Home » Campioni d'Italia »Rubriche » In Friuli nasce la prima chitarra artigianale con legno FSC: musica contro la deforestazione illegale:

In Friuli nasce la prima chitarra artigianale con legno FSC: musica contro la deforestazione illegale

maggio 23, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Certificata dal liutaio per il suono, certificata da FSC per la sostenibilità del legno. Stiamo parlando della prima chitarra in Italia ad essere prodotta artigianalmente e certificata – con certificazione non solo dei legni, ma dell’intero progetto – dall’organizzazione internazionale non governativa Forest Stewardship Council. Un riconoscimento che è più di un semplice “bollino”, indica un percorso di fornitura attraverso la gestione responsabile di foreste e piantagioni. In questo caso di 7 specie arboree: Abete Rosso, Mogano, Rovere Chiaro e Scuro, Betulla, Pao Ferro e Ovangkol. Non è la prima chitarra al mondo con “impronta sostenibile”, esistono altri produttori su scala semi-industriale – come l’americana Martin Guitar, che già utilizza legni FSC e commercializza il prodotto a livello mondiale – ma qui siamo di fronte al mix irripetibile di materiale e immateriale che caratterizza il miglior Made in Italy.

L’opera è firmata infatti dal liutaio Marco Lorenzon e dal wood expert Gianni Cantarutti, a cui si deve l’idea. Friulano di Manzano, in provincia di Udine, Cantarutti è il fondatore di Slow Wood e curatore di Lignamundi, una xiloteca (una raccolta di specie legnose) ricchissima di materiali. “Faccio parte dell’Associazione Culturalegno e ho pensato di coinvolgere un giovane associato in questa missione: il liutaio Marco Lorenzon. Abbiamo pensato che lo strumento musicale rappresenti uno dei simboli più attrattivi per parlare e comunicare all’opinione pubblica. La musica parla a tutti, tocca il cuore e l’anima di tutti“. Una chiara operazione mediatica, ma a fin di bene: far sapere che per proteggere il pianeta dai tagli indiscriminati esistono dei legni che possono essere usati con coscienza (ambientale).

Un’azione necessaria perché oggi nel mondo ci sono troppe ruspe in azione e l’Italia è uno dei principali importatori di legno in Europa: “Abbiamo dei legni che vengono da foreste dove esistono forti criticità, ovvero tagli illegali ed uno sfruttamento intenso dell’ambiente – sottolinea Cantarutti- Impiegare legname certificato nelle attività produttive è un messaggio per tutti. E’ necessario che ci si ponga sempre il problema e la domanda: in questo caso che legno sto usando? Il settore degli strumenti musicali muove molti soldi, c’è un industria dietro. Quindi con il nostro lavoro pensiamo di poter incidere concretamente“.

La chitarra dei sette legni è anche un’opportunità per parlare del Sistema di certificazione FSC: “Una certificazione valida in particolare per i legni tropicali, maggiormente bersagliati delle attività illegali. Colgo l’occasione – dice Cantarutti – per sottolineare che i danni maggiori sono creati più dagli allevamenti estensivi che dai piccoli tagliaboschi locali. Un esempio che conoscono in tanti: la coltivazione dell’olio di palma. Una coltivazione per cui sono state bruciate estese foreste”.

E in Occidente? E’ vero che i boschi stanno riguadagnando terreno, ma in precedenza tante foreste europee sono andate in fumo ed il paesaggio si è completamente antropizzato. “E se ne vede ancora l’eredità – spiega Cantarutti – Pensiamo al ginepro in Sardegna: ora c’è di nuovo quantità, ma la qualità non è più quella di una volta”.

La chitarra di Lorenzon/Cantarutti è dunque destinata a diventare “un amplificatore della campagna sul legno certificato“. “Negli strumenti musicali – prosegue Gianni – si utilizzano legni a lento accrescimento: l’ebano per esempio. Il problema è però la riforestazione perché è più facile farla con varietà a crescita veloce, ma spesso questa scelta è dannosa. Che senso ha piantare degli eucalipti australiani in Sardegna? Meglio le specie locali, bisogna vedere lungo. In un paese come il nostro dove c’è molta cultura, bisogna ripiantare quelle specie che raccontano storie tradizionali autoctone“. Un messaggio glocal da far risuonare sulle corde della nuova chitarra, in giro per la Penisola.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

giugno 19, 2018

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

Le imprese e le famiglie residenti ad Affi, in provincia di Verona, potranno partecipare al finanziamento dell’impianto eolico, della potenza complessiva di 4 MW, realizzato dalla multiutility locale AGSM nel 2017. L’operazione replica uno schema già adottato con successo per il vicino impianto eolico di Rivoli Veronese realizzato dalla stessa società nel 2013, e prevede un’emissione di obbligazioni (“Affi [...]

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

giugno 15, 2018

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

La rete europea del World Green Building Council (WorldGBC) e le principali banche europee hanno lanciato ieri un nuovo schema pilota di mutui per l’efficienza energetica. Un segnale importante da parte degli investitori, che dimostra come “l’edilizia sostenibile” stia diventando un mercato chiave per la crescita dell’Europa. Lo schema pilota è finalizzato alla sperimentazione di [...]

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

giugno 14, 2018

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

Si sono conclusi con una tavola rotonda al Politecnico di Milano i due giorni di convegno promossi da Lombardy Energy Cleantech Cluster (LE2C) sul tema “Microinquinanti emergenti”, che ha visto un’ampia partecipazione di rappresentanti delle imprese, degli enti pubblici e dell’università, attirati da un tema di grande importanza, ma ancora poco noto al pubblico e poco trattato [...]

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

giugno 14, 2018

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

E’ partita da Pescara la prima tappa del roadshow “Le opportunità di sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore elettrico – Incontri con il territorio” organizzato da Elettricità Futura. Un’occasione di confronto tra istituzioni e aziende del settore elettrico con un particolare focus sullo sviluppo delle rinnovabili e le opportunità di finanziamento. Questa prima tappa, organizzata in [...]

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

giugno 6, 2018

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

Si è conclusa ieri, nella Giornata Mondiale dell’Ambiente, la XXI edizione di Cinemambiente, il Festival internazionale di cinema e cultura ambientale organizzato a Torino dall’omonima associazione, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema. Legambiente, che con i propri educatori ambientali supporta Cinemambiente Junior, la sezione del Festival dedicata ai ragazzi, e che ogni anno assegna un riconoscimento [...]

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

giugno 5, 2018

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

Le città del mondo si attrezzano per affrontare i mutamenti climatici e Torino, tra le italiane, è una delle più attive nel percorso finalizzato alla predisposizione di un piano di adattamento. In particolare attraverso il progetto europeo Life DERRIS, nato tre anni fa per favorire la creazione di una partnership pubblico-privato nella definizione di una strategia [...]

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

giugno 4, 2018

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

La nuova Piattaforma per il monitoraggio degli impianti fotovoltaici di grande taglia rappresenta un primo passo del GSE per favorire il raggiungimento dell’obiettivo di 72 TWh di produzione fotovoltaica al 2030. Per proiettare il Paese verso la decarbonizzazione e garantire uno sviluppo che sia davvero sostenibile, sarà infatti importante non solo realizzare nuovi impianti FER, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende