Home » Rubriche »Very Important Planet » Jack Sintini, il campione di volley che ha sconfitto il cancro: “portare rispetto al proprio corpo aiuta la guarigione”:

Jack Sintini, il campione di volley che ha sconfitto il cancro: “portare rispetto al proprio corpo aiuta la guarigione”

novembre 9, 2018 Rubriche, Very Important Planet

Domenica 11 novembre si chiuderanno i “Giorni della Ricerca” 2018 di AIRC, un momento importante in cui l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro informa e sensibilizza il pubblico sui principali progressi compiuti nella lotta contro il cancro. Il dato più significativo è che oggi, grazie all’evoluzione della ricerca e delle cure, “si muore meno di cancro” e la malattia diventa, lentamente ma progressivamente, sempre più curabile. Abbiamo quindi voluto dedicare la puntata di oggi di V.I.P. – Very Important Planet a “uno che ce l’ha fatta”, un grande atleta che si è dimostrato anche un grande uomo, Giacomo “Jack” Sintini, campione della pallavolo italiana, che ha sconfitto nel 2012 un linfoma non Hodgkin ed è tornato a giocare e vincere. L’esperienza della malattia gli ha ispirato il libroForza e Coraggio, biografia di sport e di vita. Il prossimo 24 novembre Jack sarà impegnato nell’evento più importante dell’anno per la sua Associazione, il “Gala del Sorriso” a Mantignana (PG), dove grazie a una cena di beneficenza raccoglierà i fondi per acquistare i regali di Natale per bambini e ragazzi ricoverati nei reparti di onco-ematologia pediatrica dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia.

D) Jack, chiusa la carriera sportiva ai massimi livelli, oggi ti dividi tra l’attività della tua associazione e un nuovo lavoro, giusto?

R) Esatto, porto avanti l’attività della nostra associazione a favore della “comunità del cancro”. Seguiamo diversi progetti, di recente abbiamo acquistato un computer che legge i movimenti dell’occhio delle persone che non possono più parlare, in questo modo i malati di tumore riescono a comunicare con i familiari, i medici, il personale sanitario. Un macchinario dal valore di 15.000 euro. Una raccolta fondi fatta “in squadra”, insieme alla mia azienda, Linkedin Italia e con la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. Oggi il mio lavoro principale è per la Ranstad,, multinazionale olandese per la quale faccio formazione. Il mio compito è organizzare e strutturare percorsi di formazione esperienziale per i manager delle aziende. Utilizzo la metafora dello sport riletta in chiave organizzativa...

D) Stai anche continuando a presentare il tuo libro in tutta l’Italia. Quali sono le reazioni del pubblico davanti a emozioni forti come quelle che racconti?

R) Finora ho ottenuto grandi manifestazioni di gratitudine e di stima. Considera che il libro è stato pubblicato nel 2014, ben 5 anni fa, ma continua ad essere apprezzato e comprato. Mi scrivono in tantissimi per il modo con cui ho raccontato la mia storia e quella della mia famiglia, con il massimo rispetto di chi non è riuscito ad uscirne…

D) La malattia ha cambiato il tuo rapporto con l’ambiente: sei diventato più sensibile all’inquinamento atmosferico, alla qualità e soprattutto salubrità del cibo…

R) Più che cambiare ha rafforzato questa attenzione alla salute. Io ho sempre curato la dieta, non ho mai bevuto, mai fumato e poi ho sempre cercato di vivere in posti con poco inquinamento: su questo aspetto ho lavorato in particolare per nostra figlia. Poi è chiaro che sorga spontanea la domanda: ma ti sei ammalato comunque? Ci sono purtroppo malattie “senza colpa”… Ma portare rispetto al mio corpo mi ha sicuramente aiutato nella guarigione. Sono sempre stato un promotore del vivere sano, l’essere moderati ed equilibrati è la soluzione migliore per la difesa della propria salute.

D) Jack quali sono, secondo te, i problemi ambientali più urgenti da risolvere per il bene nostro e del nostro Pianeta?

R) Su alcuni temi e fenomeni ho letto pareri discordanti e non sono un esperto, anche se seguo un po’ di tutto. Devo dire che, come padre,  l’inquinamento che mi preoccupa di più è quello legato allo smaltimento dei rifiuti! Poi mi sta a cuore la qualità della vita nelle città. Io lavoro a Milano, ma cerco di vivere il più possibile in Umbria perché è molto verde, un ambiente sano...

D) Tu e la tua famiglia cosa fate di concreto per limitare il vostro impatto ambientale?

R) Io e mia moglie cerchiamo di fare diverse cose, a partire da una buona raccolta differenziata, usare i mezzi pubblici, non gettare mai niente in terra, smaltire nel modo giusto medicinali e batterie, non sprecare energia… E soprattutto educare nostra figlia a comportarsi nello stesso modo.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende