Home » Rubriche »Very Important Planet » Il sub-regista Torelli: “le scelte della spesa quotidiana possono cambiare il mondo”:

Il sub-regista Torelli: “le scelte della spesa quotidiana possono cambiare il mondo”

aprile 28, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Thomas Torelli a soli 14 anni s’iscrive alla scuola statale d’arte, specializzazione fotografia e inizia a lavorare dietro l’obiettivo. Diventa  una professione. Oggi il regista, classe 1975 e culla romana, gira il mondo per raccogliere immagini, raccontare storie e intervenire sui grandi temi politici e sociali. Fuori dal sistema industriale, grazie all’autofinanziamento. Per questo ama definirsi “sub-regista Torelli”, al servizio del popolo. Evidente riferimento al sub-comandante Marcos su cui ha girato nel 2006: “L’altro Messico – Il ritorno del Subcomandante Marcos”. Poi sono arrivati “Zero – Inchiesta sull’11 settembre”, e “Sangue e Cemento”, documentario sul terremoto in Abruzzo, tra i finalisti del prestigioso premio Nastri d’Argento. Infine Un Altro Mondo e il recente Food Relovution, un documentato j’ accuse contro l’industria alimentare globale dove fa sentire le voci critiche di Vandana ShivaPeter Singer e del padre di Slow Food Carlo Petrini.

D) Thomas, nella tua ultima opera Food Revolution descrivi in profondità i meccanismi perversi dell’industria alimentare globale. Come è nata questa esigenza di raccontare il dietro le quinte del cibo?

R) Non è solo un documentario dedicato al cibo, ma soprattutto all’ambiente e all’uomo. Era nata da poco mia figlia e mi sono interrogato sulle cose che rendono più difficile la vita in questo mondo. Ho scoperto il potere negativo dell’allevamento intensivo e ho iniziato a documentarmi e scavare. Dietro la spesa quotidiana si nasconde un universo, la scelta su quello che acquistiamo ogni giorno può cambiare il mondo. Penso al tema dell’olio di palma, la voce dei consumatori ha permesso di incidere sulla realtà del mercato e molte aziende si sono adeguate. Con Food Relovution ho voluto riflettere sugli effetti provocati dagli allevamenti intensivi: danni all’ambiente, all’uomo e agli animali.

D) Per finanziare il documentario hai usato lo strumento del crowdfunding, una scelta con riflessi non solo finanziari.Oltre ad aver ottenuto i fondi si è costruita una vera e propria comunità?

R) Una bellissima esperienza che mi ha confermato, grazie alla tourneè di “Un Altro Mondo” che si può pensare ad opere concepite con la comunità che ti segue. Lo dimostrano le oltre 400 serate indipendenti e autogestite organizzate in giro per l’Italia. In questo modo condivido messaggi poco diffusi e le persone si sentono parte di questa missione. E’ bellissimo che questo film sia stato finanziato da 700 persone, una partecipazione che ci rende liberi. Parafrasando Marcos – sub comandante perché si posiziona sotto il popolo - mi piace definirmi sub registaTorelli. Quello che faccio lo faccio per la gente. Con il crowdfunding ho raccolto 50.000 euro , sono arrivati anche contributi dall’estero. E’ uno strumento che continuerò ad utilizzare per superare l’imbuto della parte produttiva e distributiva.

D) Stai lavorando ad un altro film?

R) Ad ottobre partirà la campagna. Con Food Relovution la rivoluzione è scegliere cioè che mangi, con quest’opera punto ad una rivoluzione interiore: lasciare andare la rabbia e saper perdonare. In altri termini: decidere di essere persone diverse. Deepak Chopra nel libro “Le sette chiavi della felicità” ne individua una eccezionale: smettila di avere ragioneBellissimo, se la gente smettesse di lottare per avere sempre ragione finirebbero le guerre.

D) Alterni interviste e animazione. Come mai questa scelta?

R)  Due ragioni: cercare di portare questi argomenti al di là delle cerchia delle persone già dentro queste tematiche. Sensibilizzare chi non conosce, per questo quindi ammorbidisco non i contenuti, ma le immagini. Non faccio vedere i macelli ma faccio parlare personaggi animati su una tematica drammatica. Seconda ragione: portare il film nelle scuole con un linguaggio che possono apprezzare anche i giovani

D) Nel documentario insisti sugli effetti drastici degli allevamenti intensivi, non solo sull’effetto serra. Peggio dell’industria. Il problema principale è rivoluzionare l’industria agricola?

R) Una delle cose che mi ha mosso è lo squilibrio: la stessa quantità di grano prodotto negli USA per il bestiame basterebbe a sfamare tutte le persone che muoiono di fame. Per mangiare cose che non ci fanno bene stiamo distruggendo il pianeta! E i primi a pagare il conto sono i più poveri…

D) Quali sono i tuoi comportamenti quotidiani a favore dell’ambiente?

R) Da una buona alimentazione all’acquisto della macchina ibrida, poi i pannelli solari di cui sto ancora pagando le rate. Cerco di fare del mio meglio…

D) Sei vegetariano?

R) Voglio fare una battaglia contro le etichette alimentari che creano separazione. E’ pieno sui social di discussioni su cosa è giusto o sbagliato, con una guerra infinita tra chi fa parte di una fazione o di un’altra. Invece di dividersi è necessario lottare per chiudere gli allevamenti intensivi, far riflettere chi va spesso al fast food per farlo andare di meno. Basterebbe questo.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende