Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Il verde declinato al rosa. La moda sostenibile di Ecopink:

Il verde declinato al rosa. La moda sostenibile di Ecopink

agosto 31, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Linda Schailon, casertana classe 1981, creatrice di capi come l’abito da annaffiare e gli anelli fatti con le cannuccie, è l’ideatrice di Ecopink, evento tutto al femminile dedicato all’ecofashion che, giunto alla sua terza edizione, si svolgerà quest’anno, dopo due edizioni milanesi, presso il The Hub King’s Cross di Londra, il 24 e il 25 settembre prossimi. Obiettivo del progetto è “quello di convogliare tutte le sinergie delle donne in un unico ‘contenitore’ in cui la loro spiccata sensibilità si trasformi in nuove forme di design sostenibile” – spiega  Linda. Ecopink si traduce quindi in una vetrina della creatività sostenibile declinata al rosa, raccontata attraverso le opere delle “Pinks”, le artiste che quest’anno approderanno al London Design Festival.


D) Linda, com’è nata l’idea di coniugare il design e la moda con l’ecologia?

R) Quando si parla di design non si può non parlare dello scenario globale e attualmente mi sembrerebbe cieca e improduttiva una progettualità che non prenda in considerazione la necessità di salvaguardare l’ambiente, individuando nell’uso di materiali naturali e riciclati il punto di partenza.

D) Quando hai iniziato a pensare al progetto Ecopink?

R) Nel 2009 realizzai Flow, una collezione di anelli con cannucce riciclate; un ingenuo espediente per suggerire “un mondo più pulito e colorato”. Il progetto suscitò grande interesse, tanto che mi arrivarono richieste di acquisto dai luoghi più disparati della terra. Fu molto incoraggiante e presto iniziai a ricevere e-mail di persone che mi chiedevano consigli su come realizzare gli anelli o che si erano dilettati a fare dei prototipi. Pensai che fornire esempi tangibili di come il “prodotto rifiuto” potesse diventare “oggetto del desiderio” educasse al riciclo, insegnasse a conferire agli oggetti una nuova identità, allungando il loro ciclo di vita e limitando tutta una serie di problematiche connesse allo smaltimento dei rifiuti, industriali o legati alla vita quotidiana. Andai allora alla ricerca di artisti e designers che condividessero la mia filosofia e che stessero lavorando con materiali inediti, allo scopo di offrire loro, e a me stessa,  un’occasione in cui potersi raccontare. Mi accorsi fin da subito che le prospettive più all’avanguardia in questo campo arrivavano dal mondo femminile. Nacque così Ecopink.

D) Un verde declianto al rosa che sa anche di impegno sociale…

R) Sicuramente. Per l’edizione 2011 ho deciso di coinvolgere designers con un vissuto socio-culturale differente, privilegiando le artiste campane, dotate di  grande talento e rara genialità, ma che operano in un contesto che, paradossalmente, non è incline a sostenere in maniera adeguata la loro creatività. Siccome non riuscirei a concepire un’arte slegata dall’educazione, in futuro mi piacerebbe portare Ecopink e progetti analoghi proprio in Campania – dove il problema della spazzatura è tutt’ora irrisolto - una grande sfida in cui si invadono ”livelli profondi” dove risiede una visone errata della Vita.

D) Ecopink è giunto alla terza edizione. Com’è cambiato l’evento dalla prima edizione milanese a quella internazionale di oggi?

R) Il progetto è semplicemente cresciuto, man mano che “green”, “recycle”, “ethicsono diventati il pane quotidiano per chi opera nel settore. La linfa vitale si è arricchita grazie alle sinergie che si sono venute a creare nel tempo e all’interesse nei confronti di un design pensato da donne, il più delle volte per donne (in fondo siamo noi che facciamo girare l’economia!), che analizza e risponde ai bisogni contemporanei con proposte acute e intelligenti, in grado di portare valore laddove non c’è.

D) Preferisci lavorare da sola o in squadra?

R) Un progetto come Ecopink sarebbe impensabile senza la sua squadra, che ne è il senso e la forza. C’è un’espressione giapponese che, in veste di “team leader”, cerco sempre di ricordare: “Itai doshin” che vuol dire “Diversi corpi, stessa mente“. E’ importante che ciascuno possa esprimere al meglio le proprie competenze e capacità. Ma altrettanto importante è guardare nella stessa direzione. Sono molto soddisfatta del team di quest’anno, siamo tutti molto in sintonia, nonostante si lavori al progetto da diverse parti del mondo: Inghilterra, Italia e Svizzera. Quest’anno, in particolare, ho avuto il piacere di collaborare con Alessia Civettini, amministratore delegato di E-side (uno dei principali operatori britannici nell’ambito delleco-commerce), una donna con una visione nitida dello scenario futuro, meticolosa come solo i veri professionisti sanno essere. Sono grata, per il suo eccellente lavoro, anche alla giornalista Viviana Passaretti e al fotografo Karim Schneider, che mi sostiene in quest’avventura fin dalla sua prima edizione. E poi ci sono ovviamente le “Pinks”, con le quali si è instaurato nel tempo un rapporto di reciproca stima e fiducia.

D) Puoi dare un consiglio ai giovani creativi “green” che cercano di far emergere il proprio talento e i propri lavori? Quali sono gli elementi su cui puntare maggiormente e quali vie consigli di percorrere?

R) Credo che i migliori lavori abbiano a che fare con una ricerca che, prima ancora di essere materica, è interiore. Ciò che rende un prodotto duraturo è in definitiva la sua storia, che nel caso dei “maestri” coincide con la loro stessa vita. Oggi ci si focalizza molto sull’obiettivo e si perde di vista il percorso. Potrebbe sembrare controproducente, ma io penso che bisognerebbe fermarsi un po’ di più e concentrarsi su quello che è veramente importante per far emergere al meglio il proprio talento e contribuire, con la propria attività, a rendere il mondo migliore di come lo abbiamo trovato. Scegliere dei validi modelli di riferimento, insieme a una buona dose di disciplina, pazienza e costanza, possono rappresentare le linee guida del successo, accanto a una visione costruttiva delle diversità.

D) Cosa ti fa andare avanti e a continuare a credere nel lavoro che fai?

R) La mia missione. Tutti ne abbiamo una e, se vuoi, col tempo puoi acquisirne consapevolezza. Gli artisti hanno questo pallino di portare la bellezza nel mondo. Ebbene, è anche il mio. Nel mio piccolo ci sto lavorando…

Elena Marcon

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende