Home » Campioni d'Italia »Rubriche » IRB: la sfida hi-tech per le biocolture:

IRB: la sfida hi-tech per le biocolture

luglio 20, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Perché sprecare ettari di suolo e migliaia di tonnellate di acqua per produrre estratti di piante? Se lo è chiesto un gruppo di ricercatori e imprenditori, incontratisi quasi per caso alla fine degli anni Novanta. Così è nato l’Istituto di Ricerche Biotecnologiche Spa, puntando tutto su una scommessa: creare una tecnologia che permettesse di raggiungere alti livelli di qualità e sicurezza dei principi attivi vegetali, utilizzati dall’industria cosmetica e degli integratori nutrizionali, limitando l’impatto sull’ambiente.

Nel 2003 è stata brevettata HiTechNature, tecnologia che consiste in bio-colture su scala industriale di cellule vegetali (non Ogm) per produrre, in condizioni controllate, estratti vegetali. Detta così, la cosa sembra semplice, ma in realtà ci sono voluti anni di ricerche e investimenti di diversi milioni di euro per raggiungere il risultato, che quest’anno ha fatto vincere allo Irb il Premio Impresa Ambiente per la sezione Migliore Innovazione di Processo.

Il procedimento, spiega il responsabile Ricerca & Sviluppo Roberto Dal Toso, per 15 anni ricercatore in industrie farmaceutiche, «era conosciuto nelle università, ma risultava molto difficile da riprodurre su scala più ampia. La nostra sfida è stata proprio quella di passare dal banco di laboratorio a un livello industriale. Nel settore della cosmesi, siamo stati dei veri pionieri. Quando abbiamo iniziato, nel 1999, esistevano due aziende, una tedesca e una giapponese, che facevano bio-colture, ma per il settore farmaceutico». Oggi, Irb ha in commercio una decina di estratti diversi, e molti altri sono in fase di studio e sperimentazione. I clienti sono aziende che producono cosmetici e integratori. Europee, americane e asiatiche.

Consistenti i vantaggi ambientali: non si utilizzano fertilizzanti, pesticidi ed erbicidi e si limita di molto il consumo di acqua e suolo. «Nel caso dell’Echinacea Angustifolia, per esempio, per ottenere un chilo di Echinacoside, sostanza estratta dalle radici, noi utilizziamo solo 3 metri quadrati di superficie e una tonnellata d’acqua, contro i 1.149 metri quadrati di suolo e le 1.379 tonnellate d’acqua necessari per la coltivazione a terra della pianta. Per estrarre la sostanza, a noi servono poi solo 100 chili di solventi, contro i 500 per le piante coltivate in modo tradizionale».  La tecnologia Htn, inoltre, non incide negativamente sulla biodiversità, permettendo di evitare la raccolta di piante rare o a rischio di estinzione. Una linea di coltura, infatti, spiega Dal Toso, si può iniziare a partire solo da alcune foglie: «Dopo averle pulite, le riduciamo in piccoli frammenti. Il tessuto sente la ferita e si attiva per ripararla creando il cosiddetto “callo, una risposta naturale e spontanea della pianta. Noi facciamo crescere questo tessuto di riparazione in ambiente sterile, senza oltretutto modificare niente, visto che abbiamo da sempre un approccio non Ogm». Così, per esempio, sono bastate poche foglie di Stella Alpina, una specie protetta e coltivabile solo con lunghi tempi di crescita, per avviare una coltura cellulare e produrre così i suoi preziosi estratti con una forte azione anti-ossidante. «Il procedimento è utile soprattutto per quelle piante rare, che crescono molto lentamente, o nel caso di sostanze contenute in bassa concentrazione. Per le altre, rimarrà sempre più conveniente la coltivazione tradizionale».

La ricerca per arrivare alla tecnologia è stata lunga: Irb è nato nel 1999, ma commercializza gli estratti su larga scala solo dal 2008. Per questo, Htn è una tecnologia abbastanza costosa, «ma fin dall’inizio ci siamo dati l’obiettivo di ottenere sostanze di qualità a prezzi competitivi, utilizzabili cioè anche per produrre cosmetici di largo consumo, e non solo quelli che si trovano in farmacia». E gli estratti dell’Irb hanno anche altri vantaggi per il consumatore: «Venendo da cellula fatte crescere in ambiente sterile, non contengono metalli pesanti e altre sostanze che possono provocare allergie e hanno sempre la stessa concentrazione dei principi attivi, che invece varia in base alla stagione nelle piante coltivate».

Oggi alla Irb lavorano una ventina di persone, di cui otto ricercatori costantemente impegnati in nuove sperimentazioni: «Il nostro motto è che assolutamente non ci si può fermare. In questo momento, grandi aziende hanno capito le potenzialità di questa tecnologia per il settore cosmetico e stanno investendo molto nelle bio-colture. Noi partiamo avvantaggiati, abbiamo già una cinquantina di linee di piante diverse che stiamo studiando».

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

agosto 10, 2017

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

“Il 25 Agosto 2017 lascerò l’Italia per raggiungere Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, da dove il 28 Agosto partirò a piedi per ripercorrere, ben 231 anni dopo, il viaggio di Wolfgang Goethe del 1786. Il viaggio di Goethe  ha avuto una grande importanza nella cultura europea e sicuramente potrebbe coincidere con l’inizio del mito del [...]

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

agosto 4, 2017

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

RÖFIX, azienda austriaca presente in Italia dal 1980, ha lanciato una nuova linea di prodotti industriali per la bioedilizia a base di canapa a marchio “CalceClima Canapa“. I prodotti CalceClima – intonaco e finitura a base di canapulo e calce idraulica naturale – hanno già ottenuto il marchio di qualità Natureplus, che certifica la loro [...]

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

agosto 4, 2017

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

E’ stato prorogato fino al 7 settembre alle ore 13.00 il termine per la presentazione delle candidature per il CRESCO Award – Città sostenibili, il premio promosso da Fondazione Sodalitas e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), in partnership con alcune aziende impegnate sul fronte della sostenibilità, per valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani nel mettere [...]

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

agosto 3, 2017

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

Anche il lavaggio dell’automobile, in tempi di siccità, finisce sotto accusa per l’eccessivo  e inutile spreco di acqua. Un’ordinanza diffusa in alcune città italiane vieta infatti ai cittadini  l’utilizzo improprio  di  acqua destinata ad azioni quotidiane, come irrigare superfici private adibite ad attività sportive, riempire piscine private, alimentare impianti di condizionamento, pulizia e lavaggio della fossa  biologica o “lavare [...]

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

agosto 3, 2017

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà il servizio MaaS (acronimo di Mobility as a Service). La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove,  progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che [...]

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

agosto 1, 2017

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

Mancano poche ore ormai al 2 agosto, il cosiddetto Earth Overshoot Day 2017 (o Giorno del superamento delle risorse della Terra), la giornata in cui l’umanità avrà usato l’intero “budget” annuale di risorse naturali. Stando ai dati a disposizione, il Global Footprint Network ha stimato che per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali [...]

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

luglio 31, 2017

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

Sabato 2 e domenica 3 settembre 2017 a Rivalta di Lesignano De’ Bagni, in provincia di Parma, torna per il quarto anno l’appuntamento del “Rural Festival“, dedicato alla varietà di produzioni artigianali locali di agricoltori e allevatori: un invito alla scoperta e all’assaggio di prodotti di antiche razze animali e varietà vegetali. L’area protetta di biodiversità [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende