Home » Bollettino Europa »Rubriche » Inquinamento dell’aria in Europa, l’Italia tra i peggiori:

Inquinamento dell’aria in Europa, l’Italia tra i peggiori

ottobre 1, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

È dal lontano 1997 che in Europa l’inquinamento atmosferico non registra miglioramenti significativi, nonostante le emissioni di alcune sostanze dannose siano diminuite. Questo vuole dire che tra la popolazione urbana del Vecchio Continente, un’alta percentuale vive in città in cui si superano costantemente alcuni limiti imposti dall’Unione Europea per quanto riguarda la qualità dell’aria.

È la relazione 2012 dell’Agenzia Europea per l’Ambiente (AEA) dal titolo “Air quality in Europe” a fornirci un quadro dettagliato sull’esposizione dei cittadini alle sostanze inquinanti. I dati, raccolti dalle centraline sparse su tutto il territorio comunitario, riguardano il periodo 2001-2010. Particolato e ozono troposferico sono i “protagonisti” più noti del documento, dal quale emergono dettagli interessanti.

L’aria più inquinata sarebbe in Bulgaria e Romania, ma sono tuttavia le pessime performance dell’Italia a lasciare senza parole. Nell’istantanea scattata dall’Agenzia si evidenzia che quasi un terzo degli abitanti delle metropoli europee è esposto ad eccessive concentrazioni di particolato in sospensione (PM). È, tuttavia, il Bel Paese il territorio che, nel periodo 2001-2010, ha più spesso superato il valore limite annuale di PM10 insieme a Polonia, Slovacchia, area balcanica e Turchia. Anche la concentrazione di polveri sottili (PM2.5) è stata troppe volte più alta della soglia massima. In questo triste primato l’Italia è in compagnia di Bulgaria, Repubblica Ceca, Polonia e Slovacchia. Sconfitta su tutta la linea la Penisola primeggia in negativo anche sul fronte dell’ozono, con i valori europei più alti. Sul banco degli imputati l’Italia settentrionale, in particolare la Pianura Padana, che registra una concentrazione ben due volte superiore alla soglia limite (oltre 45.000 ug/m3.h). E ancora, per quanto riguarda il monossido di carbonio, il nostro Paese è l’unico ad aver sforato i limiti nel 2001, nel 2005 e nel 2010. Inoltre, risulta eccessiva anche la presenza di nickel nell’aria e del benzene/benzopirene, un agente cancerogeno a cui è stata esposta una parte considerevole della popolazione urbana in Europa (20-29% tra il 2008 e il 2010) e che per questo sarà oggetto di studi futuri da parte dell’AEA.

Dati allarmanti quelli italiani. Considerando, tuttavia, l’Europa nel suo insieme la situazione è ancora più grave se, anziché fare riferimento ai valori limite UE, ci affidiamo ai livelli raccomandati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Questi sono più severi di quelli imposti dalla Direttiva europea sui massimali nazionali di emissione e ci consegnano un quadro inquietante: il 95% degli abitanti delle città, secondo l’OMS, si troverebbe oggi esposto ad eccessive concentrazioni di PM.

Lo scenario sottolinea dunque l’urgenza di una immediata ed efficace revisione della normativa sulla qualità dell’aria, che la Commissione Europea dovrebbe rendere pubblica nel 2013. Da un lato, a stimolare l’azione, sono gli aspetti prettamente medici: disturbi cardiaci, problemi respiratori, tumori, sono solo alcune delle malattie legate all’inquinamento atmosferico, che riduce l’aspettativa di vita di circa due anni nelle città e nelle regioni più colpite da questo fenomeno. Dall’altro c’è la tutela dell’ambiente. Alcune sostanze possono, infatti, condurre all’eutrofizzazione (cioè l’eccessivo accrescimento di piante acquatiche ed alghe), a ridotte rese agricole e ad una scarsa crescita delle foreste. Senza contare poi l’impatto sul clima.

Le uniche buone notizie giungono in relazione al biossido di zolfo (SO2) e a monossido di carbonio, benzene e metalli pesanti (arsenico, cadmio, nichel, piombo). Il primo, in particolare, costituisce un vero e proprio successo. Le emissioni sono state ridotte in misura tanto significativa che il 2010 sarà ricordato come il primo anno in cui la popolazione urbana dell’UE non è stata esposta a concentrazioni di SO2 superiori al valore limite. Un risultato ottenuto grazie alla normativa europea che impone l’utilizzo di una tecnologia per eliminare le emissioni di carburanti con un minore contenuto di zolfo. Per quanto riguarda invece le altre sostanze, la loro concentrazione in UE è stata generalmente modesta, localizzata e sporadica. Rari i casi di superamento dei livelli consentiti.

Come può guarire la vecchia Europa da questa brutta malattia chiamata inquinamento dell’aria? È senza dubbio necessario adottare misure strutturali. Incrementare il trasporto pubblico locale, estendere le aree pedonali, le corsie preferenziali per i mezzi pubblici e favorire l’incremento degli spostamenti in bicicletta lungo le strade cittadine. Senza dimenticare la nascita di nuovi spazi verdi. Bisogna anche dire basta al consumo del suolo agricolo. Abusivismo e urbanizzazione incontrollata estendono, infatti, le metropoli a dismisura divorando campagne e terreni coltivati.

Le soluzioni ci sono, ma è evidente che richiedono interventi coraggiosi da parte degli amministratori, e responsabilità da parte dei cittadini. Dal canto suo l’UE non sta a guardare, e proprio in contemporanea con l’uscita del rapporto, la Commissione Industria del Parlamento Europeo ha votato una relazione in cui sottolinea come, per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni, sia di primaria importanza modernizzare e ampliare le infrastrutture energetiche presenti sul territorio dell’UE. La richiesta degli Eurodeputati è semplice: selezionare, attraverso un gruppo di esperti scelti in assoluta trasparenza, una serie di progetti ‘d’interesse europeo’ a cui dovrebbero essere concessi più rapidamente finanziamenti e permessi di costruzione. L’idea deriva anche dalla consapevolezza che, ad oggi, i tempi del rilascio delle autorizzazioni nazionali per infrastrutture energetiche sono troppo lunghi (in media 12 anni). I progetti vengono spesso bloccati e gli investimenti scoraggiati. La relazione servirà come base per i negoziati su una nuova legislazione che saranno prossimamente avviati tra il Parlamento e il Consiglio UE.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende