Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Keep Clean and Run”, storia di una corsa per pulire le strade, da Aosta a Ventimiglia:

“Keep Clean and Run”, storia di una corsa per pulire le strade, da Aosta a Ventimiglia

dicembre 22, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Pulisci e Corri” rappresenta l’evento nazionale 2015 della campagna di comunicazione europea “Let’s Clean Up Europe”. Organizzato da AICA – Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, si tratta di un eco-trail della durata complessiva di otto giorni, dalla Valle d’Aosta alla Liguria, che ha visto, nella prima edizione, la partecipazione di due testimonial ambientali (Oliviero Alotto e Roberto Cavallo) che, ogni giorno hanno percorso 40-50 km di strade e sentieri rimuovendo i rifiuti abbandonati lungo il percorso. Il libro scritto in seguito da Roberto Cavallo, racconta l’esperienza dei due corridori. Per “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo un estratto dal primo capitolo.

Aosta si è svegliata. Chi va al lavoro, chi a scuola. Ho dormito poco. La prima tappa è lunga, 56 chilometri, anche se con solo due brevi salite. Ho ripercorso l’itinerario sulla mappa che ho caricato sul GPS: corre tutto sul fondovalle, in gran parte lungo la pista ciclabile a fianco della Dora Baltea. Il tempo è bello, nemmeno una nuvola. La temperatura ideale per correre, come ci avevano per altro avvertito Luca Mercalli e il suo staff, che ci accompagnano in questa avventura in qualità di partner nelle previsioni meteo. Si erano anche premurati di avvertirci che non avrebbe spirato troppo vento. Si sa che nel fondovalle spesso è l’aria a influenzare gli spostamenti, e soprattutto chi pedala in bici lo sa bene. Insomma… non ho scuse per ripensamenti!

Il ritrovo è alla Cittadella dei Giovani. Siamo all’ingresso est di Aosta. Poco distante si innalza l’Arco di Augusto, che in realtà era fuori dalla città romana, ne segnalava l’ingresso dal decumano, che iniziava dalla Porta Pretoria. Aosta la si pensa città di montagna, partenza per escursioni naturalistiche, ma sa sorprenderti per la sua storia. Alla partenza molte autorità aspettano di dare il via, di fronte a telecamere e giornalisti.C’è un clima di festa, da grande evento, ma l’evento ancora deve incominciare e qualche dubbio sul fatto che ci sarà davvero, o perlomeno che ci sarà fino alla fine, ce l’ho. Partiamo con qualche minuto di ritardo, rispetto alle 7:45 previste da programma. Dobbiamo quindi sbrigarci, ci avverte Marco, il responsabile della tappa, perché occorre attraversare la ferrovia Aosta-Torino prima che passi il treno, altrimenti dovremo aspettare a sbarre giù. Un gruppo di persone ci accompagna nel primo tratto, correndo insieme a noi. Anche il presidente della Regione Augusto Rollandin e la Sottosegretaria all’Ambiente Barbara Degani sono dei nostri, almeno per il primo tratto. I vari impegni istituzionali li costringeranno a lasciarci dopo 5 chilometri (la sottosegretaria) e dopo quasi una ventina (il presidente). Nel ringraziarli, ribadisco che la loro presenza ha dato ulteriore valore a Keep Clean and Run, sottolineando la necessità di testimoniare l’impegno verso un corretto rapporto tra uomo e natura. È certamente importante lanciare slogan o fare conferenze stampa, ma mettersi in prima persona con le proprie gambe a correre e con la propria schiena a chinarsi e raccogliere quanto altre persone hanno gettato nell’ambiente è un impegno tangibile: per questo sono loro riconoscente, nella certezza che l’esperienza lascerà anche a loro qualcosa di permanente.

Superiamo la ferrovia e aggiriamo le acciaierie Cogne; subito dopo il ponte di Pont Suaz sulla Dora imbocchiamo la ciclabile che corre sulla destra del fiume. Mi sorprendono la cura e la pulizia. Bello pensare che ci siano posti in Italia che, nel percorrerli, facciano pensare di essere all’estero, in quei Paesi del Nord Europa che tanto invidiamo per l’attenzione all’ambiente. A pochi passi dalla città c’è un’oasi da vivere, che ti permette di osservare il fiume e la sua vita, i suoi spazi, capirne le dinamiche e, nel frattempo, tenersi in forma. Purtroppo dove la ciclabile sfiora letteralmente l’autostrada, protetta dalle reti di confine, i segni dell’uomo sono visibili: la base della rete metallica, un po’ come una rete da pesca, è piena di cadaveri. Non sono pesci pronti da cucinare, ma imballaggi di ogni tipo, tanto che ci chiediamo come possa una persona acquistare una bevanda o uno yogurt o un pacco di biscotti, consumarli in auto e poi gettare fuori dal finestrino la confezione. Ma purtroppo è così.

In 5 chilometri lo zaino che porto sulle spalle si riempie di rifiuti. Ne parliamo con la sottosegretaria, con qualche foto di rito, proprio mentre arriviamo al parco della Grand Place. Siamo nel comune di Pollein, un’altra oasi di pace: oltre dieci ettari dove riposarsi nel verde o assistere agli sport popolari aostani. Barbara Degani e il capo della sua Segreteria tecnica Fabrizio Pennaci devono lasciare: l’inaugurazione degli spazi di Expo è imminente e devono raggiungere Milano. Nel comune di Brissogne passiamo accanto al Golf Les Iles; quindi, dal comune di Saint-Marcel, proseguiamo su una strada comunale asfaltata; alla prima rotonda di Fénis, scendiamo verso il cimitero e imbocchiamo il sentiero dei pescatori: è qui, invece, che il presidente Rollandin ci saluta. Abbiamo avuto modo di parlare a lungo con lui della gestione dei rifiuti e, pur partendo da visioni diverse, abbiamo riflettuto a fondo sul fatto che si possa fare molto. Devo dire che il correre fianco a fianco ci ha aiutato a ragionare al di là di pregiudizi, schemi mentali e diffidenze reciproche.

Dal sentiero dei pescatori il famoso castello di Fénis non si vede, ma respiro comunque un’aria medievale, pensando a battaglie e intrighi. Il sentiero scorre lungo la Dora, ma noi tagliamo verso il bike park,tra il canale idroelettrico e la ferrovia, per sbucare in una cava di lavorazione degli inerti. Resta con noi Franco Collé, fresco vincitore del Tor des Géants, la più dura corsa in montagna al mondo: 330 chilometri con 24 mila metri di dislivello positivo, da percorrere al massimo in 150 ore. Alcuni dei sentieri del Tor li conosco, percorrendoli d’estate, zaino in spalla, per respirare l’aria che scende dai 4mila metri delle montagne più alte d’Europa. Da Aosta a Pont-Saint-Martin Franco è comprensivo: mi aspetta, e intanto racconta delle sue esperienze, delle sue gare, mentre sembra galleggiare al mio fianco. Ha una corsa leggera, pare non faticare. Probabilmente, alla mia andatura, non fatica davvero! Con Oliviero parlano di tecniche di allenamento, di alimentazione, di scarpe, di dislivelli e tempi di percorrenza. Io provo ad ascoltare. Le mie domande sono più ingenue, del tipo “da quanto tempo corri?”…

Passiamo sotto l’arco scavato nella roccia, con accanto la pietra miliare anch’essa ricavata direttamente nella parete rocciosa, che segna l’ingresso del comune di Donnas. Da qui è solo strada statale fino a Pont-Saint-Martin. Il nome del comune ricorda il ponte, l’unico rimasto in piedi e transitabile dei 17 che erano stati costruiti dai romani. Ci passiamo accanto, perché l’arrivo non è in piazza, ma ai giardini della Resistenza. Gli alpini ci stanno aspettando con un gruppo di ragazzi che, nel frattempo, ha ripulito il parco comunale dai rifiuti abbandonati. Per la verità arriviamo addirittura mezz’ora prima dell’orario previsto,così che dobbiamo rifare l’arrivo per la riprese televisive ben due volte. Ma è tornata l’adrenalina, e sembra tutto più facile. L’assessore all’ambiente della Regione, Luca Bianchi, ci accoglie incuriosito da quanto abbiamo da raccontare. L’organizzazione prevede che prima di “restituire” i rifiuti e dire le impressioni raccolte, passiamo sotto le mani del fisioterapista. Marco è lui di turno alle prime due tappe ci aspetta all’ostello della via Francigena e noi siamo molto contenti di vederlo.

Roberto Cavallo

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende