Home » Bollettino Europa »Rubriche » Inventario delle emissioni UE: calano tutti i livelli di inquinanti in atmosfera, tranne l’ammoniaca:

Inventario delle emissioni UE: calano tutti i livelli di inquinanti in atmosfera, tranne l’ammoniaca

agosto 29, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

 

Il report dell’Inventario Annuale delle Emissioni dell’Unione Europea, recentemente pubblicato dall’Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA), rivela dati interessanti sulla riduzione di numerosi inquinanti in atmosfera.

I limiti di emissione per ossidi di zolfo, ossidi di azoto, composti organici volatili e ammoniaca sono fissati dal Protocollo di Göteborg allegato della Convenzione delle Nazioni Unite sull’inquinamento atmosferico transfrontaliero a grande distanza (LRTAP). Il documento mira a limitare e, per quanto possibile, ridurre gradualmente e prevenire, l’inquinamento atmosferico. I tetti di emissione fissati devono essere soddisfatti dal 2010 in poi. Oltre ai limiti specificati per i singoli paesi, il protocollo del 1999 specifica anche massimali per l’UE-15. Il protocollo è stato modificato nel 2012 con nuovi impegni di riduzione delle emissioni per il 2020 e oltre. Ma l‘UE a 28 non ha ancora ratificato le modifiche.

Le emissioni di molti degli inquinanti coinvolti dalla Convenzione sono tuttavia scese notevolmente a partire dal 1990. Tra questi i tre inquinanti atmosferici in primo luogo responsabili della formazione di ozono troposferico (O3). Monossido di carbonio, composti organici volatili e ossidi di azoto sono stati ridotti rispettivamente del 65%, 60% e 55%. Nell’Ue-28, le emissioni di ossidi di zolfo sono inoltre diminuite dell’88% dal 1990 grazie a misure come il passaggio a combustibili con basso tenore di zolfo (come il gas naturale), la desolforazione dei gas in impianti industriali e le direttive comunitarie relative al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi. Le emissioni di Pm10, Pm2,5 e black carbon sono scese rispettivamente del 23%, 25% e 42% a partire dal 2000. Le emissioni di metalli pesanti come piombo, cadmio e mercurio, così come di diossine, furani, esaclorobenzene e policlorobifenili, sono diminuite a partire dal 1990, di circa il 66%.

Anche l’ultimo Consiglio dei Ministri dell’Ambiente e del Clima ha affrontato il tema delle emissioni. Sono, infatti, diventati obbligatori limiti più severi per i motori a combustione a uso non stradale. L’adozione del nuovo Regolamento riguarda numerosi macchinari – oltre a gruppi elettrogeni, automotrici ferroviarie, locomotive e navi – e intende garantire sia il funzionamento del mercato interno che rafforzare la vigilanza del mercato e tutela la salute. Affronta e risolve, inoltre, le questioni relative alla competitività e conformità per eliminare gli ostacoli al commercio estero e ridurre gli ostacoli normativi derivanti dalle prescrizioni in tema di emissioni.

Il nuovo Regolamento sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’UE nei prossimi giorni di settembre e i requisiti stabiliti, con i parametri e le prescrizioni per l’omologazione dei motori installati su macchine non stradali, inizieranno ad essere applicati dal 2018 con il termine di adozione fissato per il 2020, in funzione della tipologia e categoria di motore.

Caso diverso e in controtendenza, invece, per l’ammoniaca. Il 94% delle emissioni di NH3 in Europa è causato dall’agricoltura, principalmente da attività come lo stoccaggio del letame, la diffusione di liquami e l’uso di fertilizzanti contenenti azoto. Il problema è che l’ammoniaca è un inquinante che contribuisce all’eutrofizzazione e all’acidificazione degli ecosistemi e gioca un ruolo importante nella formazione della componente secondaria del particolato presente nell’atmosfera, che danneggia la salute umana. Per la prima volta nell’UE, nel 2014, questo tipo di emissioni sono lievemente aumentate rispetto al limite del 2010.

Secondo gli esperti, l’aumento delle emissioni di ammoniaca nel 2014 è dovuto principalmente agli incrementi che si sono verificati in Francia, Germania e Spagna. Quattro Paesi (Finlandia, Germania, Paesi Bassi e Spagna) hanno anche superato i loro massimali individuali per questo inquinante nel 2014. Per una volta l’Italia non è nel gruppo dei peggiori.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Future Mobility Week 2018. A Torino si immagina la “mobilità nuova”

ottobre 1, 2018

Future Mobility Week 2018. A Torino si immagina la “mobilità nuova”

Come sarà la mobilità di domani? È possibile sperimentarla già oggi? Future Mobility Week, dall’1 al 5 ottobre al Lingotto di Torino, cercherà di rispondere a queste domande attraverso una rassegna sull’hardware, il software e i servizi per la mobilità nuova, che cambia le abitudini, le infrastrutture, la città, la società e l’economia. Un occasione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende