Home » Rubriche »Very Important Planet » Ivano Marescotti: “A casa tutti bene, ma sul Pianeta mica tanto…”:

Ivano Marescotti: “A casa tutti bene, ma sul Pianeta mica tanto…”

gennaio 26, 2018 Rubriche, Very Important Planet

E’ attore in teatro, al cinema, in televisione, il suo volto in Italia ormai lo conoscono tutti. Ma Ivano Marescotti prima di calcare le scene ha lavorato per dieci anni all’ufficio edilizia della Provincia di Ravenna – e questo lo sanno in pochi. Poi nel 1981 la scelta del teatro al posto dello stipendio fisso da impiegato statale. E da qui il salto al cinema, con grandi registi internazionali e nazionali: da Anthony Minghella Ridley Scott, da Marco Risi a Roberto Benigni, Pupi Avati e Maurizio Nichetti. Negli anni novanta ritorna ai classici della letteratura: Dante e Ariosto, ma in romagnolo. Nel 2014, per dare seguito alla passione politica, si candida pure alle Europee per la lista Tsipras, ispirata alla sinistra radicale, e continua a recitare. E ora, 14 febbraio prossimo, uscirà di nuovo nelle sale con “A casa tutti bene” di Gabriele Muccino…

D) Ivano stai vivendo un periodo professionalmente  intenso, grandi film in uscita…

R) Il 14 tocca  a “A casa tutti bene” di Muccino, ma ci sono altri film dove ho recitato e che sono già finiti e conclusi come “Lovers” di Matteo Vicino. In televisione, invece, interpreto l’architetto Andrea Palladio in “Meraviglie – La penisola dei tesori” di Alberto Angela.

D) Prima l’ufficio edilizia e poi Palladio! Ma parliamo di ambiente e politica: i sacchetti a due centesimi hanno scavato una voragine culturale, una frattura tra gli italiani che hanno contestato e quelli  che hanno difeso la misura di emanazione europea. Cosa ne pensi?

R) Probabilmente ci sono persone che speculano, c’è da chiedersi perché tale scelta e tale incarico, ma è politica. Un’altra storia. Alla fine i sacchetti che ci sono ora, sono sempre meglio di quelli di plastica che, in ogni caso, si pagavano. In qualche modo erano compresi nel conto finale, non so come, non so nello specifico ma era così. L’imballaggio, ora tutto è imballato, è sempre compreso nel prezzo. Nessuno ti regala niente!

D) Da tempo hai dichiarato di aver abbandonato l’auto. Una scelta forte, non facile, come mai?

R) Prima era indice  di libertà, ora mi muovo in treno, in bici, a piedi. E’ una scelta propriamente ecologica. Bisogna incentivare i mezzi  pubblici, poi ci sono i veicoli elettrici, anche loro hanno bisogno di energia, anche loro inquinano ma sempre meglio un’auto elettrica che diesel!

D) Qual è secondo te il pericolo maggiore per il nostro piccolo grande mondo?

R) E’ impressionante quel troglodita di Trump che nega il surriscaldamento del pianeta, poi l’ottusità del capitalismo internazionale nello sfruttare i combustibili  tradizionali. Eppure ci sono tante possibilità, tante alternative come il solare, come l’eolico, e poi l’acqua con l’idroelettrico. Questi elementi naturali ci danno molte opportunità rispetto al carbone e al petrolio. Dobbiamo stare attenti, perché in pochi anni rischiamo di consumare i “gioielli di famiglia”. Si deve trovare il modo di eliminare le automobili e l’eccesso di consumo di petrolio che produce le guerre che conosciamo e vediamo nei paesi Medio Orientali. Tutta la violenza si è scatenata per il petrolio…

D) Grandi temi, ma nel tuo piccolo tu come ti muovi per dare un contributo alla tutela ambientale?

R) A casa ho quattro bidoni per la raccolta differenziata, ma non so dove vanno a finire i rifiuti differenziati… Tengono  conto del nostro lavoro? Ho sentito voci che mescolano tutto. Insomma, a volte il problema non è nostro, non dipende da noi. Un altro aspetto su cui riflettere e che quando si va a fare la spesa si compra la roba con plastica, carta, alluminio. Materie diverse tenute insieme e che così creano problemi alla differenziazione. C’è una esagerazione di confezionamento, anche per i cibi. Negli anni 50 e 60 non esisteva la plastica e gli scarti si buttavano nei campi e non si inquinava…

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende