Home » Rubriche »Very Important Planet » Irene Abrigo: i 24 capricci per l’ambiente di una musicista “fruttariana”:

Irene Abrigo: i 24 capricci per l’ambiente di una musicista “fruttariana”

aprile 12, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Irene Abrigo, 24 anni, è una giovane promessa del violino. Nata e cresciuta a Torino, dopo essersi diplomata al conservatorio si è trasferita in Svizzera, a Losanna, dove è allieva di Pierre Amoyal, uno dei più noti violinisti a livello mondiale, e fa parte della sua orchestra da camera. La giovane musicista ha da poco lanciato il progetto “24 capricci di Puganini” (avete letto bene, con la “U”), un ciclo di 24 cortometraggi che, sulle note delle altrettante composizioni di Paganini, trattano diversi temi ambientali. Insieme a Irene, sulla scena ci sarà sempre un carlino, il cane che ama molto e dal cui nome inglese (pug) viene il titolo del progetto.

D) Irene, com’è nato il progetto?

R) È nato dal tentativo di mettere insieme alcune delle mie grandi passioni: Niccolò Paganini, il primo virtuoso del violino, l’ecologia e l’alimentazione vegan, che per me sono diventate un modo di vivere, e i carlini. Da vegana, sono antispecista e contro l’acquisto di animali: ma questa razza canina esiste, e io ne sono innamorata. Ovviamente, suonando il violino da quando ho quattro anni, non potevo pensare a un progetto simile senza musica: saranno dei filmati senza parole, accompagnati solo dalle melodie di Paganini.

D) Quali temi tratteranno i cortometraggi?

R) Parleranno di un’evoluzione, dall’attenzione all’ambiente a una sensibilità umana più ampia che si esprime anche verso gli altri. I primi parleranno di azioni concrete, come la raccolta differenziata e il riciclo o gli spostamenti a piedi, in bici o con i mezzi. Negli altri ci sarà pian piano un invito a rivolgere la stessa sensibilità anche verso le persone, parlando di gesti che ormai sono sempre più rari: accettare le critiche, dire grazie, essere umili). Con me ci sarà sempre un carlino e, in certi casi, anche altri animali non domestici e alcuni special guest, come Samuele Sciancalepore, contrabbassista dell’orchestra sinfonica di Basilea, Andrea Favaretto, insegnante di programmazione neuro linguistica, e Francesco Menconi, personal trainer. A novembre 2013 è prevista l’uscita del dvd: i proventi della vendita andranno in beneficenza.

D) A chi saranno devoluti?

R) All’inizio volevo donarli a progetti di ricerca per la cura di malattie specifiche, ma ho scoperto che in molti casi, per questo tipo di studi, si continua a usare la vivisezione. Navigando sono riuscita a trovare I-CARE, un istituto che lavora sul progresso della ricerca e la scoperta di cure per le malattie facendo a meno della vivisezione. Il crowdfunding che ho lanciato on line serve solo a coprire i costi delle tante persone che stanno lavorando con me. Per adesso la scelta di Eppela non si è rivelata molto efficace, perché richiede troppi passaggi: per questo sto cercando alternative come gli sms solidali o le donazioni tramite un conto Paypal.

D) La regia sarà curata da Claudio Molinaro. Come sei riuscita a coinvolgerlo?

R) E’ iniziato tutto in modo casuale. Mio padre mi aveva segnalato un cortometraggio sul tango, firmato proprio da Molinaro, di cui mi avevano colpito l’uso della luce e la sensibilità verso la musica. Così gli ho scritto e sono andata a parlargli del progetto: lui si è dimostrato subito molto disponibile e felice di collaborare.

D) Parlavi della tua alimentazione: tu ti definisci “fruttariana”. Come sei arrivata a seguire questo regime alimentare?

R) È stato un cammino. Quattro anni fa sono diventata vegana e da lì, informandomi e partecipando a corsi di cucina, sono passata al crudismo, il raw food. Visto che la frutta mi è sempre piaciuta molto, è stato facile poi diventare fruttariana: in realtà mangio anche tutti quei frutti delle piante che comunemente consideriamo ortaggi, come pomodori, cetrioli e melenzane.

D) Quanto ha influito questo cambio di alimentazione radicale sul tuo stile di vita?

R) Moltissimo. Quando diventi vegano inizi a chiederti l’impatto della produzione del cibo sull’ambiente e pian piano cominci a farti la stessa domanda anche per gli spostamenti, preferendo la bici o i mezzi pubblici all’auto, e l’abbigliamento. In Italia, per esempio, non è facile trovare scarpe o borse vegan, probabilmente perché il nostro Paese è ancora fortemente legato alla tradizione della lavorazione della pelle. In Svizzera le cose non vanno meglio: i vegani sono pochissimi e io probabilmente sono l’unica fruttariana in tutto il Paese!

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende