Home » Campioni d'Italia »Rubriche » E’ora che torni “Il tempo delle api”. Storia di un film emozionale in cerca di crowdfunding:

E’ora che torni “Il tempo delle api”. Storia di un film emozionale in cerca di crowdfunding

novembre 30, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Immagini, concetti ed emozioni che svelano la vita delle api senza chimica. Un racconto più umano che entomologico quello dei registi Rossella AnitoriDarel Di Gregorio nel documentario “Il tempo delle api” dove parlano dei nostri amati insetti grazie alla scelta senza veleno di Mauro e Valerio. Due apicoltori che in una Comune dei Castelli Romani sperimentano la via senza chimica nell’allevamento delle api. Una storia ad alto tasso biologico già scritta, filmata e montata, manca solo un ultimo gradino per chiudere il cerchio: “Ora ci aspetta un’ultima sfida – spiegano i due filmaker - raccogliere con il crowdfunding la somma necessaria alla post-produzione e iniziare la distribuzione del documentario“.

La colletta via web è iniziata nei giorni scorsi e ha già raccolto 2.000 euro:”Abbiamo fatto un primo crowdfunding che ci ha permesso di avere i 5.000 euro necessari per far partire il progetto, ora ne servono 15.000 per chiuderlo. Sono soldi necessari per pagare tutti i professionisti come l’autore della colonna sonora, il montatore, il grafico, la regia, la post-produzione e la promozione “, spiegano Rossella e Darel che, oltre ad aver convinto gli amanti della natura, hanno ricevuto il sostegno dei professionisti delle arnie:”tra i donatori ci sono anche degli apicoltori, nonostante lo scetticismo di quelli tradizionali. Ci siamo confrontati con un settore chiuso alle novità, ma il nostro film vuole aprire un dibattito, far discutere. E’ necessaria una riflessione a più voci sul tema e si può fare attraverso il confronto con il lavoro di Mauro e Valerio. Chi vedrà il film potrà constatare se l’esperimento è riuscito”. Nel frattempo l’opera ha ricevuto il patrocinio della Rete Italiana degli Ecovillaggi (Rive), del Global Ecovillages Network (GEN), di AAM Terra Nuova e la collaborazione di Lifegate Radio.

Il film  non è un reportage giornalistico, non è nemmeno un’opera di denuncia sociale, ma il tentativo, con gli strumenti del cinema, di far diventare bene comune un’esperienza di vita che vuole stimolare le riflessioni sul mondo delle api. “Sono sempre più fragili, si sono indebolite per l’uso della chimica – sottolineano i due registi – nel nostro documentario mostriamo un’apicoltura naturale senza trattamenti preventivi né medicinali. Abbiamo scelto un registro narrativo senza l’utilizzo di interviste, privilegiando le interazioni tra i protagonisti e la comunità degli apicoltori”.

Ma chi sono i due autori, “campioni” di questa storia? Rossella Anitori, 34 anni, laureata in antropologia e giornalista si è già dedicata al mondo agricolo con il documentario Pomodoro Nero girato a pochi chilometri da Foggia, in una baraccopoli abitata dagli immigrati che, pagati quasi niente, nutrono l’industria del pomodoro. Darel Di Gregorio, invece, 27 anni, dal lavoro in una casa editrice è passato dietro la macchina da presa. “Ci siamo conosciuti nella Comune dove Mauro e Valerio conducono il loro esperimento. Ci siamo detti: la storia è interessante, facciamoci un film. Nel documentario non prendiamo posizione, lasciamo parlare i protagonisti che coltivano il loro sogno registrando sia l’entusiamo che gli ostacoli che si incontrano nel portare a termine un progetto comune – sottolineano i due registi - Oltre all’inquinamento e alle malattie anche l’apicoltura intensiva è tra le cause responsabili del declino della specie. Sempre di più sono gli apicoltori in cerca di metodi naturali e rispettosi delle api. Il nostro lavoro è rivolto a chi, come loro, percorre nuove strade alla ricerca di un’alternativa. Una storia che speriamo interessi anche i non addetti ai lavori per questo non è un film d’inchiesta, ma si punta sulle emozioni“.

Rossella e Dariel credono al loro progetto perchè oggi  ”c’è una maggiore sensibilità verso la tematica ambientale. Se creiamo interesse e stimoliamo il dibattito anche le politiche possono stare al passo. In Italia c’è tanto da fare, abbiamo tante bellezze naturali e culturali, un patrimonio inestimabile che non viene curato e valorizzato. Viene lasciato poco spazio al selvatico, bisogna recuperare un equilibro”.  Una battaglia da portare avanti anche con le immagini del cinema.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

novembre 12, 2020

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

FCA Italy S.p.A., società interamente controllata dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles N.V., ed ENGIE EPS, player tecnologico dell’energy storage e della mobilità elettrica, hanno stipulato un Memorandum d’Intesa per costituire una joint venture che dia vita ad un’azienda leader nel panorama europeo della e-Mobility e che potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza [...]

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende