Home » Campioni d'Italia »Rubriche » FAI: da 36 anni un presidio ambientale permanente:

FAI: da 36 anni un presidio ambientale permanente

marzo 9, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Costanza PratesiDa più di trentacinque anni, il Fai (Fondo per l’Ambiente Italiano) è tra i campioni d’Italia nella tutela dei beni artistici, architettonici e naturalistici del nostro paese.

Tutto nasce nel 1975 dall’idea di Elena Croce (figlia del filosofo Benedetto Croce) di creare un’organizzazione che segua le orme del National Trust inglese. Tra i fondatori c’è anche Giulia Maria Mozzoni Crespi, che in quegli anni stava dando vita alla storica azienda agricola biodinamica Cascine Orsine.

Dopo decenni di attività, e in una situazione di investimenti pubblici insufficienti, il Fai  ha ormai assunto un ruolo fondamentale per la salvaguardia di molti monumenti. «Ogni giorno c’è qualcuno che ci scrive per denunciare la situazione di abbandono di un edificio o un’area naturalistica», ci racconta Costanza Pratesi, responsabile della sezione Ambiente e Paesaggio.  In tutto, le segnalazioni sono dalle 30 alle 40 al mese. Un filo diretto con i cittadini, che «si dimostrano desiderosi di difendere beni che per loro hanno un grande valore, anche affettivo».

Basti pensare che all’ultima campagna del Fondo, dal titolo I luoghi del cuore (un censimento dei luoghi italiani abbandonati o in pericolo), hanno aderito quasi mezzo milione di persone. In un’Italia spesso in crisi di identità e incurante di sé stessa «è il segno di un senso civico diffuso, dell’amore delle persone per i luoghi del nostro Paese», sottolinea Costanza Pratesi.

Ed è proprio questo senso civico, di responsabilità verso il territorio, che alimenta l’attività primaria del Fondo, quella di presidio ambientale permanente. Quando arriva la segnalazione di un intervento edilizio che mette a rischio un territorio o un edificio storico, gli operatori Fai si mettono immediatamente al lavoro, valutano i documenti, contattano gli enti pubblici coinvolti. E i casi di successo sono numerosi, «tutto dipende dalla tempestività con cui interveniamo». «Ad Asso, in Lombardia, – racconta la Pratesi – l’amministrazione aveva dato la concessione per una lottizzazione vicino a un’area naturalistica. Siamo riusciti a stabilire un dialogo con il Comune e a far capire agli amministratori che quel luogo era molto importante per la comunità. Adesso si stanno cercando degli spazi alternativi per costruire, più vicini all’abitato. Con l’ente pubblico è nato in questo caso un rapporto costruttivo, di dialogo piuttosto che di contrapposizione».

Le storie come quella di Asso sono tante. Tutte battaglie contro la cementificazione, contro «il consumo del suolo, che purtroppo in Italia ancora oggi non viene riconosciuto come problema». A Toirano, il paesino in provincia di Savona dove si trovano le famose Grotte preistoriche (110.000 visitatori all’anno), è prevista la costruzione di villette nel centro storico medievale; il Fai ha scritto al sindaco e sta aspettando una risposta. A Ivrea è ancora in corso la battaglia del Fondo, in collaborazione con Wwf, Legambiente e Pro natura, per fermare la costruzione di un immenso parco a tema, Mediapolis (500.000 mq), su un’area di pregio naturalistico.

Un capitolo nuovo si è aperto con il rapido sviluppo, negli ultimi anni, delle energie rinnovabili. «Essendo un’associazione ambientale, siamo molto favorevoli alla diffusione di energie alternative. Ci battiamo però contro tutti quei progetti che hanno solo uno scopo speculativo». Il Fai si sta opponendo alla costruzione di un impianto eolico a Sambuca Pistoiese, su un territorio incontaminato e vicino al parco archeologico di Badia Taona. Sempre in Toscana, a Castiglion Fiorentino, il Fai si è battuto insieme al comitato Tutela Valdichiana contro il progetto di costruzione di una centrale a biomasse: eccessive le dimensioni, sbagliata la collocazione, su terreni agricoli di elevato valore paesaggistico. In questo caso, le dimensioni sono state ridotte e la centrale dovrebbe essere costruita in un luogo di minore pregio. «È importante – sottolinea Costanza Pratesi  – che i cittadini vengano coinvolti dalle amministrazioni in questi progetti. Altrimenti si rischia un effetto di straniamento del cittadino dal territorio, lo spezzarsi del legame d’identità che unisce le persone a un luogo».

Il prossimo appuntamento Fai sarà la Giornata di Primavera, a fine marzo, quando il Fondo, grazie ai volontari delle 120 delegazioni, renderà visitabili gratuitamente per un giorno monumenti normalmente chiusi, con particolare attenzione, quest’anno, agli edifici che hanno accompagnato la storia del Risorgimento. In alcune città, saranno anche disponibili visite guidate in tutte le lingue del mondo, «perché anche gli stranieri che vivono in Italia possano conoscere il nostro patrimonio artistico e paesaggistico». È la giornata di maggiore visibilità per il Fai, quella in cui le persone, come la natura in questa stagione, si risvegliano e «capiscono l’importanza della nostra attività decidendo magari di diventare soci». Sempre per celebrare l’anniversario dei 150 anni dell’Unità d’Italia, c’è inoltre in cantiere un progetto ambizioso: riaprire al pubblico, riqualificati e restaurati, la Villa dei Vescovi, in Veneto, il bosco di San Francesco, ad Assisi, e il negozio Olivetti, in piazza san Marco a Venezia. «Un progetto dedicato a tutti gli italiani, un regalo al nostro Paese». Perché, come ama ripetere la Presidente onoraria Giulia Maria Mozzoni Crespi, «si difende ciò che si ama e si ama ciò che si conosce».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende