Home » Bollettino Europa »Rubriche » Inverdimento della PAC: la sottile linea tra flessibilità e resa:

Inverdimento della PAC: la sottile linea tra flessibilità e resa

maggio 22, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

La discussione sulla nuova Politica Agricola Comune europea (PAC), è entrata nel vivo, e i primi segnali di disaccordo riguardano uno degli elementi di maggiore discontinuità rispetto alle regole attuali, quello del greening, che in italiano suona come inverdimento. I segnali arrivano dall’ultimo Consiglio Europeo sull’agricoltura, che si è svolto a Bruxelles lo scorso 15 maggio. Il Consiglio ha visto riuniti i ministri dell’agricoltura dei 27 Paesi membri dell’UE – per l’Italia il ministro Catania – che hanno chiesto alla Commissione una maggiore flessibilità sul tema dell’inverdimento.

Nella proposta iniziale la Commissione aveva previsto che quasi un terzo dei pagamenti diretti agli agricoltori fosse condizionato all’attuazione di misure per la sostenibilità ambientale. Al di là dell’agricoltura biologica (automaticamente esclusa dal rispetto di queste regole, in quanto già praticate), la Commissione UE aveva individuato tre pratiche eco-compatibili: differenziare le colture (un minimo di tre), prevedere pascoli permanenti e dedicare il 7% del terreno coltivabile a “aree di interesse ecologico”, il cui scopo fosse quello di contribuire, ad esempio, al mantenimento della fertilità del suolo. In termini di finanziamenti, se questa proposta fosse approvata, circa il 70% delle spese previste dalla PAC, che corrispondono a 317,2 miliardi di Euro, andrebbero a coprire i pagamenti diretti agli agricoltori, il 20% servirebbe per finanziare le misure di sviluppo rurale e il restante 10% coprirebbe i sussidi alle compagnie alimentari per le esportazioni.

L’opposizione degli Stati membri si è fatta sentire a gran voce, tanto da spingere il Commissario Dacian Ciolos ad affermare, durante la conferenza stampa a margine del Consiglio, che “la Commissione sarà più flessibile sul tema del greening, senza però tradire lo scopo originale della proposta”. Le nuove idee, che dovrebbero andare incontro alle richieste degli Stati sono le seguenti: per quanto riguarda la diversificazione delle colture, se nel documento originale si prevedeva l’esenzione solo per le piccolissime produzioni (inferiori a tre ettari), ora si arriva fino a dieci ettari. Inoltre. Ci sarà inoltre la possibilità di riconoscere, come valide ai fini del greening, le misure ecologiche già applicate da un produttore nell’ambito dei Programmi di Sviluppo Rurale, sulla base del principio di equivalenza. Ciò significa che chi già adotta misure necessarie a ricevere i fondi del secondo pilastro della PAC, nel quadro di progetti finanziati dall’UE, non dovrà nuovamente dimostrare il rispetto dei criteri del greening, che rientra invece nel primo pilastro della politica agricola, quello del sostegno al reddito. Infine, la Commissione dà una definizione di “pascolo permanente”, che potrebbe arrivare a ricomprendere anche le aree con presenza di alberi, piante e arbusti.

Nonostante l’apertura di Ciolos, gli Stati non sono del tutto soddisfatti. Il ministro Catania ha dichiarato che “La Commissione europea ha fatto un lavoro utile e le aperture sono interessanti, ma molto dobbiamo ancora fare”. E per quanto riguarda la diversificazione delle colture, Catania propone un sistema a tre fasce: le piccole aziende, di una superficie da zero fino a 15 ettari esentate da qualsiasi obbligo (la media delle aziende italiane è di 8-9 ettari); le aziende medie, sopra ai 15 ettari e fino a 50, potrebbero avere un obbligo di due colture; sopra i 50 ettari rimarrebbe l’obbligo di 3 colture. Per le aree di interesse ecologico, “la percentuale del 7% è troppa elevata e va ridotta – dice il ministro, secondo il quale devono essere escluse da qualsiasi vincolo anche le aziende che hanno colture permanenti, come frutteti, oliveti e altre, in quanto colture arboree già virtuose sotto il profilo ambientale. “Mi sembra il momento di chiarire una volta per tutte – continua Catania – a riguardo delle sanzioni, che non possiamo immaginare che l’agricoltore che non si trovi in linea con le norme sul greening, perda in tutto o in parte l’aiuto di base dei pagamenti diretti UE, come propone Bruxelles. Questo è impensabile. Il massimo della sanzione concepibile, conclude, può essere quello di perdere la componente dell’aiuto verde”.

Insoddisfatti, seppur per ragioni opposte rispetto a quelle degli Stati membri, sono anche le associazioni ambientaliste. Motore della protesta è L’Ufficio Europeo dell’Ambiente (EEB) che rappresenta una coalizione di gruppi ambientalisti. “Questo tentativo di sabotare il vincolo verde sulla PAC, ha detto Faustine Defossez, attivista per l’agricoltura all’EEB, rappresenta l’ultima possibilità per dare una giustificazione ai contributi che vengono erogati all’agricoltura mentre la crisi costringe i governi di tutta Europa a fare dolorosi tagli alla spesa”. Inoltre secondo la COPA-COGECA, le organizzazioni che rappresentano gli agricoltori e le cooperative agricole europee, vincolare la PAC alle performance è una minaccia al reddito degli agricoltori ed alla sopravvivenza delle imprese.

Per avere maggiori chiarimenti, si dovrà attendere il prossimo 18 giugno, quando si riunirà nuovamente il Consiglio UE sull’agricoltura, e il Parlamento Europeo presenterà il proprio punto di vista sulla riforma della PAC. Si tratta, quest’ultima, di un’opinione essenziale, dato che la politica agricola ricade nel regno di co-decisione da parte delle due istituzioni: il Consiglio dell’UE, composto dai governi nazionali, e il Parlamento, che rappresenta i cittadini. Anche Paolo De Castro, presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo, ha dichiarato che, pur apprezzando “le aperture della Commissione su alcuni aspetti del greening, siamo ancora molto lontani dalle proposte che presenteremo il mese prossimo”.

Donatella Scatamacchia

 

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende