Home » Campioni d'Italia »Rubriche » In principio fu Pyppy. La storia di Riambientando, dal fotovoltaico sul balcone alla sedia-accumulo:

In principio fu Pyppy. La storia di Riambientando, dal fotovoltaico sul balcone alla sedia-accumulo

maggio 10, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Il pannello fotovoltaico mobile “per tutti”, per l’autoproduzione domestica di energia, poi quello con fioriera da balcone e infine una sedia “Storage” da esterni per immagazzinare l’energia autoprodotta. La cooperativa Ri-Ambientando di Orbassano, in provincia di Torino, è un vulcano di idee, un fertile incubatore di pratiche innovative che puntano a soddisfare le esigenze concrete delle persone e le spingono alla partecipazione e alla condivisione.

Tutto inizia, qualche anno fa: mentre i proprietari dei tetti si lanciano con grandi impianti in copertura, avventurandosi nelle pratiche del GSE per ottenere gli incentivi, Pyppy – Energy for all, l’impianto fotovoltaico mobile e “stand alone”, promette la produzione di energia in casa in modo facile e immediato, senza nemmeno doversi allacciare alla rete elettrica. Presto il kit si diffonde sul mercato, in tutta Italia: dai piccoli rivenditori alla grande distribuzione di settore.

“Io lo definisco un elettrodomestico innovativo, sia per le funzioni sia per il design, che permette l’armonizzazione con l’ambiente casalingo”, dice Antonio Fischetto, presidente di Ri-Ambientando e direttore commerciale della Sial, l’azienda di Cividate Camuno, nel bresciano, guidata da Damiano Salvetti, che ha industrializzato Pyppy. Il pannello, dotato di ruote, permette di alimentare gli elettrodomestici attaccandoli direttamente al kit o collegandolo all’impianto elettrico casalingo. Un dispositivo che grazie alla sua mobilità può essere utilizzato in diverse situazioni. Le immagini presenti nel sito internet della cooperativa fanno capire bene la sua versatilità: l’illuminazione esterna di un ristorante a Genova, il riscaldamento di una piscina a Reggio Emilia, un campeggio in Puglia e una casa di montagna in Piemonte. I pannelli sono stati utilizzati anche a Cavezzo in Emilia durante il post-sisma del 2012 e come spiega Fischetto “A  fine agosto, ad Amatrice e Norcia, abbiamo dislocato delle unità mobili per dare servizio energetico in strada. Sono molto orgoglioso di questa operazione, mi ha scritto anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella“.

Il fotovoltaico “da casa” funziona dunque anche fuori dalle mura domestiche e diventa molto utile in quelle situazioni un po’isolate, come nei campeggi, nei chioschi o per i venditori ambulanti. Oppure in tutte quelle aree dove manca il servizio pubblico: “A Porto Venere dove c’è una rivalutazione della comunità montana, portiamo l’energia nelle case rurali“. Interessante anche la ricaduta sulla sicurezza, come spiega il presidente: “Se un ladro fa saltare il contatore per disinstallare l’allarme, entra in funzione il nostro kit che permette di tenere acceso l’impianto”. Ma il kit è prezioso anche per supportare la mobilità sostenibile, con la ricarica in giardino di bici elettriche e scooter.

L’evoluzione successiva è stata il fotovoltaico-fioriera: “Un pannello dotato di fioriera che si aggrappa come uno stendino sui balconi, occupa solo un metro quadro, utilizza un vetro Tedlar, pesa poco ed è semiflessibile”, spiega Fischetto, che aggiunge: “Oggi l’accumulo può essere garantito da una sedia dal design futuristico, che io definisco un complemento d’arredo, frutto della collaborazione con l’azienda Resinplex di Venaria guidata da Mauro Trisoglio“. Oltre all’autoproduzione energetica, quindi, anche lo stoccaggio di energia, ultima tendenza, sempre più in crescita, per consentire di usare le rinnovabili anche al di fuori dei momenti di produzione.

La squadra di Ri-ambientando, però, non intende fermarsi all’innovazione tecnologica, ma lavora anche su quella sociale, diversificando la propria attività con progetti come lo “Spazio ecologico”, nato sempre nella sede di Orbassano. “Il progetto è partito 5 anni fa e coinvolge ben 480 famiglie, che conferiscono i loro rifiuti differenziati al nostro centro, dove vengono poi ritirati dal Consorzio locale con cui lavoriamo in sinergia”. L’ impegno delle persone a ben differenziare e contribuire ad un unico centro di raccolta – per risparmiare le energie e i costi del servizio porta a porta – viene ripagato con dei buoni spesa che si possono spendere solo nei piccoli negozi convenzionati, ma non nella grande distribuzione! “In questo modo – precisa Fischetto – valorizziamo il tessuto commerciale locale“.”Parliamo di circa 60/80 euro recuperati per nucleo famigliare, che non risolvono certo tutti i problemi economici, ma per chi fa fatica ad arrivare a fine mese resta pur sempre un’integrazione di reddito”. La dimensione solidale del progetto si concretizza anche nell’impiego di persone svantaggiate per le operazioni di raccolta e nell’attività formativa, perché i bambini delle elementari visitano il centro e imparano da piccoli l’arte ecologica del differenziare.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende