Home » Campioni d'Italia »Rubriche » In principio fu Pyppy. La storia di Riambientando, dal fotovoltaico sul balcone alla sedia-accumulo:

In principio fu Pyppy. La storia di Riambientando, dal fotovoltaico sul balcone alla sedia-accumulo

maggio 10, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Il pannello fotovoltaico mobile “per tutti”, per l’autoproduzione domestica di energia, poi quello con fioriera da balcone e infine una sedia “Storage” da esterni per immagazzinare l’energia autoprodotta. La cooperativa Ri-Ambientando di Orbassano, in provincia di Torino, è un vulcano di idee, un fertile incubatore di pratiche innovative che puntano a soddisfare le esigenze concrete delle persone e le spingono alla partecipazione e alla condivisione.

Tutto inizia, qualche anno fa: mentre i proprietari dei tetti si lanciano con grandi impianti in copertura, avventurandosi nelle pratiche del GSE per ottenere gli incentivi, Pyppy – Energy for all, l’impianto fotovoltaico mobile e “stand alone”, promette la produzione di energia in casa in modo facile e immediato, senza nemmeno doversi allacciare alla rete elettrica. Presto il kit si diffonde sul mercato, in tutta Italia: dai piccoli rivenditori alla grande distribuzione di settore.

“Io lo definisco un elettrodomestico innovativo, sia per le funzioni sia per il design, che permette l’armonizzazione con l’ambiente casalingo”, dice Antonio Fischetto, presidente di Ri-Ambientando e direttore commerciale della Sial, l’azienda di Cividate Camuno, nel bresciano, guidata da Damiano Salvetti, che ha industrializzato Pyppy. Il pannello, dotato di ruote, permette di alimentare gli elettrodomestici attaccandoli direttamente al kit o collegandolo all’impianto elettrico casalingo. Un dispositivo che grazie alla sua mobilità può essere utilizzato in diverse situazioni. Le immagini presenti nel sito internet della cooperativa fanno capire bene la sua versatilità: l’illuminazione esterna di un ristorante a Genova, il riscaldamento di una piscina a Reggio Emilia, un campeggio in Puglia e una casa di montagna in Piemonte. I pannelli sono stati utilizzati anche a Cavezzo in Emilia durante il post-sisma del 2012 e come spiega Fischetto “A  fine agosto, ad Amatrice e Norcia, abbiamo dislocato delle unità mobili per dare servizio energetico in strada. Sono molto orgoglioso di questa operazione, mi ha scritto anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella“.

Il fotovoltaico “da casa” funziona dunque anche fuori dalle mura domestiche e diventa molto utile in quelle situazioni un po’isolate, come nei campeggi, nei chioschi o per i venditori ambulanti. Oppure in tutte quelle aree dove manca il servizio pubblico: “A Porto Venere dove c’è una rivalutazione della comunità montana, portiamo l’energia nelle case rurali“. Interessante anche la ricaduta sulla sicurezza, come spiega il presidente: “Se un ladro fa saltare il contatore per disinstallare l’allarme, entra in funzione il nostro kit che permette di tenere acceso l’impianto”. Ma il kit è prezioso anche per supportare la mobilità sostenibile, con la ricarica in giardino di bici elettriche e scooter.

L’evoluzione successiva è stata il fotovoltaico-fioriera: “Un pannello dotato di fioriera che si aggrappa come uno stendino sui balconi, occupa solo un metro quadro, utilizza un vetro Tedlar, pesa poco ed è semiflessibile”, spiega Fischetto, che aggiunge: “Oggi l’accumulo può essere garantito da una sedia dal design futuristico, che io definisco un complemento d’arredo, frutto della collaborazione con l’azienda Resinplex di Venaria guidata da Mauro Trisoglio“. Oltre all’autoproduzione energetica, quindi, anche lo stoccaggio di energia, ultima tendenza, sempre più in crescita, per consentire di usare le rinnovabili anche al di fuori dei momenti di produzione.

La squadra di Ri-ambientando, però, non intende fermarsi all’innovazione tecnologica, ma lavora anche su quella sociale, diversificando la propria attività con progetti come lo “Spazio ecologico”, nato sempre nella sede di Orbassano. “Il progetto è partito 5 anni fa e coinvolge ben 480 famiglie, che conferiscono i loro rifiuti differenziati al nostro centro, dove vengono poi ritirati dal Consorzio locale con cui lavoriamo in sinergia”. L’ impegno delle persone a ben differenziare e contribuire ad un unico centro di raccolta – per risparmiare le energie e i costi del servizio porta a porta – viene ripagato con dei buoni spesa che si possono spendere solo nei piccoli negozi convenzionati, ma non nella grande distribuzione! “In questo modo – precisa Fischetto – valorizziamo il tessuto commerciale locale“.”Parliamo di circa 60/80 euro recuperati per nucleo famigliare, che non risolvono certo tutti i problemi economici, ma per chi fa fatica ad arrivare a fine mese resta pur sempre un’integrazione di reddito”. La dimensione solidale del progetto si concretizza anche nell’impiego di persone svantaggiate per le operazioni di raccolta e nell’attività formativa, perché i bambini delle elementari visitano il centro e imparano da piccoli l’arte ecologica del differenziare.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende