Home » Rubriche »Very Important Planet » Jeff Onorato: come vincere la sfida con la disabilità in mare:

Jeff Onorato: come vincere la sfida con la disabilità in mare

agosto 10, 2018 Rubriche, Very Important Planet

Ha 65 anni, una figlia di 5, ed è sempre al lavoro in mezzo alla natura per rafforzare la voglia di vivere di ragazzi diversamente abili e non che frequentano la sua scuola a La Maddalena, in Sardegna. Jeff Onorato – vittima nel lontano 1976 di un brutto e grave incidente stradale – oltre a vincere il titolo mondiale di sci nautico ai campionati per disabili ha battuto atleti di fama senza disabilità: ai mondiali in Australia è arrivato 4° nella disciplina delle figure e 5° nello slalom, dei titoli nazionali ha perso il conto. Un grande sportivo – sarà presente a settembre alla rassegna Leggere Sportivamente di Dorgali (in Sardegna) – che è anche un grande uomo, impegnato ad aiutare gli altri nel riconquistare un rapporto armonico con il proprio corpo e con l’ambiente. Ecco cosa ci ha raccontato di sé e del suo lavoro…

D) Jeff se parliamo di “luoghi di lavoro” il tuo è un paradiso terrestre! Sei l’unico ad avere l’autorizzazione, con la tua associazione sportiva, per operare all’intero del Parco de La Maddalena…

R) Siamo qui da oltre 20 anni, prima ancora dell’istituzione del Parco. Hanno riconosciuto il nostro lavoro e per questo lavoriamo all’interno. Naturalmente in un’area dedicata e nel massimo rispetto dell’ambiente.

D) I tuoi progetti hanno un alto valore sociale, oltre che ambientale, grazie alla tua filosofia basata sull’ottimismo e sulla grande fiducia nella vita. Ci parli del tuo approccio allo sport (e alla vita)?

R) Dico sempre: non ha importanza se non hai un braccio o una gamba o  anche tutti e due gli arti, ma devi avere anche solo un briciolo di voglia di vivere. Lavoro con i giovani e i meno giovani, con ragazzi che hanno diversi problemi mentali o fisici – magari senza vista e senza udito – ma l’importante è che abbiano voglia di vivere! Bisogna avere consapevolezza del valore della vita, bisogna amarla.

D) E’chiaro che tu l’ami tantissimo, nonostante il grave incidente che hai subito a 23 anni, quando sei stato travolto a bordo della tua moto e hai perso la funzionalità di un braccio e di una gamba. Tu sostieni, paradossalmente, che è stata una grande occasione…

R) Si è vero. Io ho sempre sognato di poter vivere nel mondo con lo sport e a contatto con i giovani. Era un sogno nel cassetto fare l’insegnate di educazione fisica. L’ incidente si è rivelato una grande opportunità che mi ha permesso di vivere facendo sport. Vedo l’attività sportiva come un momento di confronto per mettere in atto  il nostro progetto di crescita anche sotto l’aspetto spirituale. E’ un modo per confrontarsi con le proprie capacità. In alcuni casi la sfida  verso la vittoria e la medaglia è pretestuosa, il desiderio di affermarsi, di vincere, di soddisfare le ambizioni si trasforma in un’azione virtuosa.

R) E’incredibile come tu riesca a vedere qualcosa di buono anche nelle situazioni più critiche…

R) Sarà un segno del destino, ma quello che mi è successo non mi ha impedito di fare quello che ho sempre desiderato. Quando partecipo e sono invitato ad incontri pubblici parlo del disagio come un’opportunità che può trasformare la vita di ognuno di noi, il dolore è fonte di energia. Apparentemente  quello che può sembrare terribile  può aiutare a conoscersi. Se non ti succederà mai niente, non saprai mai chi sei veramente…

D) Lavorare in un ambiente paradisiaco come quello della Maddalena aiuta a raggiungere questa dimensione spirituale di positività?

R) Qui s’incontra l’incanto del disegno divino con i tanti segni del divino... Qui si riconosce l’armonia della bellezza della natura. Un paesaggio veramente emozionale che trasmette pace, serenità e tranquillità. Senz’altro la natura ha un grande potere e un ambiente di questo livello e bellezza genera un forte influsso positivo su tutti noi.

D) Immagino che anche lo sci nautico abbia contribuito a dare una svolta alla tua vita. Proprio perché non è uno sport qualsiasi, ma uno sport che si pratica in mare e che richiede una frequenza quotidiana con la natura marina…

R) Lo sci nautico è uno sport un po’ di nicchia che ha costi molto alti e per emergere a livello agonistico bisogna avere le spalle larghe e la disponibilità economica. Io vengo da una famiglia modesta, ma ho lavorato per primo sulla promozione sportiva e ho avuto sponsor significativi. Ti parlo degli anni ’80 quando io, primo diversamente abile in un mondo visto con sospetto, ho iniziato a fare il testimonial per aziende importanti. Ho dovuto inventarmi di tutto per trovare le risorse per allenarmi negli USA. Il desiderio è stato così forte che ho aperto strade nuove, cambiando una mentalità dominante, per essere visti non come un peso ma come una risorsa! Noi lo siamo e dobbiamo prenderne coscienza per dare esempi ai normodotati.

D) Dev’essere stato difficile agli inizi aprire la breccia…

D) Non mi volevano neanche far fare gli esami! Ma questa sfida  per me è stata anche divertente. In qualche modo ero consapevole che facevo qualcosa mai fatto prima. Ad iniziare dai mondiali con i normodotati. Una storia di sacrifici, riflessioni, sofferenze, ma non mi sono arreso mai…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende