Home » Off the Green »Rubriche » IMAG-E tour 2017: un sasso nello stagno per diffondere la mobilità elettrica:

IMAG-E tour 2017: un sasso nello stagno per diffondere la mobilità elettrica

giugno 20, 2017 Off the Green, Rubriche

Domenica 11 giugno, dopo tre giorni sulle colline tra Langhe Roero e Monferrato, si è chiusa, con la grande parata finale dei mezzi elettrici per le vie del centro di Torino, la prima edizione dell’IMAG-E tour, la nuova creatura che Greenews.info e Associazione Greencommerce hanno voluto affiancare all’ormai consolidato Workshop IMAGE.

Lo abbiamo fatto per “lanciare il sasso nello stagno” e cercare di smuovere, nelle pubbliche amministrazioni, nelle imprese e tra i cittadini, la consapevolezza dei benefici economici, ambientali e di salute di una transizione veloce verso forme di mobilità più sostenibili – a partire da quella elettrica, che è sicuramente quella più pronta, rispetto all’idrogeno, al biometano o altre soluzioni complementari.

Veloce per me è diventata ormai la parola chiave. Sto diventando ogni anno più insofferente verso i bizantinismi e le follie burocratiche della macchina statale. Come ho già scritto provocatoriamente, voglio un’ecologia egoista, adesso, non nel 2030! Basta retorica “dei figli e dei nipoti”, facciamolo per noi subito, basta prendere tempo, basta “ulteriori studi” di approfondimento, c’è già tutto quello che serve: le conoscenze, la tecnologia, i test, gli esempi pratici in altre parti d’Europa o del mondo, servono “solo” più il coraggio di decidere e la volontà politica – a partire da quella nazionale (con leggi e incentivi adeguati) e, a cascata, quella locale, dei presidenti di Regione, degli Assessori e poi dei Sindaci. Non è fantascienza, potrebbe essere la realtà quotidiana di domani mattina.

Ma partiamo dal punto più critico: oggi manca quasi totalmente l’infrastruttura di ricarica per i mezzi elettrici. Non è un grande problema per moto, scooter e bici - che volendo possono ricaricare quasi ovunque con “la 220″ in una semplice presa di tipo Schuko – ma è impensabile pensare di diffondere le auto elettriche (sia tra i residenti che tra i turisti) senza offrire una rete intelligente e capillare di colonnine di ricarica, con un requisito fondamentale: l’interoperabilità! Ovvero colonnine universali, che consentano di ricaricare qualsiasi auto, di qualsiasi brand e non solo le proprie (come sta invece facendo Tesla). Le soluzioni tecniche per evitare il proliferare di smart card, di App e dribblare gli orari di chiusura degli uffici pubblici (come faccio a pagare la ricarica in un luogo pubblico se gli uffici sono chiusi e non ho la scheda?), esistono, basti pensare al key hanger di evway, distribuito gratuitamente agli utenti registrati dalla società milanese e utilizzabile in 28.000 stazioni di ricarica in Europa.

Auguro a tutti, in un futuro prossimo (edizione 2018?) di trovare una colonnina sul proprio percorso, perché quello che abbiamo dovuto patire noi quest’anno, come organizzatori dell’evento, non è civicamente accettabile! Dopo aver mendicato invano, per mesi, un supporto tecnico e logistico dalle due grandi partecipate locali, Iren ed Egea (come avviene in Alto Adige, durante la ECOdolomites, grazie ad Alperia), siamo stati salvati dal rischio di annullamento dell’evento da un imprenditore di buona volontà e lungimiranza, Federico Martina della Socrate Technologies di Torino, che ci ha fornito l’assistenza e il supporto di due tecnici che hanno anticipato ogni nostra tappa tirando cavi e installando quadri elettrici realizzati ad hoc per consentirci di ricaricare. Un’operazione quasi “eroica” che si può immaginare di fare in una prima edizione – giusto per sollevare l’attenzione sul problema - ma che, come ho già chiarito pubblicamente, non intendo dover ripetere nelle edizioni future…

Così come non ho intenzione di perdere nuovamente intere giornate dietro a infinite richieste di “occupazione” del suolo pubblico, autorizzazioni di allacciamento alla rete pubblica ecc. ecc. Ho proposto ai sindaci incontrati lungo il percorso di farsi promotori di una modifica di legge che ridia valore e senso al Patrocinio dell’ente pubblico: se un evento senza scopo di lucro viene patrocinato – in quanto di interesse pubblico e valenza per la collettività – l’autorizzazione di tutto ciò che sta “a valle” deve venire di conseguenza. Basta scartoffie e basta incubi per i sindaci, che temono di essere denunciati dall’opposizione per “danno erariale”, per aver concesso gratuitamente pochi euro di elettricità ad un evento “dimostrativo”, nato per far toccare con mano ai cittadini come si potrebbero risparmiare, ogni anno, migliaia di morti per inquinamento e centinaia di milioni di euro della sanità pubblica!

A proposito di euro, un chiarimento a posteriori anche alle strutture ricettive private – non tanto quelle che, con grande gentilezza e disponibilità, hanno ospitato le tappe del nostro tour, ma quelle che non lo hanno fatto per ignoranza (nel senso letterale) di un dettaglio: ricaricare per intero una dozzina di mezzi elettrici costa alla struttura ospitante, a seconda del contratto, qualche decina di euro, non fa schizzare la bolletta di centinaia di euro! Nella nostra nuova sede della Greeneria, a Guarene, noi la regaliamo agli ospiti (ancora pochi, purtroppo) che si presentano con un mezzo elettrico. Sarebbe ora che i Comuni, le strutture ricettive e di ristorazione iniziassero a comprendere questi sviluppi della mobilità come un vantaggio competitivo e un’opportunità di attrazione di forme di turismo qualificato, con ricadute positive su tutto il territorio, superando le “distorsioni cognitive“.

Il direttore dell’Ente Turismo Langhe Roero, Mauro Carbone – forse la persona che ha creduto di più, insieme agli Sponsor, nelle potenzialità della nostra edizione “numero zero” – scherzando con le sue collaboratrici le ha invitate a “proteggermi come un Panda“, perché pare che io sia, ad oggi, tra i pochi operatori locali a “sbattersi” concretamente per la diffusione della mobilità sostenibile in un sito che, dal 2014, è divenuto Patrimonio Unesco. Caro Carbone, mi auguro di perdere presto questo primato e che la specie si riproduca in abbondanza!

Arrivederci all’edizione 2018, nella speranza di trovare più colonnine di ricarica e mezzi elettrici lungo le strade, più entusiasmo nelle multiutilities e meno burocrazia nei Comuni!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende