Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Innuva: le mille potenzialità delle vinacce, da scarto a risorsa:

Innuva: le mille potenzialità delle vinacce, da scarto a risorsa

gennaio 21, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

La storia di Innuva è iniziata in un laboratorio di ricerca di Portacomaro, nel basso Monferrato, durante i primi test che avrebbero portato alla formulazione di una pasta dentale con polifenoli estratti dagli scarti di lavorazione dell’uva. A un anno di distanza, mentre quella pasta riempitiva è in fase di certificazione, con l’obiettivo di commercializzarla già il prossimo anno, l’associazione Innuva è cresciuta e ha favorito altri progetti per recuperare quel tesoro racchiuso nelle vinacce: cosmetici con estratti di bucce d’uva e membrane chirurgiche biodegradabili.

“Alla Nobil Bio Ricerche avevamo iniziato a lavorare sulle biomolecole presenti nelle vinacce. Sono vari tipi di polifenoli in grado di esercitare un’azione antinfiammatoria e di contrasto dei radicali liberi e quindi all’invecchiamento. Viste queste grandi potenzialità, ci siamo chiesti se non sarebbe stato interessante provare ad ampliare il focus anche in ambiti diversi da quello odontoiatrico”, racconta Giorgio Iviglia, co-fondatore dell’associazione insieme ad altri membri del team dell’azienda: Marco Morra, Daniele Bollati e Clara Cassinelli. Una no profit di cui oggi fanno parte sette aziende: oltre alla Nobil Bio, le imprese agricole Cascina Ronco e Fratelli Durando, lo spin off accademico Grape, che effettua analisi di laboratorio sulle uve, l’azienda di cosmetici Lica, l’impresa di dispositivi chirurgici Angiologica e la società di consulenza PGG Scientific. Innuva non finanzia i progetti, ma favorisce i contatti tra le aziende e si impegna per far conoscere le numerose potenzialità di questa risorsa.

Oggi le vinacce hanno il destino segnato: spesso vengono mandate alle distillerie per la produzione di grappa, oppure utilizzate come fertilizzanti nei campi, o ancora conferite agli impianti di produzione di energia da biomasse. Tutti usi che non sfruttano minimamente le potenzialità dei polifenoli antiossidanti e che allo stesso tempo producono scarso valore per le aziende vitivinicole. “Il nostro obiettivo è dar vita a una nuova economia partendo dagli scarti, in grado di creare ricchezza, sviluppo e lavoro per il territorio”, continua Iviglia.

E il caso dei cosmetici con polifenoli da vinacce, sviluppati in pochi mesi grazie alla collaborazione tra tre imprese a cavallo tra le province di Torino e Asti, ne è un esempio pratico. “In sei mesi siamo passati dall’idea al prodotto finito. Ci siamo inventati tutto: abbiamo dovuto studiare un modo per conservare le vinacce salvaguardandone le proprietà e un metodo di essiccazione adeguato”, spiega Alessandro Durando, titolare dell’omonima azienda vitivinicola, che ha fornito le vinacce. Da queste, la Nobil Bio ha estratto le biomolecole, fornite poi alla Lica, azienda cosmetica conto terzi della provincia di Torino che ha testato diverse formulazioni, fino ad arrivare a dicembre a quelle definitive. “Confrontandoci, ci rendevamo conto sempre più che ognuno di noi era un tassello fondamentale per gli altri: da tempo noi volevamo trovare un modo alternativo per sfruttare le vinacce; la Nobil Bio voleva valorizzare questi scarti al meglio e la Lica aveva in mente di produrre una linea di cosmetici con estratti naturali”, continua Durando. Lo scrub, il bagno doccia, la crema mani e la crema corpo a base di estratti di vinaccia di Ruchè e Grignolino, vitigni autoctoni della zona, sono arrivati nello spaccio aziendale della Fratelli Durando il 15 dicembre, e l’accoglienza dei clienti è stata subito buona. L’obiettivo, adesso, è chiudere il cerchio: “Sarebbe interessante conferire lo scarto rimanente a un impianto a biomasse”.

Nel frattempo, prosegue l’iter di certificazione della pasta dentale riempitiva, che dovrebbe entrare in produzione ed essere commercializzata tra la fine del 2015 e l’inizio del 2016. La pasta, grazie ai polifenoli da vinacce, avrebbe una maggiore azione antiossidante rispetto ai prodotti simili oggi in commercio e potrebbe aiutare a limitare le infiammazioni delle ossa della bocca, causa in certi casi della perdita di denti o del fallimento di impianti dentali. Ancora in fase di sviluppo è invece il progetto, realizzato da Nobil Bio in collaborazione con l’azienda pavese di dispositivi chirurgici Angiologica, di una membrana chirurgica biodegradabile, arricchita con le biomolecole da vinacce, che svolgerebbero anche in questo caso un’azione antinfiammatoria. Inoltre, i soci di Innuva stanno anche lavorando a un processo di certificazione degli scarti, perché, spiega Iviglia, “è estremamente importante capire cosa c’è all’interno delle vinacce oltre ai polifenoli, ovvero pesticidi e altro. Per questo si stanno conducendo studi per fissare limiti di accettabilità”.

Un percorso appena cominciato e che ha davanti a sé molte prospettive ancora da esplorare: “Innuva – riflette Alessandro Durando – è anche una ricetta anticrisi. Per superare le difficoltà in cui ci troviamo, bisogna guardare dove nessuno si era mai soffermato e cercare modi originali per risolvere i problemi. Guardate la nostra linea di cosmetici: in sei mesi, con investimento e sacrificio, siamo riusciti a inventarci qualcosa che funziona”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende