Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Innuva: le mille potenzialità delle vinacce, da scarto a risorsa:

Innuva: le mille potenzialità delle vinacce, da scarto a risorsa

gennaio 21, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

La storia di Innuva è iniziata in un laboratorio di ricerca di Portacomaro, nel basso Monferrato, durante i primi test che avrebbero portato alla formulazione di una pasta dentale con polifenoli estratti dagli scarti di lavorazione dell’uva. A un anno di distanza, mentre quella pasta riempitiva è in fase di certificazione, con l’obiettivo di commercializzarla già il prossimo anno, l’associazione Innuva è cresciuta e ha favorito altri progetti per recuperare quel tesoro racchiuso nelle vinacce: cosmetici con estratti di bucce d’uva e membrane chirurgiche biodegradabili.

“Alla Nobil Bio Ricerche avevamo iniziato a lavorare sulle biomolecole presenti nelle vinacce. Sono vari tipi di polifenoli in grado di esercitare un’azione antinfiammatoria e di contrasto dei radicali liberi e quindi all’invecchiamento. Viste queste grandi potenzialità, ci siamo chiesti se non sarebbe stato interessante provare ad ampliare il focus anche in ambiti diversi da quello odontoiatrico”, racconta Giorgio Iviglia, co-fondatore dell’associazione insieme ad altri membri del team dell’azienda: Marco Morra, Daniele Bollati e Clara Cassinelli. Una no profit di cui oggi fanno parte sette aziende: oltre alla Nobil Bio, le imprese agricole Cascina Ronco e Fratelli Durando, lo spin off accademico Grape, che effettua analisi di laboratorio sulle uve, l’azienda di cosmetici Lica, l’impresa di dispositivi chirurgici Angiologica e la società di consulenza PGG Scientific. Innuva non finanzia i progetti, ma favorisce i contatti tra le aziende e si impegna per far conoscere le numerose potenzialità di questa risorsa.

Oggi le vinacce hanno il destino segnato: spesso vengono mandate alle distillerie per la produzione di grappa, oppure utilizzate come fertilizzanti nei campi, o ancora conferite agli impianti di produzione di energia da biomasse. Tutti usi che non sfruttano minimamente le potenzialità dei polifenoli antiossidanti e che allo stesso tempo producono scarso valore per le aziende vitivinicole. “Il nostro obiettivo è dar vita a una nuova economia partendo dagli scarti, in grado di creare ricchezza, sviluppo e lavoro per il territorio”, continua Iviglia.

E il caso dei cosmetici con polifenoli da vinacce, sviluppati in pochi mesi grazie alla collaborazione tra tre imprese a cavallo tra le province di Torino e Asti, ne è un esempio pratico. “In sei mesi siamo passati dall’idea al prodotto finito. Ci siamo inventati tutto: abbiamo dovuto studiare un modo per conservare le vinacce salvaguardandone le proprietà e un metodo di essiccazione adeguato”, spiega Alessandro Durando, titolare dell’omonima azienda vitivinicola, che ha fornito le vinacce. Da queste, la Nobil Bio ha estratto le biomolecole, fornite poi alla Lica, azienda cosmetica conto terzi della provincia di Torino che ha testato diverse formulazioni, fino ad arrivare a dicembre a quelle definitive. “Confrontandoci, ci rendevamo conto sempre più che ognuno di noi era un tassello fondamentale per gli altri: da tempo noi volevamo trovare un modo alternativo per sfruttare le vinacce; la Nobil Bio voleva valorizzare questi scarti al meglio e la Lica aveva in mente di produrre una linea di cosmetici con estratti naturali”, continua Durando. Lo scrub, il bagno doccia, la crema mani e la crema corpo a base di estratti di vinaccia di Ruchè e Grignolino, vitigni autoctoni della zona, sono arrivati nello spaccio aziendale della Fratelli Durando il 15 dicembre, e l’accoglienza dei clienti è stata subito buona. L’obiettivo, adesso, è chiudere il cerchio: “Sarebbe interessante conferire lo scarto rimanente a un impianto a biomasse”.

Nel frattempo, prosegue l’iter di certificazione della pasta dentale riempitiva, che dovrebbe entrare in produzione ed essere commercializzata tra la fine del 2015 e l’inizio del 2016. La pasta, grazie ai polifenoli da vinacce, avrebbe una maggiore azione antiossidante rispetto ai prodotti simili oggi in commercio e potrebbe aiutare a limitare le infiammazioni delle ossa della bocca, causa in certi casi della perdita di denti o del fallimento di impianti dentali. Ancora in fase di sviluppo è invece il progetto, realizzato da Nobil Bio in collaborazione con l’azienda pavese di dispositivi chirurgici Angiologica, di una membrana chirurgica biodegradabile, arricchita con le biomolecole da vinacce, che svolgerebbero anche in questo caso un’azione antinfiammatoria. Inoltre, i soci di Innuva stanno anche lavorando a un processo di certificazione degli scarti, perché, spiega Iviglia, “è estremamente importante capire cosa c’è all’interno delle vinacce oltre ai polifenoli, ovvero pesticidi e altro. Per questo si stanno conducendo studi per fissare limiti di accettabilità”.

Un percorso appena cominciato e che ha davanti a sé molte prospettive ancora da esplorare: “Innuva – riflette Alessandro Durando – è anche una ricetta anticrisi. Per superare le difficoltà in cui ci troviamo, bisogna guardare dove nessuno si era mai soffermato e cercare modi originali per risolvere i problemi. Guardate la nostra linea di cosmetici: in sei mesi, con investimento e sacrificio, siamo riusciti a inventarci qualcosa che funziona”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende