Home » Bollettino Europa »Rubriche » Il settore elettrico come informatica e telefonia mobile. La prossima rivoluzione europea:

Il settore elettrico come informatica e telefonia mobile. La prossima rivoluzione europea

marzo 30, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Circa un mese fa la Commissione Europea ha presentato la propria strategia per realizzare a livello UE il mercato unico dell’energia. Tra le misure descritte c’era anche quella dedicata al mercato dell’elettricità, che, secondo l’Esecutivo di Bruxelles, sarà riorganizzato al fine di renderlo “più interconnesso, più reattivo e più rinnovabile”. Circa questo ultimo punto l’energia prodotta a livello locale, anche da fonti rinnovabili, dovrà essere assorbita nella rete in modo efficiente aumentandone il ricorso.

L’Unione dell’Energia pone quindi notevoli sfide, anche al settore elettrico, il quale, sia in Italia sia in Europa, ha vissuto un rapido e profondo cambiamento che ne ha influenzato la struttura e le logiche competitive, rendendo necessario un nuovo assetto del mercato elettrico e della normativa.

Da questa considerazione si è sviluppato il dibattito durante il convegno dal titoloRipensare il mercato elettrico: evoluzione industriale e convergenza europea”, organizzato a Roma il 25 marzo scorso da assoRinnovabili in collaborazione con Althesys.

Il settore elettrico – ha spiegato Agostino Re Rebaudengo, Presidente di assoRinnovabili – andrà incontro nei prossimi anni ad una rivoluzione simile a quella intervenuta nell’informatica e nella telefonia mobile”. Secondo il Presidente, due fatti paralleli accomunano il settore dell’IT a quello delle rinnovabili. Da una parte L’efficienza energetica delle energie rinnovabili sta vivendo la propria crescita esponenziale nel solare e eolico. Dall’altra, come nell’Internet delle Comunicazioni che vede oggi connessi oltre 3 miliardi di persone (il 40% della popolazione mondiale), dove i costi fissi per la costruzione dell’infrastruttura sono rilevanti, ma il costo marginale di scambiarsi le informazioni è praticamente nullo, anche nell’Internet dell’Energia che sta prendendo piede i costi fissi sono significativi, ma il costo marginale di produrre energia solare o eolica è prossimo allo zero. Internet, energie rinnovabili e generazione distribuita presto si fonderanno, creando un Internet dell’Energia che cambierà il modo in cui si produce e si distribuisce l’elettricità.

In questo scenario, quindi, le fonti rinnovabili saranno il punto di partenza dal quale si declinerà l’intero settore dell’elettricità. Anche perché hanno soddisfatto nel 2014 quasi il 40% del fabbisogno elettrico nazionale. Un obiettivo del tutto in linea con quello UE di ridurre le emissioni di gas a effetto serra almeno del 40%, incrementare l’energia da fonti rinnovabili almeno del 27% e migliorare l’efficienza energetica almeno del 27%.

Tuttavia, per fare ciò, occorre ridisegnare il mercato del settore elettrico italiano che, nel rispetto del target europei, deve essere in grado di adeguarsi alle mutate caratteristiche di generazione, di trasmissione e di consumo e deve saper cogliere le novità.

A questo proposito, durante l’incontro, è stato anche presentato lo studioIl settore elettrico italiano, quale market design?” commissionato all’economista Alessandro Marangoni, CEO della società di analisi economiche Althesys.

In cui Marangoni sostiene che la veloce trasformazione vissuta dal settore elettrico italiano, tuttora in corso, richiede sì una pluralità di interventi, ma nel quadro di un processo complessivo e strutturato di ripensamento del mercato. Fondamentale, secondo l’economista, è che a monte di ciò ci sia un atto di legislazione primaria che comprenda tutti gli aspetti normativi ad esso collegati, quali ad esempio quelli fiscali. Allo Stato pare, invece, mancare una strategia organica di riforma del mercato, con l’indicazione di una chiara direzione sulle modalità con cui le rinnovabili dovranno essere integrate nel sistema.

Qualsiasi revisione del sistema deve, inoltre, fondarsi sul principio basilare di tutela degli investimenti esistenti, prevedendo un assetto del mercato equilibrato in tutte le sue componenti, per assicurare un’adeguata prosecuzione al naturale percorso di integrazione delle fonti energetiche rinnovabili. Secondo l’economista potrebbe, quindi, essere utile un sistema di raccolta di informazioni e di best practice degli operatori ad opera di un soggetto terzo indipendente, al fine di adottare le migliori soluzioni, minimizzare gli oneri per gli operatori puntando alla massima efficienza del sistema. L’equilibrio tra gli obiettivi di politica energetica ed ambientale, la sostenibilità gestionale ed economica e l’interesse generale di ottimizzare il funzionamento di tutto il sistema devono, infatti, essere il principio cardine su cui fondare il futuro ridisegno del mercato.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

gennaio 10, 2017

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

“Big things happen here” è il motto con cui la città americana di Dallas punta ad attrarre i turisti internazionali, compresi gli Italiani, ai quali è stato riservato anche l’hashtag #DallasValeUnViaggio. E in questo caso la grandezza degli investimenti in campo tiene sicuramente fede al claim: si parla infatti di progetti mirati ad una rivitalizzazione della [...]

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

gennaio 10, 2017

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

E’partita il 9 gennaio la campagna nazionale “Fitofarmaci? No grazie” sul portale di equity crowdfunding WeAreStarting, promossa dalla PMI Innovativa Noxamet, spin-off  nata dalla collaborazione tra i team di ricerca delle Università degli Studi di Pavia e di Siena sul progetto “Biotechnology” promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). I due team universitari, il primo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende