Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Illuminazione a basso consumo, innovativa e Made in Italy: il caso di AEC:

Illuminazione a basso consumo, innovativa e Made in Italy: il caso di AEC

agosto 6, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Oggi gran parte delle lampade a LED viene prodotta all’estero. E’ la solita storia: minori costi, margini più ampi, meno tasse e burocrazia. Ma, anche in questo settore, rimanere in Italia si può e da qui esportare corpi luminosi a basso consumo in tutto il mondo.

E’ il caso di AEC Illuminazione, azienda fondata nel 1957 che ha deciso di mantenere tutta la sua produzione a Subbiano, in provincia di Arezzo. I suoi LED, al contrario, hanno raggiunto varie parti del mondo, da Oslo alla Nuova Zelanda, e l’impresa parteciperà anche con 84.000 apparecchi, alla riqualificazione energetica delle strade milanesi in vista di Expo.

Ma torniamo indietro di qualche decennio, alla nascita dell’azienda, che oggi ha un fatturato di 30 milioni (dato 2013) e 125 dipendenti, con età media 35 anni. “La nostra azienda inizialmente si dedicava all’illuminazione indoor ad uso industriale e commerciale e outdoor per giardini pubblici e privati. Nel 1966, a seguito della devastante alluvione che colpì Firenze, AEC venne scelta per fornire la nuova illuminazione decorativa della città. Da quel momento, iniziammo a dedicare importantissimi investimenti alla nuova produzione di apparecchi per l’illuminazione stradale addentrandosi con un grandioso successo nel mercato della pubblica illuminazione”, spiega il general manager Sandro Cini.

Poi, otto anni fa, sono arrivati i LED: “La nostra divisione Ricerca e sviluppo ha iniziato ad intraprendere i primi studi sulla progettazione di apparecchi di illuminazione a tecnologia LED nel 2006. Realizzammo le prime forniture per la società Autostrade per l’Italia Spa sostituendo parte degli apparecchi al sodio esistenti con quelli, più efficienti, della nuova gamma a tecnologia LED”. Tra il 2010 e il 2012 viene ampliata la gamma degli apparecchi a LED, mentre nel 2013 arriva Italo, una serie di apparecchi per l’illuminazione stradale curata nella tecnologia e nel design.

Una crescita che è stata possibile mantenendo la produzione nel nostro Paese: una scelta che “deriva dalla nostra filosofia aziendale, che prevede la concentrazione nella sede italiana di tutte le fasi produttive. L’azienda segue infatti lo sviluppo del prodotto in ogni sua fase attraverso il controllo totale dei processi: dalla progettazione e industrializzazione fino alla distribuzione del prodotto finito. E’ innegabile che un prodotto Made in Italy si distingua per la sua eccellenza qualitativa”.

E si allunga la lista delle installazioni all’estero: “Fra i tanti progetti a LED che annoveriamo nel mondo figurano ad esempio il prestigioso ponte “Ensjøbyen gang” ad Oslo, numerosi tunnel in Norvegia e Svezia, la baia di Hannah’s Bay in Nuova Zelanda, l’illuminazione esterna dell’Aeroporto di Manchester, l’area esterna della National Assembly for Wales a Cardiff, la Griffith University di Brisbane in Australia, la città di Ville de Frontignan Shiraz in Francia, il Vodafone Village di Milano, Ravenna”. E se la produzione rimane in Italia, si prevede un aumento dell’export, che oggi vale il 38% del fatturato,  “per renderlo equiparabile al mercato interno, in termini di percentuale. Il nostro mercato oggi si concentra in tutta Europa – principalmente quella del Nord –, nel Medio Oriente – Emirati Arabi, Qatar, Bahrain –, nel Sud-Est Asiatico – Singapore, Hong Kong, Filippine, Korea del Sud –, in Australia e Nuova Zelanda”.

Entro febbraio, AEC installerà a Milano più di 80.000 lampade a LED Italo a Milano, ed è coinvolta in diversi altri progetti di ottimizzazione energetica dell’illuminazione pubblica: “Tante altre città italiane ed estere stanno provvedendo all’efficientamento dei propri impianti. Come Torino, Brescia, Roma”. Intanto, il reparto Ricerca e sviluppo sta lavorando a nuovi apparecchi di illuminazione a basso consumo: “Nel 2015 entreremo nel mercato con una nuova ed ampia gamma di prodotti a tecnologia LED, anche per capannoni industriali, offrendo apparecchi più efficienti e performanti”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende