Home » Rubriche »Very Important Planet » Pedalando verso le nuvole. Intervista a Liliana Ginanneschi:

Pedalando verso le nuvole. Intervista a Liliana Ginanneschi

novembre 19, 2010 Rubriche, Very Important Planet

Liliana Ginanneschi, Courtesy of Veronica UlivieriQuando è in bicicletta, racconta, si sente “come i ragazzini di ET che alla fine del film spiccano il volo sulle nuvole”. Un piacevole senso di libertà a cui Liliana Ginanneschi, regista cinematografica e televisiva (Un posto al sole, La Squadra), non ha voluto rinunciare neanche il giorno del suo matrimonio, quando, con il suo futuro marito, è andata in Campidoglio in sella alla sua due ruote. E anche i venti invitati, dopo la cerimonia, hanno trovato una bicicletta elettrica ad aspettarli, per raggiungere il ristorante pedalando.

D) Come le è venuta l’idea di andare a sposarsi con la bicicletta?

R) Per me è stata un’idea naturale. Ormai da diversi anni io e mio marito non abbiamo la macchina per scelta e ci muoviamo sempre in bicicletta elettrica. Quando ci siamo trovati a decidere come andare al Campidoglio per il nostro matrimonio, all’inizio abbiamo pensato al taxi. Poi abbiamo scelto la bicicletta. Ci piaceva fare un matrimonio sportivo e divertente. Ed è stata l’occasione per far conoscere questo mezzo anche ai nostri amici.

D) Da quanto tempo avete deciso di non avere più una macchina?

R) Da sette anni. Prima avevamo due macchine, poi siamo passati a una e alla fine abbiamo deciso di muoverci solo in bicicletta elettrica. E’ più comoda di una bici normale e anche a Roma, dove ci sono tanti saliscendi, la pedalata assistita aiuta molto! Con la bici non si inquina, non ci sono problemi di parcheggio, non si resta imbottigliati nel traffico. Mi dà un grande senso di libertà. Confrontandomi con alcuni miei amici che usano la moto, ho scoperto anche che mi sposto più velocemente di loro.

D) Per muoversi in città usa anche i mezzi pubblici?

R) Quando piove. Se invece devo fare uno spostamento lungo o uscire di sera, uso il car sharing. Durante il fine settimana, se vogliamo andare fuori Roma, carichiamo le nostre bici in treno. In questo modo, la domenica sera, non abbiamo neanche lo stress di dover rientrare in città con il traffico. Ci siamo accorti che usando solo la bici, la nostra qualità della vita è molto migliorata.

D) Nella vita di tutti i giorni come cerca di rispettare l’ambiente?

R) Faccio abitualmente la raccolta differenziata dei rifiuti e compro sempre le ricariche dei saponi, per sprecare meno plastica. Faccio attenzione a non sprecare l’acqua e compro frutta e verdura a chilometro zero. La Cooperativa Zolle mi porta ogni settimana prodotti a filiera corta a casa.

D) Piste ciclabili a Roma. Com’è la situazione?

R) A dire la verità, ci sono delle piste ciclabili ridicole. Negli ultimi anni ne sono state costruite alcune, ma senza criterio, senza realizzare un vero percorso. Sono state realizzate piste adatte soprattutto per una gita, ma non utilizzabili per gli spostamenti di ogni giorno. Sono come coriandoli sparsi qua e là, che non risolvono i problemi giornalieri di chi si muove sulle due ruote a pedali.

D) Quali città si dovrebbero prendere a modello?

R) Il caso di Bolzano è stupefacente. Ci sono tantissime piste ciclabili, è un luogo a misura d’uomo. Meno macchine che entrano in città vuol dire risparmio di soldi, meno traffico, aria più pulita. Cambia proprio il modo di vivere un luogo. In Europa, mi vengono in mente la Germania e la Svizzera, dove fa molto più freddo che da noi, ma le persone sono abituate a muoversi in bicicletta.

D) Parliamo del suo lavoro. Il cinema può secondo lei sensibilizzare le persone a un maggiore rispetto dell’ambiente?

R) Indubbiamente. Ciascun mezzo di comunicazione che parla dei problemi ambientali è utile allo scopo. Un film può fare la sua parte, ma non può cambiare un intero sistema. Secondo me si dovrebbe fare più pubblicità progresso, che spinga le persone a consumare di meno. Purtroppo, invece, le pubblicità che vediamo ogni giorno in televisione, essendo di inserzionisti privati, ci spingono a comprare sempre di più. Più acquisti significa più spreco.

D) Come hanno reagito gli invitati al suo matrimonio quando si sono ritrovati davanti una bicicletta?

R) Molti concepiscono l’andare in bicicletta come un’attività faticosa. Invece l’aspetto positivo di una bici elettrica è la pedalata assistita, che ci ha aiutato molto a salire fino al Campidoglio! Per molti miei amici era la prima volta che usavano una bicicletta elettrica e molti sono riamasti sorpresi di quanto sia agevole spostarsi pedalando.

D) E’ riuscita a convincere qualche suo amico a spostarsi in bicicletta?

R) Sì, dopo il matrimonio una mia amica ha deciso di comprare alla figlia la bicicletta elettrica al posto del motorino.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende