Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Jellyfish Barge: la serra galleggiante per la sicurezza alimentare:

Jellyfish Barge: la serra galleggiante per la sicurezza alimentare

ottobre 7, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Per produrre insalata, pomodori e cavoli basta un fiume, o il mare. Pnat, spin off dell’università di Firenze nato all’inizio del 2014, ha lanciato un anno fa Jellyfish Barge, una serra modulare galleggiante e completamente autonoma dal punto di vista energetico, che ha già ricevuto diversi riconoscimenti anche a livello internazionale. Costruita con materiali a basso costo, è in grado di dissalare l’acqua salsa o depurare quella dolce e garantire la produzione di circa 1.000 insalate ogni mese con la tecnica della coltivazione idroponica. “L’abbiamo ideata pensando al problema della sicurezza alimentare: l’obiettivo è fornire a comunità che vivono in zone aride o a carenza di acqua potabile, ma magari vicino a un fiume o al mare, la possibilità di autoprodursi il cibo”, spiega Camilla Pandolfi, agronoma di Pnat.

Un progetto unico nel suo genere, che sta attirando l’interesse di mezzo mondo, dagli Stati Uniti, che lo hanno ospitato nel proprio padiglione a Expo, al Sudest asiatico. “Ci sono on line ricostruzioni 3D di progetti che possono sembrare simili, pensati per installazioni al largo dalla costa. In realtà, però, si tratta di strutture grandi e costose: investimenti che difficilmente riuscirebbero a ripagarsi con la sola produzione di ortaggi”. Il team di Pnat, guidato dal direttore del Laboratorio di neurobiologia vegetale dell’università di Firenze Stefano Mancuso, al contrario, ha progettato Jellyfish Barge con l’idea di mantenere dimensioni ridotte e bassi costi: un modulo formato da una base di legno di circa 70 metri quadrati, che galleggia su fusti di plastica riciclati, e da una serra in vetro e legno. Intorno, ci sono i pannelli solari, che forniscono la poca energia necessaria, e le unità di trattamento dell’acqua.

“Nel caso la serra sia installata sul mare, ci sono dei dissalatori solari: l’acqua con il calore del sole evapora e si separa dal sale; il vapore viene poi raccolto e attraverso la condensazione si ottiene acqua dolce. In caso invece di fiumi, possiamo installare degli impianti che depurano l’acqua da contaminazioni batteriche e impurità”. Ecco come funziona: “Il sistema preleva l’acqua e la tratta. Una centralina automatizzata aggiunge all’acqua i nutrienti necessari per la coltivazione e, attraverso un sistema di pompe alimentate con l’energia fotovoltaica, la invia alle canaline che la portano alle piante”. Una serie di webcam consente di controllare le piante anche a distanza, mentre dei sensori monitorano i parametri ambientali principali. “Stiamo progettando altri sensori per gli impianti, che possano segnalarci eventuali malfunzionamenti dei pannelli solari o del sistema di irrigazione”, continua Camilla Pandolfi.

Dopo una prima installazione a Pisa, Jellyfish Barge è stata presentata ad Expo e, grazie al supporto di Milano Cucina e Seeds & Chips, è stata posizionata nella Darsena di Milano, dove rimarrà fino al 31 ottobre. “Stiamo prendendo accordi per la sua destinazione successiva e stiamo già lavorando per future installazioni: puntiamo su città costiere, come New York o Copenaghen, in cui ci sia una sensibilità verso le produzioni a km zero e lo urban farming. Jellyfish Barge potrebbe soddisfare il fabbisogno di un piccolo supermarket, un ristorante o un hotel”.

Il prototipo è stato realizzato in collaborazione con l’università di Firenze, e finanziato dall’ateneo attraverso fondi della Regione Toscana e della Fondazione Ente Cassa di Risparmio di Firenze. In questi mesi, il progetto si è piazzato al secondo posto nel concorso “Ideas4Change”, indetto dalla Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite (UNECE), e ha vinto il premio “Idee innovative e tecnologie per l’agribusiness”, promosso da CNR e Onu. “Per il futuro – conclude Camilla Pandolfi – puntiamo a continuare l’ottimizzazione di Jellyfish Barge, ma ci occuperemo anche di veicolare sul mercato prodotti che sono il risultato delle ricerche del Linv, il Laboratorio di neurobiologia vegetale dell’università di Firenze”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

giugno 20, 2018

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

Ubeeqo, gestore di car sharing parte di Europcar Mobility Group, si è qualificato come operatore certificato di car sharing al bando indetto da ICS Iniziativa Car Sharing, una Convenzione di Comuni e altri Enti locali, sostenuto dal Ministero dell’Ambiente. Obiettivo di ICS è quello di promuovere e sostenere la diffusione del car sharing come strumento di [...]

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

giugno 19, 2018

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

Le imprese e le famiglie residenti ad Affi, in provincia di Verona, potranno partecipare al finanziamento dell’impianto eolico, della potenza complessiva di 4 MW, realizzato dalla multiutility locale AGSM nel 2017. L’operazione replica uno schema già adottato con successo per il vicino impianto eolico di Rivoli Veronese realizzato dalla stessa società nel 2013, e prevede un’emissione di obbligazioni (“Affi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende