecore si ristora accanto all’albero, da un ramo pende un’altalena in legno. Molto romantico. Si supera un cancello basso e si approda alle radici espanse di questo gigante. Sono molto sorpreso che non sia stato incluso nel volume fotografico curato dalla Regione Piemonte, Alberi monumentali del Piemonte. Ha una forma a imbuto rovesciato simile ai platani del parco del Castello di Racconigi, nel cuneese. Il tronco,circolare, sale e supera i quattro metri, quando inizia a emettere branche laterali, almeno quattro, prima che il tronco si riduca sensibilmente e continui per un altro metro e mezzo e sciogliersi in una chioma molto ampia,più larga che alta, circa trenta metri di diametro. L’altezza totale dell’albero è intorno ai ventuno, ventidue metri. Misuro la circonferenza del tronco a petto d’uomo e alla radice: 735 e 1680 cm! Le foglie sono piccole, se l’età è corretta non può che trattarsi di un Platanus orientalis, in questo periodo non è facilissimo studiare le caratteristiche degli appartenenti a questa specie, poiché i semi pendenti, gli achenosi, sono sfatti, le foglie quasi tutte frante. E oltremodo, non avendo dati storici certi ma testimonianze riportate nessuno può assicurarne la veridicità. Le poche foglie che noto non mi paiono dell’orientalis, bensì di una forma ibrida,ma la forma del tronco sì, e così la screpolatura abbondante della scorza dalla base del tronco. Se fosse un ibrido non potrebbe avere più di quattro secoli, comunque un’età sorprendente.

Mi siedo sull’altalena, mentre alcune pecore, belanti, si accostano alla recinzione, a pochi passi di distanza. Mi fissano. Forse aspettano del cibo o semplicemente si chiedono cosa faccia quel bipede che gira intorno alloro platano. Il cielo s’è liberato, il sole ora arriva fin qui a baciare e a riscaldare la pelle.

Tiziano Fratus

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende