Home » Campioni d'Italia »Rubriche » FAI: da 36 anni un presidio ambientale permanente:

FAI: da 36 anni un presidio ambientale permanente

marzo 9, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Costanza PratesiDa più di trentacinque anni, il Fai (Fondo per l’Ambiente Italiano) è tra i campioni d’Italia nella tutela dei beni artistici, architettonici e naturalistici del nostro paese.

Tutto nasce nel 1975 dall’idea di Elena Croce (figlia del filosofo Benedetto Croce) di creare un’organizzazione che segua le orme del National Trust inglese. Tra i fondatori c’è anche Giulia Maria Mozzoni Crespi, che in quegli anni stava dando vita alla storica azienda agricola biodinamica Cascine Orsine.

Dopo decenni di attività, e in una situazione di investimenti pubblici insufficienti, il Fai  ha ormai assunto un ruolo fondamentale per la salvaguardia di molti monumenti. «Ogni giorno c’è qualcuno che ci scrive per denunciare la situazione di abbandono di un edificio o un’area naturalistica», ci racconta Costanza Pratesi, responsabile della sezione Ambiente e Paesaggio.  In tutto, le segnalazioni sono dalle 30 alle 40 al mese. Un filo diretto con i cittadini, che «si dimostrano desiderosi di difendere beni che per loro hanno un grande valore, anche affettivo».

Basti pensare che all’ultima campagna del Fondo, dal titolo I luoghi del cuore (un censimento dei luoghi italiani abbandonati o in pericolo), hanno aderito quasi mezzo milione di persone. In un’Italia spesso in crisi di identità e incurante di sé stessa «è il segno di un senso civico diffuso, dell’amore delle persone per i luoghi del nostro Paese», sottolinea Costanza Pratesi.

Ed è proprio questo senso civico, di responsabilità verso il territorio, che alimenta l’attività primaria del Fondo, quella di presidio ambientale permanente. Quando arriva la segnalazione di un intervento edilizio che mette a rischio un territorio o un edificio storico, gli operatori Fai si mettono immediatamente al lavoro, valutano i documenti, contattano gli enti pubblici coinvolti. E i casi di successo sono numerosi, «tutto dipende dalla tempestività con cui interveniamo». «Ad Asso, in Lombardia, – racconta la Pratesi – l’amministrazione aveva dato la concessione per una lottizzazione vicino a un’area naturalistica. Siamo riusciti a stabilire un dialogo con il Comune e a far capire agli amministratori che quel luogo era molto importante per la comunità. Adesso si stanno cercando degli spazi alternativi per costruire, più vicini all’abitato. Con l’ente pubblico è nato in questo caso un rapporto costruttivo, di dialogo piuttosto che di contrapposizione».

Le storie come quella di Asso sono tante. Tutte battaglie contro la cementificazione, contro «il consumo del suolo, che purtroppo in Italia ancora oggi non viene riconosciuto come problema». A Toirano, il paesino in provincia di Savona dove si trovano le famose Grotte preistoriche (110.000 visitatori all’anno), è prevista la costruzione di villette nel centro storico medievale; il Fai ha scritto al sindaco e sta aspettando una risposta. A Ivrea è ancora in corso la battaglia del Fondo, in collaborazione con Wwf, Legambiente e Pro natura, per fermare la costruzione di un immenso parco a tema, Mediapolis (500.000 mq), su un’area di pregio naturalistico.

Un capitolo nuovo si è aperto con il rapido sviluppo, negli ultimi anni, delle energie rinnovabili. «Essendo un’associazione ambientale, siamo molto favorevoli alla diffusione di energie alternative. Ci battiamo però contro tutti quei progetti che hanno solo uno scopo speculativo». Il Fai si sta opponendo alla costruzione di un impianto eolico a Sambuca Pistoiese, su un territorio incontaminato e vicino al parco archeologico di Badia Taona. Sempre in Toscana, a Castiglion Fiorentino, il Fai si è battuto insieme al comitato Tutela Valdichiana contro il progetto di costruzione di una centrale a biomasse: eccessive le dimensioni, sbagliata la collocazione, su terreni agricoli di elevato valore paesaggistico. In questo caso, le dimensioni sono state ridotte e la centrale dovrebbe essere costruita in un luogo di minore pregio. «È importante – sottolinea Costanza Pratesi  – che i cittadini vengano coinvolti dalle amministrazioni in questi progetti. Altrimenti si rischia un effetto di straniamento del cittadino dal territorio, lo spezzarsi del legame d’identità che unisce le persone a un luogo».

Il prossimo appuntamento Fai sarà la Giornata di Primavera, a fine marzo, quando il Fondo, grazie ai volontari delle 120 delegazioni, renderà visitabili gratuitamente per un giorno monumenti normalmente chiusi, con particolare attenzione, quest’anno, agli edifici che hanno accompagnato la storia del Risorgimento. In alcune città, saranno anche disponibili visite guidate in tutte le lingue del mondo, «perché anche gli stranieri che vivono in Italia possano conoscere il nostro patrimonio artistico e paesaggistico». È la giornata di maggiore visibilità per il Fai, quella in cui le persone, come la natura in questa stagione, si risvegliano e «capiscono l’importanza della nostra attività decidendo magari di diventare soci». Sempre per celebrare l’anniversario dei 150 anni dell’Unità d’Italia, c’è inoltre in cantiere un progetto ambizioso: riaprire al pubblico, riqualificati e restaurati, la Villa dei Vescovi, in Veneto, il bosco di San Francesco, ad Assisi, e il negozio Olivetti, in piazza san Marco a Venezia. «Un progetto dedicato a tutti gli italiani, un regalo al nostro Paese». Perché, come ama ripetere la Presidente onoraria Giulia Maria Mozzoni Crespi, «si difende ciò che si ama e si ama ciò che si conosce».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende