Home » Bollettino Europa »Rubriche » In vino veritas: la nuova PAC intrappolata nelle maglie della burocrazia UE:

In vino veritas: la nuova PAC intrappolata nelle maglie della burocrazia UE

marzo 3, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Se pensavamo che bastassero gli accordi finali di giugno e settembre 2013 per vedere finalmente operativa la nuova Politica Agricola Comune dopo tre anni di discussioni e negoziazioni ci sbagliavamo di grosso. Era del resto chiaro che i ritardi fossero così pesanti da non permettere a Bruxelles i tempi tecnici per fare partire la riforma nel 2014 trasformato, così, in anno di “transizione”. Tuttavia, nulla faceva intuire una impasse così profonda caratterizzata dal braccio di ferro tra Parlamento e Commissione sugli atti di applicazione della PAC, senza i quali non è possibile attuarla. Le proposte dell’Esecutivo comunitario non rifletterebbero, infatti, i contenuti dell’accordo raggiunto con il Consiglio e il Parlamento. Anche la politica agricola è, quindi, vittima in queste settimane del wishful thinking. Il passaggio dalla teoria alla pratica, lento e farraginoso, è purtroppo ancora prassi troppo diffusa nel sistema UE.

È in particolare il vino a turbare gli Eurodeputati, secondo i quali la Commissione starebbe tradendo completamente l’accordo politico già raggiunto vietando la commercializzazione di diritti d’impianto agli Stati membri che optano per il passaggio al sistema delle autorizzazioni non dal 2016 ma dal 2020. Queste norme rientrano nell’atto delegato sull’OCM unica, l’Organizzazione Comune di Mercato.

Già dopo la riunione con il Commissario all’Agricoltura Dacian Ciolos, durante la prima plenaria di febbraio a Strasburgo, il Parlamento aveva denunciato le difformità presenti tra gli atti delegati per l’applicazione della nuova PAC negli Stati membri e i regolamenti di base frutto del negoziato e già pubblicati in Gazzetta Ufficiale. Il rischio è dunque che la Commissione, con un colpo di mano, faccia passare misure diverse da quelle concordate, agevolata dalla particolare congiuntura istituzionale. Infatti, alcuni atti d’applicazione, come quello sul vino, slitteranno alla prossima legislatura e saranno approvati da eurodeputati che non conoscono a fondo l’accordo non avendo partecipato al negoziato.

Tuttavia, il vino è solo la punta dell’iceberg. Pongono problemi anche le norme sui giovani produttori, la definizione di agricoltore attivo, la proporzionalità delle sanzioni, i pagamenti accoppiati alla produzione, che non corrispondono a quanto scritto e votato dalla Commissione Agricoltura del Parlamento.

Le continue divergenze preoccupano a tal punto il presidente della Commissione, Paolo De Castro, da averlo spinto a parlare con il Ministro dell’Agricoltura francese Stéfan Le Foll. L’incontro è avvenuto a Parigi, in occasione del Salone Internazionale dell’Agricoltura. Le Foll, ha espresso profonda contrarietà sulla difficoltà presenti negli atti d’attuazione della riforma, annunciando che, insieme ad altri ministri dell’agricoltura europei, invierà una lettera allo stesso De Castro sulla necessità di un’attenta valutazione dei testi.

Intanto il Collegio dei Commissari si prepara ad approvare il primo atto delegato, quello relativo al regolamento sui pagamenti diretti. L’adozione è attesa per il 10 marzo e la Commissione Agricoltura dovrebbe votarlo nella prima seduta utile per trasmetterlo all’Aula in tempo per la plenaria di aprile. “In caso di mancato allineamento al regolamento – ha avvertito De Castro – il voto sarà contrario”.

Nel quadro della nuova PAC si inserisce, poi, la recente Consultazione che la Commissione Europea ha avviato sulle future regole relative agli aiuti di Stato nei settori dell’agricoltura, delle foreste e delle zone rurali. C’è tempo fino al 24 marzo e per partecipare bisogna compilare un apposito questionario per il settore della selvicoltura ed un altro per l’Agricultural Block Exemption Regulation; quegli aiuti di Stato, cioè, che possono essere stanziati senza essere notificati alla Commissione Europea. Già a metà marzo il dossier sarà sul tavolo del Consiglio dei Ministri UE. I tempi sono stretti in quanto il nuovo regime dovrà entrare in vigore a luglio 2014. L’obiettivo è adattare le attuali norme, che hanno una forte incidenza sulla competitività delle imprese, alla Politica Agricola Comune riformata. Il provvedimento permette, infatti, agli Stati membri di disporre di un maggiore margine di manovra in quanto, senza richiedere la preventiva autorizzazione, possono concedere su un triennio, ad ogni agricoltore, fino a 15mila euro (invece di 7.500) di aiuti pubblici.

È aumentato anche il massimale dell’aiuto per Stato membro, passando dallo 0,75% attuale all’1% del valore della produzione agricola. Istituzioni, enti pubblici, organizzazioni, imprese e cittadini sono quindi invitati ad esprimere la propria opinione anche se le norme non riguarderanno i piccoli aiuti di stato agli agricoltori cosiddetti de minimis - che percepiscono cioè sussidi fino a 200 mila euro – per i quali le nuove regole sono in vigore già da gennaio. Tuttavia, si tratta di un’ottima occasione per quei coltivatori che intendono rendere la propria attività più “verde” e sostenibile.

La Consultazione esce contemporaneamente alla pubblicazione del rapporto finanziario 2012 sulla distribuzione, da parte dell’UE, di 40,9 miliardi di Euro sotto forma di pagamenti diretti alle imprese agricole che si impegnano a produrre nel rispetto della tutela dell’ambiente, del territorio, della qualità e in favore del benessere degli animali.

Un’operazione di trasparenza che svela come ai primi posti dei beneficiari ci siano la Francia con 7,92 miliardi di Euro, seguita da Germania (5,29 mld), e Spagna (5,23 mld). Al quarto posto l’Italia con poco più di 4 miliardi di Euro.

Il nostro Paese conta, tuttavia, il numero maggiore di agricoltori. 1,21 milioni, più di tre volte di francesi o tedeschi. Con una leggera flessione rispetto allo scorso anno – erano 1,24 milioni – si evidenzia una modifica della struttura di produzione agricola italiana. Meno agricoltori e aziende più ampie, anche se l’impatto sui contributi europei resta al momento ancora limitato. La maggioranza delle figure professionali di questo campo, infatti, ha continuato a ricevere cifre non di certo cospicue. 492mila agricoltori italiani hanno ricevuto finanziamenti tra zero e 500 euro, mentre per 288mila il contributo è arrivato ad appena 1.250 Euro. Per altri 353mila i sussidi UE sono da registrare in una fascia che va da 2mila a 10mila Euro. 3.240, infine, i produttori italiani che beneficiano maggiormente della PAC, con contributi annui che vanno da 100mila a oltre 500mila euro. Una disparità che esiste nella maggioranza degli Stati membri. Le regole della nuova PAC dovrebbero permettere una distribuzione dei fondi più equa, sia tra gli Stati membri sia tra i produttori dello stesso Paese. Sempre che la riforma veda la luce.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende