Home » Rubriche »Very Important Planet » “Io e la Natura ci stimiamo reciprocamente”. Intervista a Stefano Bollani:

“Io e la Natura ci stimiamo reciprocamente”. Intervista a Stefano Bollani

settembre 11, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Classe 1972, Stefano Bollani non ha bisogno di presentazioni, è uno dei musicisti italiani più noti e talentuosi della scena jazz e non solo. Il suo curriculum vanta collaborazioni con artisti del calibro di Gato Barbieri, Pat Metheny, Chick Corea, Michel Portal, Paolo Fresu, Richard Galliano fra gli altri, oltre a quella con il suo mentore e amico Enrico Rava, trombettista di fama internazionale. A suo agio su palchi e nelle quinte dei teatri, Bollani è anche noto per le sue partecipazioni a trasmissioni radiofoniche e televisive. A metà settembre parteciperà a MiTo, il festival musicale che si tiene fra Torino e Milano dal 5 al 24 settembre. In questa occasione, spiega, presenterà il suo ultimo lavoro in uscita dall’11 settembre, “un disco in cui sono da solo, con pianoforte e fender rhodes. In qualche caso canto. Una delle canzoni che ho scritto dà il titolo all’album, Arrivano gli alieni”. Come scrive sul suo sito a proposito dell’album: “L’unica possibilità – credo – sia immaginare, pensare e volere fortemente che arrivi qualcuno ad aiutarci, dandoci una mano e facendoci fare un salto di qualità… Poi, ovviamente, nell’immaginario popolare, un alieno è qualcuno che arriva per invaderci, farci del male, sottometterci… Però queste si chiamano “antiche paure”, come la paura del comunismo, dei cattivi, degli arabi… di chiunque abiti fuori della tua terra e parli un’altra lingua”.

Stefano Bollani by Valentina CenniD) Stefano, puoi già parlarci di quale sarà il tuo prossimo lavoro dopo “Arrivano gli Alieni”?

R) Sicuramente in marzo e aprile girerò per i teatri con lo spettacolo “La regina dada”, scritto e interpretato con una straordinaria attrice e performer, Valentina Cenni, che mette uno straordinario entusiasmo non solo in fase creativa ma pure nel resto della giornata, nel vivere la sua vita insieme a me.

D) Qual è il tuo rapporto con l’ambiente e la natura?

R) La Natura e io ci stimiamo reciprocamente, ma con dei distinguo. Io sto imparando a frequentarla di più in questi anni, perché ne ho respirata troppo poca. Lei credo pensi che io, sia in quanto Stefano sia in quanto essere umano, faccia un sacco di stupidaggini in generale e nei suoi confronti in particolare. Ma la Natura è paziente, è lì da molto molto tempo e, da ottimista, conta sul fatto che io impari ad avere un rapporto con lei. Manda segnali in continuazione, vanno raccolti.

D) Ci sono dei gesti quotidiani che compi per rispettarla, dalla spesa alla raccolta differenziata, ai consumi energetici…?

R) Sì, ci sono. Ma credo che per la Natura sia più importante il rispetto che le porto dentro di me. Il messaggio le arriva più diretto quando la comunicazione avviene tramite percorsi interiori. È viva e ci osserva. Sente le nostre vibrazioni, le nostre intenzioni, molto più di quello che abbiamo capito o immaginato negli ultimi secoli.

D) Ti sei misurato con musica di generi diversi, potresti definire secondo te che relazione c’è fra musica e tradizione, ovvero legame con il territorio di origine?

R) Ahi, son stati scritti tomi interi su argomenti di etnomusicologia. Riassumerli è un’impresa che farebbe paura persino alla Natura!

D) Allora cambiamo domanda. Hai mai pensato di comporre dei brani utilizzando suoni presi dall’ambiente (da quelli naturali a quelli della città…)?

R) Certo. Suonavamo utilizzando suoni di qualsiasi tipo anni fa in una banda guidata da Lorenzo Brusci e che agiva sotto il nome di TIMET.

D) Tu sei un artista di grande talento musicale ma anche di grandi doti comunicative, hai mai pensato di sfruttare questa tua capacità per sensibilizzare l’opinione pubblica su temi ambientali, sociali ed etici?

R) L’ imbonitore è una delle poche cose che non ho mai pensato di fare. Penso sia etico fare bene quello che si sta facendo, con passione, entusiasmo. Essere lì a vivere quel momento pienamente. Se esiste l’etica, dovrebbe avere questo come primo concetto, scolpito nel marmo: è bene esserci mentre si sta facendo qualcosa.

D) Fra tutti i luoghi di espressione in cui hai lavorato (radio, televisione, teatro, palchi) quale pensi sia il più efficace dal punto di vista di una comunicazione orientata all’ambiente?

R) Il luogo conta poco. La cosa che conta, più del mezzo, è il modo, la forma con cui si fanno passare le informazioni. Ecco, la forma artistica è quella che preferisco.

D) Ultima domanda: quale pensi sia il problema più urgente da risolvere dal punto di vista ambientale?

R) È urgente scovare dentro di noi il ricordo di questa informazione: tutto è uno. Siamo una cosa sola. Ce la giochiamo tutti insieme…

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende