Home » Campioni d'Italia »Rubriche » E’ora che torni “Il tempo delle api”. Storia di un film emozionale in cerca di crowdfunding:

E’ora che torni “Il tempo delle api”. Storia di un film emozionale in cerca di crowdfunding

novembre 30, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Immagini, concetti ed emozioni che svelano la vita delle api senza chimica. Un racconto più umano che entomologico quello dei registi Rossella AnitoriDarel Di Gregorio nel documentario “Il tempo delle api” dove parlano dei nostri amati insetti grazie alla scelta senza veleno di Mauro e Valerio. Due apicoltori che in una Comune dei Castelli Romani sperimentano la via senza chimica nell’allevamento delle api. Una storia ad alto tasso biologico già scritta, filmata e montata, manca solo un ultimo gradino per chiudere il cerchio: “Ora ci aspetta un’ultima sfida – spiegano i due filmaker - raccogliere con il crowdfunding la somma necessaria alla post-produzione e iniziare la distribuzione del documentario“.

La colletta via web è iniziata nei giorni scorsi e ha già raccolto 2.000 euro:”Abbiamo fatto un primo crowdfunding che ci ha permesso di avere i 5.000 euro necessari per far partire il progetto, ora ne servono 15.000 per chiuderlo. Sono soldi necessari per pagare tutti i professionisti come l’autore della colonna sonora, il montatore, il grafico, la regia, la post-produzione e la promozione “, spiegano Rossella e Darel che, oltre ad aver convinto gli amanti della natura, hanno ricevuto il sostegno dei professionisti delle arnie:”tra i donatori ci sono anche degli apicoltori, nonostante lo scetticismo di quelli tradizionali. Ci siamo confrontati con un settore chiuso alle novità, ma il nostro film vuole aprire un dibattito, far discutere. E’ necessaria una riflessione a più voci sul tema e si può fare attraverso il confronto con il lavoro di Mauro e Valerio. Chi vedrà il film potrà constatare se l’esperimento è riuscito”. Nel frattempo l’opera ha ricevuto il patrocinio della Rete Italiana degli Ecovillaggi (Rive), del Global Ecovillages Network (GEN), di AAM Terra Nuova e la collaborazione di Lifegate Radio.

Il film  non è un reportage giornalistico, non è nemmeno un’opera di denuncia sociale, ma il tentativo, con gli strumenti del cinema, di far diventare bene comune un’esperienza di vita che vuole stimolare le riflessioni sul mondo delle api. “Sono sempre più fragili, si sono indebolite per l’uso della chimica – sottolineano i due registi – nel nostro documentario mostriamo un’apicoltura naturale senza trattamenti preventivi né medicinali. Abbiamo scelto un registro narrativo senza l’utilizzo di interviste, privilegiando le interazioni tra i protagonisti e la comunità degli apicoltori”.

Ma chi sono i due autori, “campioni” di questa storia? Rossella Anitori, 34 anni, laureata in antropologia e giornalista si è già dedicata al mondo agricolo con il documentario Pomodoro Nero girato a pochi chilometri da Foggia, in una baraccopoli abitata dagli immigrati che, pagati quasi niente, nutrono l’industria del pomodoro. Darel Di Gregorio, invece, 27 anni, dal lavoro in una casa editrice è passato dietro la macchina da presa. “Ci siamo conosciuti nella Comune dove Mauro e Valerio conducono il loro esperimento. Ci siamo detti: la storia è interessante, facciamoci un film. Nel documentario non prendiamo posizione, lasciamo parlare i protagonisti che coltivano il loro sogno registrando sia l’entusiamo che gli ostacoli che si incontrano nel portare a termine un progetto comune – sottolineano i due registi - Oltre all’inquinamento e alle malattie anche l’apicoltura intensiva è tra le cause responsabili del declino della specie. Sempre di più sono gli apicoltori in cerca di metodi naturali e rispettosi delle api. Il nostro lavoro è rivolto a chi, come loro, percorre nuove strade alla ricerca di un’alternativa. Una storia che speriamo interessi anche i non addetti ai lavori per questo non è un film d’inchiesta, ma si punta sulle emozioni“.

Rossella e Dariel credono al loro progetto perchè oggi  ”c’è una maggiore sensibilità verso la tematica ambientale. Se creiamo interesse e stimoliamo il dibattito anche le politiche possono stare al passo. In Italia c’è tanto da fare, abbiamo tante bellezze naturali e culturali, un patrimonio inestimabile che non viene curato e valorizzato. Viene lasciato poco spazio al selvatico, bisogna recuperare un equilibro”.  Una battaglia da portare avanti anche con le immagini del cinema.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende