Home » Bollettino Europa »Rubriche » Il settore elettrico come informatica e telefonia mobile. La prossima rivoluzione europea:

Il settore elettrico come informatica e telefonia mobile. La prossima rivoluzione europea

marzo 30, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Circa un mese fa la Commissione Europea ha presentato la propria strategia per realizzare a livello UE il mercato unico dell’energia. Tra le misure descritte c’era anche quella dedicata al mercato dell’elettricità, che, secondo l’Esecutivo di Bruxelles, sarà riorganizzato al fine di renderlo “più interconnesso, più reattivo e più rinnovabile”. Circa questo ultimo punto l’energia prodotta a livello locale, anche da fonti rinnovabili, dovrà essere assorbita nella rete in modo efficiente aumentandone il ricorso.

L’Unione dell’Energia pone quindi notevoli sfide, anche al settore elettrico, il quale, sia in Italia sia in Europa, ha vissuto un rapido e profondo cambiamento che ne ha influenzato la struttura e le logiche competitive, rendendo necessario un nuovo assetto del mercato elettrico e della normativa.

Da questa considerazione si è sviluppato il dibattito durante il convegno dal titoloRipensare il mercato elettrico: evoluzione industriale e convergenza europea”, organizzato a Roma il 25 marzo scorso da assoRinnovabili in collaborazione con Althesys.

Il settore elettrico – ha spiegato Agostino Re Rebaudengo, Presidente di assoRinnovabili – andrà incontro nei prossimi anni ad una rivoluzione simile a quella intervenuta nell’informatica e nella telefonia mobile”. Secondo il Presidente, due fatti paralleli accomunano il settore dell’IT a quello delle rinnovabili. Da una parte L’efficienza energetica delle energie rinnovabili sta vivendo la propria crescita esponenziale nel solare e eolico. Dall’altra, come nell’Internet delle Comunicazioni che vede oggi connessi oltre 3 miliardi di persone (il 40% della popolazione mondiale), dove i costi fissi per la costruzione dell’infrastruttura sono rilevanti, ma il costo marginale di scambiarsi le informazioni è praticamente nullo, anche nell’Internet dell’Energia che sta prendendo piede i costi fissi sono significativi, ma il costo marginale di produrre energia solare o eolica è prossimo allo zero. Internet, energie rinnovabili e generazione distribuita presto si fonderanno, creando un Internet dell’Energia che cambierà il modo in cui si produce e si distribuisce l’elettricità.

In questo scenario, quindi, le fonti rinnovabili saranno il punto di partenza dal quale si declinerà l’intero settore dell’elettricità. Anche perché hanno soddisfatto nel 2014 quasi il 40% del fabbisogno elettrico nazionale. Un obiettivo del tutto in linea con quello UE di ridurre le emissioni di gas a effetto serra almeno del 40%, incrementare l’energia da fonti rinnovabili almeno del 27% e migliorare l’efficienza energetica almeno del 27%.

Tuttavia, per fare ciò, occorre ridisegnare il mercato del settore elettrico italiano che, nel rispetto del target europei, deve essere in grado di adeguarsi alle mutate caratteristiche di generazione, di trasmissione e di consumo e deve saper cogliere le novità.

A questo proposito, durante l’incontro, è stato anche presentato lo studioIl settore elettrico italiano, quale market design?” commissionato all’economista Alessandro Marangoni, CEO della società di analisi economiche Althesys.

In cui Marangoni sostiene che la veloce trasformazione vissuta dal settore elettrico italiano, tuttora in corso, richiede sì una pluralità di interventi, ma nel quadro di un processo complessivo e strutturato di ripensamento del mercato. Fondamentale, secondo l’economista, è che a monte di ciò ci sia un atto di legislazione primaria che comprenda tutti gli aspetti normativi ad esso collegati, quali ad esempio quelli fiscali. Allo Stato pare, invece, mancare una strategia organica di riforma del mercato, con l’indicazione di una chiara direzione sulle modalità con cui le rinnovabili dovranno essere integrate nel sistema.

Qualsiasi revisione del sistema deve, inoltre, fondarsi sul principio basilare di tutela degli investimenti esistenti, prevedendo un assetto del mercato equilibrato in tutte le sue componenti, per assicurare un’adeguata prosecuzione al naturale percorso di integrazione delle fonti energetiche rinnovabili. Secondo l’economista potrebbe, quindi, essere utile un sistema di raccolta di informazioni e di best practice degli operatori ad opera di un soggetto terzo indipendente, al fine di adottare le migliori soluzioni, minimizzare gli oneri per gli operatori puntando alla massima efficienza del sistema. L’equilibrio tra gli obiettivi di politica energetica ed ambientale, la sostenibilità gestionale ed economica e l’interesse generale di ottimizzare il funzionamento di tutto il sistema devono, infatti, essere il principio cardine su cui fondare il futuro ridisegno del mercato.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende