Home » Bollettino Europa »Rubriche » Inventario delle emissioni UE: calano tutti i livelli di inquinanti in atmosfera, tranne l’ammoniaca:

Inventario delle emissioni UE: calano tutti i livelli di inquinanti in atmosfera, tranne l’ammoniaca

agosto 29, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

 

Il report dell’Inventario Annuale delle Emissioni dell’Unione Europea, recentemente pubblicato dall’Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA), rivela dati interessanti sulla riduzione di numerosi inquinanti in atmosfera.

I limiti di emissione per ossidi di zolfo, ossidi di azoto, composti organici volatili e ammoniaca sono fissati dal Protocollo di Göteborg allegato della Convenzione delle Nazioni Unite sull’inquinamento atmosferico transfrontaliero a grande distanza (LRTAP). Il documento mira a limitare e, per quanto possibile, ridurre gradualmente e prevenire, l’inquinamento atmosferico. I tetti di emissione fissati devono essere soddisfatti dal 2010 in poi. Oltre ai limiti specificati per i singoli paesi, il protocollo del 1999 specifica anche massimali per l’UE-15. Il protocollo è stato modificato nel 2012 con nuovi impegni di riduzione delle emissioni per il 2020 e oltre. Ma l‘UE a 28 non ha ancora ratificato le modifiche.

Le emissioni di molti degli inquinanti coinvolti dalla Convenzione sono tuttavia scese notevolmente a partire dal 1990. Tra questi i tre inquinanti atmosferici in primo luogo responsabili della formazione di ozono troposferico (O3). Monossido di carbonio, composti organici volatili e ossidi di azoto sono stati ridotti rispettivamente del 65%, 60% e 55%. Nell’Ue-28, le emissioni di ossidi di zolfo sono inoltre diminuite dell’88% dal 1990 grazie a misure come il passaggio a combustibili con basso tenore di zolfo (come il gas naturale), la desolforazione dei gas in impianti industriali e le direttive comunitarie relative al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi. Le emissioni di Pm10, Pm2,5 e black carbon sono scese rispettivamente del 23%, 25% e 42% a partire dal 2000. Le emissioni di metalli pesanti come piombo, cadmio e mercurio, così come di diossine, furani, esaclorobenzene e policlorobifenili, sono diminuite a partire dal 1990, di circa il 66%.

Anche l’ultimo Consiglio dei Ministri dell’Ambiente e del Clima ha affrontato il tema delle emissioni. Sono, infatti, diventati obbligatori limiti più severi per i motori a combustione a uso non stradale. L’adozione del nuovo Regolamento riguarda numerosi macchinari – oltre a gruppi elettrogeni, automotrici ferroviarie, locomotive e navi – e intende garantire sia il funzionamento del mercato interno che rafforzare la vigilanza del mercato e tutela la salute. Affronta e risolve, inoltre, le questioni relative alla competitività e conformità per eliminare gli ostacoli al commercio estero e ridurre gli ostacoli normativi derivanti dalle prescrizioni in tema di emissioni.

Il nuovo Regolamento sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’UE nei prossimi giorni di settembre e i requisiti stabiliti, con i parametri e le prescrizioni per l’omologazione dei motori installati su macchine non stradali, inizieranno ad essere applicati dal 2018 con il termine di adozione fissato per il 2020, in funzione della tipologia e categoria di motore.

Caso diverso e in controtendenza, invece, per l’ammoniaca. Il 94% delle emissioni di NH3 in Europa è causato dall’agricoltura, principalmente da attività come lo stoccaggio del letame, la diffusione di liquami e l’uso di fertilizzanti contenenti azoto. Il problema è che l’ammoniaca è un inquinante che contribuisce all’eutrofizzazione e all’acidificazione degli ecosistemi e gioca un ruolo importante nella formazione della componente secondaria del particolato presente nell’atmosfera, che danneggia la salute umana. Per la prima volta nell’UE, nel 2014, questo tipo di emissioni sono lievemente aumentate rispetto al limite del 2010.

Secondo gli esperti, l’aumento delle emissioni di ammoniaca nel 2014 è dovuto principalmente agli incrementi che si sono verificati in Francia, Germania e Spagna. Quattro Paesi (Finlandia, Germania, Paesi Bassi e Spagna) hanno anche superato i loro massimali individuali per questo inquinante nel 2014. Per una volta l’Italia non è nel gruppo dei peggiori.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Greenpeace: “è criminale non agire contro lo smog”. Azione dimostrativa a Bruxelles

gennaio 30, 2018

Greenpeace: “è criminale non agire contro lo smog”. Azione dimostrativa a Bruxelles

Attivisti di Greenpeace sono entrati in azione stamattina a Bruxelles, scoprendo il loro petto e mostrando un lavoro di body art che ritrae i loro polmoni, per chiedere aria pulita e provvedimenti contro lo smog ai Paesi convocati d’urgenza oggi dal Commissario europeo per l’ambiente Karmenu Vella. Nel 2017 la Commissione europea aveva già messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende