Home » Rubriche »Very Important Planet » Irene Abrigo: i 24 capricci per l’ambiente di una musicista “fruttariana”:

Irene Abrigo: i 24 capricci per l’ambiente di una musicista “fruttariana”

aprile 12, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Irene Abrigo, 24 anni, è una giovane promessa del violino. Nata e cresciuta a Torino, dopo essersi diplomata al conservatorio si è trasferita in Svizzera, a Losanna, dove è allieva di Pierre Amoyal, uno dei più noti violinisti a livello mondiale, e fa parte della sua orchestra da camera. La giovane musicista ha da poco lanciato il progetto “24 capricci di Puganini” (avete letto bene, con la “U”), un ciclo di 24 cortometraggi che, sulle note delle altrettante composizioni di Paganini, trattano diversi temi ambientali. Insieme a Irene, sulla scena ci sarà sempre un carlino, il cane che ama molto e dal cui nome inglese (pug) viene il titolo del progetto.

D) Irene, com’è nato il progetto?

R) È nato dal tentativo di mettere insieme alcune delle mie grandi passioni: Niccolò Paganini, il primo virtuoso del violino, l’ecologia e l’alimentazione vegan, che per me sono diventate un modo di vivere, e i carlini. Da vegana, sono antispecista e contro l’acquisto di animali: ma questa razza canina esiste, e io ne sono innamorata. Ovviamente, suonando il violino da quando ho quattro anni, non potevo pensare a un progetto simile senza musica: saranno dei filmati senza parole, accompagnati solo dalle melodie di Paganini.

D) Quali temi tratteranno i cortometraggi?

R) Parleranno di un’evoluzione, dall’attenzione all’ambiente a una sensibilità umana più ampia che si esprime anche verso gli altri. I primi parleranno di azioni concrete, come la raccolta differenziata e il riciclo o gli spostamenti a piedi, in bici o con i mezzi. Negli altri ci sarà pian piano un invito a rivolgere la stessa sensibilità anche verso le persone, parlando di gesti che ormai sono sempre più rari: accettare le critiche, dire grazie, essere umili). Con me ci sarà sempre un carlino e, in certi casi, anche altri animali non domestici e alcuni special guest, come Samuele Sciancalepore, contrabbassista dell’orchestra sinfonica di Basilea, Andrea Favaretto, insegnante di programmazione neuro linguistica, e Francesco Menconi, personal trainer. A novembre 2013 è prevista l’uscita del dvd: i proventi della vendita andranno in beneficenza.

D) A chi saranno devoluti?

R) All’inizio volevo donarli a progetti di ricerca per la cura di malattie specifiche, ma ho scoperto che in molti casi, per questo tipo di studi, si continua a usare la vivisezione. Navigando sono riuscita a trovare I-CARE, un istituto che lavora sul progresso della ricerca e la scoperta di cure per le malattie facendo a meno della vivisezione. Il crowdfunding che ho lanciato on line serve solo a coprire i costi delle tante persone che stanno lavorando con me. Per adesso la scelta di Eppela non si è rivelata molto efficace, perché richiede troppi passaggi: per questo sto cercando alternative come gli sms solidali o le donazioni tramite un conto Paypal.

D) La regia sarà curata da Claudio Molinaro. Come sei riuscita a coinvolgerlo?

R) E’ iniziato tutto in modo casuale. Mio padre mi aveva segnalato un cortometraggio sul tango, firmato proprio da Molinaro, di cui mi avevano colpito l’uso della luce e la sensibilità verso la musica. Così gli ho scritto e sono andata a parlargli del progetto: lui si è dimostrato subito molto disponibile e felice di collaborare.

D) Parlavi della tua alimentazione: tu ti definisci “fruttariana”. Come sei arrivata a seguire questo regime alimentare?

R) È stato un cammino. Quattro anni fa sono diventata vegana e da lì, informandomi e partecipando a corsi di cucina, sono passata al crudismo, il raw food. Visto che la frutta mi è sempre piaciuta molto, è stato facile poi diventare fruttariana: in realtà mangio anche tutti quei frutti delle piante che comunemente consideriamo ortaggi, come pomodori, cetrioli e melenzane.

D) Quanto ha influito questo cambio di alimentazione radicale sul tuo stile di vita?

R) Moltissimo. Quando diventi vegano inizi a chiederti l’impatto della produzione del cibo sull’ambiente e pian piano cominci a farti la stessa domanda anche per gli spostamenti, preferendo la bici o i mezzi pubblici all’auto, e l’abbigliamento. In Italia, per esempio, non è facile trovare scarpe o borse vegan, probabilmente perché il nostro Paese è ancora fortemente legato alla tradizione della lavorazione della pelle. In Svizzera le cose non vanno meglio: i vegani sono pochissimi e io probabilmente sono l’unica fruttariana in tutto il Paese!

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Greenpeace: “è criminale non agire contro lo smog”. Azione dimostrativa a Bruxelles

gennaio 30, 2018

Greenpeace: “è criminale non agire contro lo smog”. Azione dimostrativa a Bruxelles

Attivisti di Greenpeace sono entrati in azione stamattina a Bruxelles, scoprendo il loro petto e mostrando un lavoro di body art che ritrae i loro polmoni, per chiedere aria pulita e provvedimenti contro lo smog ai Paesi convocati d’urgenza oggi dal Commissario europeo per l’ambiente Karmenu Vella. Nel 2017 la Commissione europea aveva già messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende