Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Jellyfish Barge: la serra galleggiante per la sicurezza alimentare:

Jellyfish Barge: la serra galleggiante per la sicurezza alimentare

ottobre 7, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Per produrre insalata, pomodori e cavoli basta un fiume, o il mare. Pnat, spin off dell’università di Firenze nato all’inizio del 2014, ha lanciato un anno fa Jellyfish Barge, una serra modulare galleggiante e completamente autonoma dal punto di vista energetico, che ha già ricevuto diversi riconoscimenti anche a livello internazionale. Costruita con materiali a basso costo, è in grado di dissalare l’acqua salsa o depurare quella dolce e garantire la produzione di circa 1.000 insalate ogni mese con la tecnica della coltivazione idroponica. “L’abbiamo ideata pensando al problema della sicurezza alimentare: l’obiettivo è fornire a comunità che vivono in zone aride o a carenza di acqua potabile, ma magari vicino a un fiume o al mare, la possibilità di autoprodursi il cibo”, spiega Camilla Pandolfi, agronoma di Pnat.

Un progetto unico nel suo genere, che sta attirando l’interesse di mezzo mondo, dagli Stati Uniti, che lo hanno ospitato nel proprio padiglione a Expo, al Sudest asiatico. “Ci sono on line ricostruzioni 3D di progetti che possono sembrare simili, pensati per installazioni al largo dalla costa. In realtà, però, si tratta di strutture grandi e costose: investimenti che difficilmente riuscirebbero a ripagarsi con la sola produzione di ortaggi”. Il team di Pnat, guidato dal direttore del Laboratorio di neurobiologia vegetale dell’università di Firenze Stefano Mancuso, al contrario, ha progettato Jellyfish Barge con l’idea di mantenere dimensioni ridotte e bassi costi: un modulo formato da una base di legno di circa 70 metri quadrati, che galleggia su fusti di plastica riciclati, e da una serra in vetro e legno. Intorno, ci sono i pannelli solari, che forniscono la poca energia necessaria, e le unità di trattamento dell’acqua.

“Nel caso la serra sia installata sul mare, ci sono dei dissalatori solari: l’acqua con il calore del sole evapora e si separa dal sale; il vapore viene poi raccolto e attraverso la condensazione si ottiene acqua dolce. In caso invece di fiumi, possiamo installare degli impianti che depurano l’acqua da contaminazioni batteriche e impurità”. Ecco come funziona: “Il sistema preleva l’acqua e la tratta. Una centralina automatizzata aggiunge all’acqua i nutrienti necessari per la coltivazione e, attraverso un sistema di pompe alimentate con l’energia fotovoltaica, la invia alle canaline che la portano alle piante”. Una serie di webcam consente di controllare le piante anche a distanza, mentre dei sensori monitorano i parametri ambientali principali. “Stiamo progettando altri sensori per gli impianti, che possano segnalarci eventuali malfunzionamenti dei pannelli solari o del sistema di irrigazione”, continua Camilla Pandolfi.

Dopo una prima installazione a Pisa, Jellyfish Barge è stata presentata ad Expo e, grazie al supporto di Milano Cucina e Seeds & Chips, è stata posizionata nella Darsena di Milano, dove rimarrà fino al 31 ottobre. “Stiamo prendendo accordi per la sua destinazione successiva e stiamo già lavorando per future installazioni: puntiamo su città costiere, come New York o Copenaghen, in cui ci sia una sensibilità verso le produzioni a km zero e lo urban farming. Jellyfish Barge potrebbe soddisfare il fabbisogno di un piccolo supermarket, un ristorante o un hotel”.

Il prototipo è stato realizzato in collaborazione con l’università di Firenze, e finanziato dall’ateneo attraverso fondi della Regione Toscana e della Fondazione Ente Cassa di Risparmio di Firenze. In questi mesi, il progetto si è piazzato al secondo posto nel concorso “Ideas4Change”, indetto dalla Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite (UNECE), e ha vinto il premio “Idee innovative e tecnologie per l’agribusiness”, promosso da CNR e Onu. “Per il futuro – conclude Camilla Pandolfi – puntiamo a continuare l’ottimizzazione di Jellyfish Barge, ma ci occuperemo anche di veicolare sul mercato prodotti che sono il risultato delle ricerche del Linv, il Laboratorio di neurobiologia vegetale dell’università di Firenze”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende