Home » Rubriche »Very Important Planet » Il viaggio come scoperta di se stessi. Intervista a Francesca Fogar:

Il viaggio come scoperta di se stessi. Intervista a Francesca Fogar

ottobre 7, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Francesca Fogar, ha un cognome che, da solo, è eco di spedizioni, esplorazioni e avventura. Ma è anche giornalista, autrice televisiva, scrittrice, nonché velista, paracadutista e, recentemente naufraga dell’Isola dei Famosi.

Nei suoi viaggi, spesso in solitaria, si è confrontata – per caso o per volontà – con i limiti imposti dalla natura estrema. Ed è là, dove l’ambiente pone confini netti alla condizione umana, che la tempra di un’autentica viaggiatrice viene messa alla prova. Tra un ricordo nostalgico del padre e un’impressione di viaggio, le abbiamo domandato come la sostenibilità e l’attenzione all’ambiente si integrino nella sua vita e nell’attività lavorativa.

D) Francesca, nella sua veste di autrice televisiva e giornalista, come valuta lo spazio televisivo dedicato a tematiche ambientali?

R) Per il grande pubblico della tv generalista, purtroppo questo spazio si è progressivamente ridotto. A programmi come quelli che faceva mio padre, legati a natura, sport e avventura, oppure alle trasmissioni dedicate ai viaggi d’avventura (come quella di Licia Colò – ultimo baluardo della rete pubblica), viene dato sicuramente meno spazio che in passato. Sono nati però, parallelamente, alcuni canali tematici su piattaforme digitali e satellitari che dedicano attenzione al tema da diversi punti di vista.

D) Quali sono i problemi ambientali che lei ritiene oggi più urgenti e che le stanno più a cuore?

R) Ce ne sono un buon numero. Penso, innanzitutto, che il rapporto tra uomo e ambiente sia troppo incentrato sul soddisfacimento dei bisogni umani, problema da cui derivano la pressione sulle risorse della popolazione mondiale in crescita, il riscaldamento globale, l’innalzamento del livello dei mari e il disboscamento dell’Amazzonia e degli altri polmoni verdi del mondo. In campo energetico, ad esempio, il nucleare potrebbe sembrare la soluzione più pratica e ragionevole, se si guarda alla situazione di produzione e consumo. Però non se ne conoscono le conseguenze future. La soluzione dovrebbe quindi comportare investimenti verso le energie rinnovabili e, anche se oggi sembra uno sforzo enorme, alla lunga verrà ammortizzato inducendo un cambiamento di sistema.

D) Nelle sue esperienze di viaggio cosa l’ha colpita in positivo (ad esempio popoli particolarmente “green”) e cosa in negativo (zone del mondo con situazioni di degrado ambientale ecc.)?

R) Come esempio virtuoso, oltre al Nord Europa, posso citare l’Australia: ricordo di un posto chiamato Bellingen, a 400 km a nord di Sydney, dove la produzione alimentare è a km. zero e si sfruttano modalità di trasporto sostenibile e di efficienza energetica. Per quanto riguarda invece luoghi che ho trovato cambiati in peggio… diciamo che è difficile che io ritorni due volte nello stesso posto: voglio finirli prima tutti! Però, ad esempio, ogni volta che vado in Sicilia o Calabria, posti incredibili dal punto di vista naturalistico, mi colpiscono molto gli abusi edilizi, non solo perché rovinano il paesaggio, ma perché ancora una volta esprimono una totale centralità dell’uomo e una noncuranza verso l’ambiente.

D) Come vive, concretamente, la sostenibilità a Milano, la sua città?

R) Cerco di muovermi il più possibile con i mezzi pubblici e di non usare l’auto ma il motorino. Ho abbandonato l’uso della bici dopo essermi accorta della quantità di smog che si respira anche indossando la mascherina. Inoltre credo che si dia poca importanza agli spazi verdi i quali, se è vero che non cambiano di molto la qualità dell’aria, restano comunque uno spazio ricreativo importante per la vivibilità della città. Di solito nei weekend non rimango a Milano perché sento il bisogno di respirare aria buona, e di riconciliarmi con la natura, in montagna, al mare o semplicemente nel verde.

D) In una recente intervista su Vanity Fair ha parlato dell’amicizia che legava suo padre, Ambrogio Fogar, e Walter Bonatti, uomini che, nel rapporto con la natura, si sono spinti al limite. Qual è la sua visione del limite tra uomo e ambiente?

R) Sia per mio padre, sia per Bonatti come per tutti quelli che fanno questa scelta di vita, la natura rappresenta un mezzo per riflettere su sé stessi e mettersi in gioco.  La grande meraviglia, la grande paura e la grande gioia sono emozioni che riesci a vivere e ottenere soltanto se sei in un contesto “estremo”. Se però è sicuramente vero che sono le condizioni naturali più difficili a tirare fuori la capacità di confrontarsi con i propri limiti, ancor di più è la permanenza prolungata in una certa situazione a farlo. In mare, può essere tanto snervante una tempesta che scatena sensazioni di paura in cui si deve ricorrere alla propria forza di volontà, quanto l’attesa nella bonaccia, in cui sopraggiunge la noia ed emergono aspetti del carattere ignorati nella vita di tutti i giorni.

D) Quindi per lei vivere la natura in solitudine è una condizione essenziale…

R) Nonostante l’importanza della condivisione, per me la solitudine è un ingrediente senza il quale “la torta non viene fuori”. Anche una passeggiata in montagna in solitaria può avere elementi di avventura e di scoperta. La natura, grande maestra, è il mezzo che, mettendoti in condizione di benedirla o maledirla, ti permette di conoscere profondamente te stesso.

D) Quale modalità di turismo, secondo lei, può considerarsi più sostenibile? Che tipologia di viaggio predilige?

R) Penso che la vera differenza tra vacanza e viaggio sia arrivare in un posto e calarsi completamente nella vita di quel luogo. Ad esempio, se vado in India, preferisco muovermi con gli autobus locali, benché siano sporchi, maleodoranti e si rompano di continuo. In questo modo si va in controtendenza rispetto alla globalizzazione, che impone lo stile e i consumi occidentali anche all’estero, ma che ti fa perdere il sapore profondo del paese che visiti. Trovo fantastica la sensazione di raggiungere un luogo non perché ci venga portata, ma per il gusto personale di andarli a scoprire.

Sabrina Belgero & Virginia Tallone

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende