Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Jellyfish Barge: la serra galleggiante per la sicurezza alimentare:

Jellyfish Barge: la serra galleggiante per la sicurezza alimentare

ottobre 7, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Per produrre insalata, pomodori e cavoli basta un fiume, o il mare. Pnat, spin off dell’università di Firenze nato all’inizio del 2014, ha lanciato un anno fa Jellyfish Barge, una serra modulare galleggiante e completamente autonoma dal punto di vista energetico, che ha già ricevuto diversi riconoscimenti anche a livello internazionale. Costruita con materiali a basso costo, è in grado di dissalare l’acqua salsa o depurare quella dolce e garantire la produzione di circa 1.000 insalate ogni mese con la tecnica della coltivazione idroponica. “L’abbiamo ideata pensando al problema della sicurezza alimentare: l’obiettivo è fornire a comunità che vivono in zone aride o a carenza di acqua potabile, ma magari vicino a un fiume o al mare, la possibilità di autoprodursi il cibo”, spiega Camilla Pandolfi, agronoma di Pnat.

Un progetto unico nel suo genere, che sta attirando l’interesse di mezzo mondo, dagli Stati Uniti, che lo hanno ospitato nel proprio padiglione a Expo, al Sudest asiatico. “Ci sono on line ricostruzioni 3D di progetti che possono sembrare simili, pensati per installazioni al largo dalla costa. In realtà, però, si tratta di strutture grandi e costose: investimenti che difficilmente riuscirebbero a ripagarsi con la sola produzione di ortaggi”. Il team di Pnat, guidato dal direttore del Laboratorio di neurobiologia vegetale dell’università di Firenze Stefano Mancuso, al contrario, ha progettato Jellyfish Barge con l’idea di mantenere dimensioni ridotte e bassi costi: un modulo formato da una base di legno di circa 70 metri quadrati, che galleggia su fusti di plastica riciclati, e da una serra in vetro e legno. Intorno, ci sono i pannelli solari, che forniscono la poca energia necessaria, e le unità di trattamento dell’acqua.

“Nel caso la serra sia installata sul mare, ci sono dei dissalatori solari: l’acqua con il calore del sole evapora e si separa dal sale; il vapore viene poi raccolto e attraverso la condensazione si ottiene acqua dolce. In caso invece di fiumi, possiamo installare degli impianti che depurano l’acqua da contaminazioni batteriche e impurità”. Ecco come funziona: “Il sistema preleva l’acqua e la tratta. Una centralina automatizzata aggiunge all’acqua i nutrienti necessari per la coltivazione e, attraverso un sistema di pompe alimentate con l’energia fotovoltaica, la invia alle canaline che la portano alle piante”. Una serie di webcam consente di controllare le piante anche a distanza, mentre dei sensori monitorano i parametri ambientali principali. “Stiamo progettando altri sensori per gli impianti, che possano segnalarci eventuali malfunzionamenti dei pannelli solari o del sistema di irrigazione”, continua Camilla Pandolfi.

Dopo una prima installazione a Pisa, Jellyfish Barge è stata presentata ad Expo e, grazie al supporto di Milano Cucina e Seeds & Chips, è stata posizionata nella Darsena di Milano, dove rimarrà fino al 31 ottobre. “Stiamo prendendo accordi per la sua destinazione successiva e stiamo già lavorando per future installazioni: puntiamo su città costiere, come New York o Copenaghen, in cui ci sia una sensibilità verso le produzioni a km zero e lo urban farming. Jellyfish Barge potrebbe soddisfare il fabbisogno di un piccolo supermarket, un ristorante o un hotel”.

Il prototipo è stato realizzato in collaborazione con l’università di Firenze, e finanziato dall’ateneo attraverso fondi della Regione Toscana e della Fondazione Ente Cassa di Risparmio di Firenze. In questi mesi, il progetto si è piazzato al secondo posto nel concorso “Ideas4Change”, indetto dalla Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite (UNECE), e ha vinto il premio “Idee innovative e tecnologie per l’agribusiness”, promosso da CNR e Onu. “Per il futuro – conclude Camilla Pandolfi – puntiamo a continuare l’ottimizzazione di Jellyfish Barge, ma ci occuperemo anche di veicolare sul mercato prodotti che sono il risultato delle ricerche del Linv, il Laboratorio di neurobiologia vegetale dell’università di Firenze”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende