Home » Rubriche »Very Important Planet » Irene Abrigo: i 24 capricci per l’ambiente di una musicista “fruttariana”:

Irene Abrigo: i 24 capricci per l’ambiente di una musicista “fruttariana”

aprile 12, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Irene Abrigo, 24 anni, è una giovane promessa del violino. Nata e cresciuta a Torino, dopo essersi diplomata al conservatorio si è trasferita in Svizzera, a Losanna, dove è allieva di Pierre Amoyal, uno dei più noti violinisti a livello mondiale, e fa parte della sua orchestra da camera. La giovane musicista ha da poco lanciato il progetto “24 capricci di Puganini” (avete letto bene, con la “U”), un ciclo di 24 cortometraggi che, sulle note delle altrettante composizioni di Paganini, trattano diversi temi ambientali. Insieme a Irene, sulla scena ci sarà sempre un carlino, il cane che ama molto e dal cui nome inglese (pug) viene il titolo del progetto.

D) Irene, com’è nato il progetto?

R) È nato dal tentativo di mettere insieme alcune delle mie grandi passioni: Niccolò Paganini, il primo virtuoso del violino, l’ecologia e l’alimentazione vegan, che per me sono diventate un modo di vivere, e i carlini. Da vegana, sono antispecista e contro l’acquisto di animali: ma questa razza canina esiste, e io ne sono innamorata. Ovviamente, suonando il violino da quando ho quattro anni, non potevo pensare a un progetto simile senza musica: saranno dei filmati senza parole, accompagnati solo dalle melodie di Paganini.

D) Quali temi tratteranno i cortometraggi?

R) Parleranno di un’evoluzione, dall’attenzione all’ambiente a una sensibilità umana più ampia che si esprime anche verso gli altri. I primi parleranno di azioni concrete, come la raccolta differenziata e il riciclo o gli spostamenti a piedi, in bici o con i mezzi. Negli altri ci sarà pian piano un invito a rivolgere la stessa sensibilità anche verso le persone, parlando di gesti che ormai sono sempre più rari: accettare le critiche, dire grazie, essere umili). Con me ci sarà sempre un carlino e, in certi casi, anche altri animali non domestici e alcuni special guest, come Samuele Sciancalepore, contrabbassista dell’orchestra sinfonica di Basilea, Andrea Favaretto, insegnante di programmazione neuro linguistica, e Francesco Menconi, personal trainer. A novembre 2013 è prevista l’uscita del dvd: i proventi della vendita andranno in beneficenza.

D) A chi saranno devoluti?

R) All’inizio volevo donarli a progetti di ricerca per la cura di malattie specifiche, ma ho scoperto che in molti casi, per questo tipo di studi, si continua a usare la vivisezione. Navigando sono riuscita a trovare I-CARE, un istituto che lavora sul progresso della ricerca e la scoperta di cure per le malattie facendo a meno della vivisezione. Il crowdfunding che ho lanciato on line serve solo a coprire i costi delle tante persone che stanno lavorando con me. Per adesso la scelta di Eppela non si è rivelata molto efficace, perché richiede troppi passaggi: per questo sto cercando alternative come gli sms solidali o le donazioni tramite un conto Paypal.

D) La regia sarà curata da Claudio Molinaro. Come sei riuscita a coinvolgerlo?

R) E’ iniziato tutto in modo casuale. Mio padre mi aveva segnalato un cortometraggio sul tango, firmato proprio da Molinaro, di cui mi avevano colpito l’uso della luce e la sensibilità verso la musica. Così gli ho scritto e sono andata a parlargli del progetto: lui si è dimostrato subito molto disponibile e felice di collaborare.

D) Parlavi della tua alimentazione: tu ti definisci “fruttariana”. Come sei arrivata a seguire questo regime alimentare?

R) È stato un cammino. Quattro anni fa sono diventata vegana e da lì, informandomi e partecipando a corsi di cucina, sono passata al crudismo, il raw food. Visto che la frutta mi è sempre piaciuta molto, è stato facile poi diventare fruttariana: in realtà mangio anche tutti quei frutti delle piante che comunemente consideriamo ortaggi, come pomodori, cetrioli e melenzane.

D) Quanto ha influito questo cambio di alimentazione radicale sul tuo stile di vita?

R) Moltissimo. Quando diventi vegano inizi a chiederti l’impatto della produzione del cibo sull’ambiente e pian piano cominci a farti la stessa domanda anche per gli spostamenti, preferendo la bici o i mezzi pubblici all’auto, e l’abbigliamento. In Italia, per esempio, non è facile trovare scarpe o borse vegan, probabilmente perché il nostro Paese è ancora fortemente legato alla tradizione della lavorazione della pelle. In Svizzera le cose non vanno meglio: i vegani sono pochissimi e io probabilmente sono l’unica fruttariana in tutto il Paese!

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende