Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Ilaria Venturini Fendi. Non solo moda:

Ilaria Venturini Fendi. Non solo moda

novembre 16, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Il 14 novembre a Seoul, in Corea, Ilaria Venturini Fendi, ha ricevuto dalle mani di Franca Sozzani, direttore di Vogue Italia e ambasciatrice della campagna Fashion4Development, il primo World Fashion Grand Prize per la categoria Ethical Fashion Design, come riconoscimento del lavoro svolto nella moda con il suo marchio Carmina Campus. Il premio, istituito dal World Fashion Development Program, un’organizzazione no-profit con sede a New York presieduta da Evie Evangelou, intende offrire un riconoscimento a chi opera nel settore moda innovando, in senso etico e sostenibile, la propria impresa. Le categorie premiate includono Fashion for Humanity, Fashion Design e Green Fashion. Ma l’impegno ambientale di Ilaria Venturini Fendi va oltre le motivazioni riconosciute dal premio. La nostra inviata Agnese Pellegrini l’aveva incontrata qualche settimana prima della nomination, per raccontare, ai lettori di Greenews.info, la storia personale e professionale, a tutto tondo, di un altro esemplare di ”Campioni d’Italia.

“A chi mi chiede che lavoro faccio, rispondo l’imprenditrice agricola con l’hobby del riciclo”.

Ilaria Venturini Fendi è passata dalle stelle alle stalle, ma nel senso autentico della parola. Perché, dopo una vita trascorsa nel mondo patinato della moda (figlia di Anna, una delle tre sorelle che hanno creato l’impero del fashion, e direttore creativo degli accessori Fendissime), qualche anno fa ha deciso di acquistare I Casali del Pino “spinta da un forte bisogno di vivere la mia vita con ritmi diversi. In questo luogo convertito al biologico, ho covertito anche me stessa, cercando di mettere salde radici nella terra, grazie alle quali sono tornata a un progetto di design basato sul riuso di materiali, con un interesse e una passione che avevo perso. Ora sono a mio agio nell’equilibrio di questo doppio ruolo”.

La svolta personale e artistica di Ilaria è stata l’agricoltura biologica. La sua azienda, all’interno del Parco di Veio, a soli 8 km in linea d’aria dal Colosseo, si estende su 174 ettari di campi e colline, su cui pascolano ovini da latte e altri animali allevati allo stato brado. Gli antichi casali del borgo sono in corso di ristrutturazione in base a un progetto di architettura stostenibile e recupero artistico e ambientale, che applica tecnologie innovative o il ripristino di usi di antica tradizione. Il progetto prevede la creazione di un agriturismo biologico, mentre è già in funzione il ristorante durante i fine settimana.

È in questo scenario che, dopo alcuni anni dedicati interamente alla terra e caratterizzati da un profondo cambiamento di stile di vita, il suo lato creativo è tornato ad affacciarsi, insieme a grande sensibilità verso le cause ecologiche e umanitarie. La passione per la terra, del resto, Ilaria l’aveva ereditata dal padre, che nel tempo libero la portava con sé in campagna, accanto agli animali, mostrandole l’equilibrio fragile della natura. D’altro canto, la madre Anna aveva trasmesso a Ilaria la passione per l’alta sartoria e una dose ingente di creatività. Per questo, oggi Ilaria è tornata “alla moda”, ma con un interesse tutto particolare: nasce così Carmina Campus, un progetto legato al riciclo e riuso di materiali per una creatività sostenibile.

Nella scorsa primavera, ai Casali del Pino, Ilaria ha organizzato la seconda edizione di Floracult, mostra mercato florovivaistica pensata per ricreare l’ambiente dei grandi “maestri giardinieri” che alla fine dell’800 sperimentavano e divulgavano con successo i segreti e i piaceri del giardinaggio. L’idea è nata dalla collaborazione con Antonella Fornai, designer di giardini, o “giardiniera” come ama definirsi, oltre che curatrice di mostre florovivaistiche di successo.

Natura è cultura - spiega Ilaria – ed è per questo che abbiamo realizzato Floracult, un’occasione per parlare di salvaguardia ambientale, sostenibilità e passione per il verde, offrendo a un pubblico non necessariamente esperto la possibilità di scoprire, ritrovare o far conoscere meglio specie vegetali interessanti per le loro qualità estetiche, botaniche o decorative”. Oltre 100 i vivaisti-produttori che hanno elargito i loro consigli, e la possibilità di approfondire temi come il riciclo e riuso di materiali, l’artigianato e le arti visive legate alla natura, l’editoria che si occupa di piante, ecologia, architettura ambientale.

Nella scorsa edizione, particolare risalto è stato dato alla presentazione del Compost e alle colture idroponiche e biodinamiche, innovative tecniche di coltivazioni fuori suolo che consentono produzioni controllate durante tutto l’anno anche in ambienti sfavorevoli e sistemi sostenibili per la produzione agricola che rispettino l’ecosistema.

Agnese Pellegrini

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende