Home » Rubriche »Very Important Planet » Irene Abrigo: i 24 capricci per l’ambiente di una musicista “fruttariana”:

Irene Abrigo: i 24 capricci per l’ambiente di una musicista “fruttariana”

aprile 12, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Irene Abrigo, 24 anni, è una giovane promessa del violino. Nata e cresciuta a Torino, dopo essersi diplomata al conservatorio si è trasferita in Svizzera, a Losanna, dove è allieva di Pierre Amoyal, uno dei più noti violinisti a livello mondiale, e fa parte della sua orchestra da camera. La giovane musicista ha da poco lanciato il progetto “24 capricci di Puganini” (avete letto bene, con la “U”), un ciclo di 24 cortometraggi che, sulle note delle altrettante composizioni di Paganini, trattano diversi temi ambientali. Insieme a Irene, sulla scena ci sarà sempre un carlino, il cane che ama molto e dal cui nome inglese (pug) viene il titolo del progetto.

D) Irene, com’è nato il progetto?

R) È nato dal tentativo di mettere insieme alcune delle mie grandi passioni: Niccolò Paganini, il primo virtuoso del violino, l’ecologia e l’alimentazione vegan, che per me sono diventate un modo di vivere, e i carlini. Da vegana, sono antispecista e contro l’acquisto di animali: ma questa razza canina esiste, e io ne sono innamorata. Ovviamente, suonando il violino da quando ho quattro anni, non potevo pensare a un progetto simile senza musica: saranno dei filmati senza parole, accompagnati solo dalle melodie di Paganini.

D) Quali temi tratteranno i cortometraggi?

R) Parleranno di un’evoluzione, dall’attenzione all’ambiente a una sensibilità umana più ampia che si esprime anche verso gli altri. I primi parleranno di azioni concrete, come la raccolta differenziata e il riciclo o gli spostamenti a piedi, in bici o con i mezzi. Negli altri ci sarà pian piano un invito a rivolgere la stessa sensibilità anche verso le persone, parlando di gesti che ormai sono sempre più rari: accettare le critiche, dire grazie, essere umili). Con me ci sarà sempre un carlino e, in certi casi, anche altri animali non domestici e alcuni special guest, come Samuele Sciancalepore, contrabbassista dell’orchestra sinfonica di Basilea, Andrea Favaretto, insegnante di programmazione neuro linguistica, e Francesco Menconi, personal trainer. A novembre 2013 è prevista l’uscita del dvd: i proventi della vendita andranno in beneficenza.

D) A chi saranno devoluti?

R) All’inizio volevo donarli a progetti di ricerca per la cura di malattie specifiche, ma ho scoperto che in molti casi, per questo tipo di studi, si continua a usare la vivisezione. Navigando sono riuscita a trovare I-CARE, un istituto che lavora sul progresso della ricerca e la scoperta di cure per le malattie facendo a meno della vivisezione. Il crowdfunding che ho lanciato on line serve solo a coprire i costi delle tante persone che stanno lavorando con me. Per adesso la scelta di Eppela non si è rivelata molto efficace, perché richiede troppi passaggi: per questo sto cercando alternative come gli sms solidali o le donazioni tramite un conto Paypal.

D) La regia sarà curata da Claudio Molinaro. Come sei riuscita a coinvolgerlo?

R) E’ iniziato tutto in modo casuale. Mio padre mi aveva segnalato un cortometraggio sul tango, firmato proprio da Molinaro, di cui mi avevano colpito l’uso della luce e la sensibilità verso la musica. Così gli ho scritto e sono andata a parlargli del progetto: lui si è dimostrato subito molto disponibile e felice di collaborare.

D) Parlavi della tua alimentazione: tu ti definisci “fruttariana”. Come sei arrivata a seguire questo regime alimentare?

R) È stato un cammino. Quattro anni fa sono diventata vegana e da lì, informandomi e partecipando a corsi di cucina, sono passata al crudismo, il raw food. Visto che la frutta mi è sempre piaciuta molto, è stato facile poi diventare fruttariana: in realtà mangio anche tutti quei frutti delle piante che comunemente consideriamo ortaggi, come pomodori, cetrioli e melenzane.

D) Quanto ha influito questo cambio di alimentazione radicale sul tuo stile di vita?

R) Moltissimo. Quando diventi vegano inizi a chiederti l’impatto della produzione del cibo sull’ambiente e pian piano cominci a farti la stessa domanda anche per gli spostamenti, preferendo la bici o i mezzi pubblici all’auto, e l’abbigliamento. In Italia, per esempio, non è facile trovare scarpe o borse vegan, probabilmente perché il nostro Paese è ancora fortemente legato alla tradizione della lavorazione della pelle. In Svizzera le cose non vanno meglio: i vegani sono pochissimi e io probabilmente sono l’unica fruttariana in tutto il Paese!

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende