Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Kingfisher: i polimeri riciclati che costano meno e fanno risparmiare petrolio:

Kingfisher: i polimeri riciclati che costano meno e fanno risparmiare petrolio

marzo 13, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Il loro slogan è “good enough”, sufficientemente buono. Kingfisher Polymers, azienda nata ufficialmente ad ottobre 2012 ha già vinto, nei giorni scorsi, il premio speciale Green and Circular Economy di Italeaf, la società di supporto alla creazione di start up di TERNI Research.

L’idea di business è semplice: offrire all’industria una plastica riciclata che, non essendo perfetta come quella vergine, costi molto di meno e sia utilizzabile per tutti quei prodotti che non richiedono una materia prima eccezionale. “Io sono un ingegnere dei materiali, con esperienza in un’azienda di riciclo della plastica. Il mio socio, Giancarlo Perfetti, è un ingegnere chimico, con alle spalle più di dieci anni di lavoro in diverse industrie chimiche. Ci siamo trovati all’MBA del Politecnico di Milano e ci è venuta l’idea di puntare sulle plastiche che di solito vengono mandate in discarica o all’inceneritore per il recupero energetico”, racconta Davide Gianni.

Non tutti i tipi di plastica della raccolta differenziata, infatti, prendono la strada del riciclo: “Di solito si selezionano le plastiche semplici da separare e redditizie da rivendere, come le bottiglie in PET o le cassette della frutta. Il resto, per esempio, le pellicole alimentari, viene scartato”. Da qui l’idea di partenza: “Noi prendiamo questi polimeri e, grazie all’aggiunta di additivi, modifichiamo le loro proprietà in base alle richieste del cliente. Il risultato è una plastica meno resistente di quella vergine, non adatta per l’industria alimentare o farmaceutica, ma perfetta per molti altri utilizzi, dai bancali agli arredi, dagli elementi per il giardino alle componenti per l’edilizia”. Con notevoli vantaggi economici, visto che c’è un risparmio dal 20% al 50% rispetto ai polimeri vergini.

Per molti utilizzi, infatti, non ha senso utilizzare materia prima non proveniente dal riciclo. Diversi prodotti non hanno bisogno di un livello di perfezione estetico troppo alto, né devono avere prestazioni meccaniche elevate. “Fino a poco tempo fa si è utilizzata plastica nuova senza farsi troppi problemi visto che è un materiale a buon mercato. C’è anche il fatto che per parecchi anni c’era una scarsità di plastica riciclata. Negli ultimi tempi, però, soprattutto per ragioni economiche, le cose sono cambiate: le aziende hanno iniziato a cercare materie prime seconde, o almeno a diluire la plastica riciclata con altra vergine”. L’obiettivo di Kingfisher, però, va oltre: “Vogliamo offrire un polimero riciclato che possa essere usato da solo. L’idea è partire dal polimero vergine utilizzato dal cliente e sostituirlo con uno riciclato pensato su misura per quel particolare utilizzo, senza che l’azienda debba cambiare il processo di produzione”.

Dopo alcuni mesi di studio e ricerche, i prototipi sono pronti e diverse imprese stanno iniziando a provarli: “Il mercato è pronto. In un momento come questo, le aziende sono aperte a provare le nostre plastiche, anche se vogliono delle rassicurazioni, per essere certe che non dovranno cambiare niente dei processi produttivi attuali”. Per adesso la start up si appoggia a uno stabilimento esterno, ma c’è già l’idea di realizzarne uno non appena gli affari raggiungeranno un buon livello: “Un impianto in grado di trattare 5.000 tonnellate all’anno richiede un investimento abbastanza esiguo, pari a 500.000 euro, ed è replicabile ovunque ci sia una fonte di approvvigionamento di plastica riciclata”.

La produzione è ancora all’inizio, ma per la premiazione di Italeaf, i fondatori di Kingfisher Polymers hanno calcolato precisamente il beneficio ambientale della loro impresa: “Per ogni euro di input, ne riceviamo indietro 26 in termini di vantaggi ambientali: meno petrolio estratto, meno rifiuti in discarica, meno emissioni di gas, risparmio energetico, minori rischi di sversamenti di petrolio. Un anno di produzione del nostro impianto contribuisce a un risparmio di petrolio del volume di un edificio di 20 piani, a risparmiare la CO2 prodotta da 30 milioni di miglia percorse in aereo e a un risparmio di energia elettrica pari al consumo annuo di 5.000 persone”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

ottobre 19, 2017

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

Il 27 ottobre a Venezia inaugurerà Climate 04 – Sea Level Rise, progetto d’arte pubblica sulle conseguenze dei cambiamenti climatici e l’innalzamento del livello del mare in Laguna, che trae ispirazione dai recenti studi sull’innalzamento del livello medio del mare, le onde estreme, e il ruolo delle piante costiere e di barena per l’ecosistema lagunare. L’iniziativa prevede [...]

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

ottobre 18, 2017

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

Un incremento dell’immesso al consumo dei prodotti pari a circa 1.330.000 tonnellate (rispetto alle 875.000 tonnellate di AEE – apparecchiature elettriche ed elettroniche – domestiche e professionali immesse nel sistema attuale) oltre a un aumento del numero di produttori coinvolti nel sistema RAEE, tra i 6.000 e i 9.000 in più (rispetto agli attuali 6.000/7.000 mila): sono [...]

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

ottobre 17, 2017

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

Dopo quasi tre anni di lavoro di sensibilizzazione, promozione, cultura e networking, il CNFFP – Coordinamento Nazionale Filiera del Florovivaismo e del Paesaggio annuncia l’approvazione, da parte del Consiglio dei Ministri, del cosiddetto “Bonus Verde”, ovvero la nuova detrazione fiscale del 36% per la cura del verde privato. Annunciato ieri dal Ministro delle Politiche Agricole, [...]

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

ottobre 16, 2017

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

È Hyundai IONIQ la vincitrice del titolo “Green Gold Award 2018”, assegnato dall’Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA) martedì scorso a Frascati (Roma). Il premio rappresenta un importante riconoscimento alla triplice tecnologia sviluppata da Hyundai sulla gamma IONIQ, prima auto di serie al mondo disponibile in versione Hybrid, Electric oppure Plug-in Hybrid. IONIQ avvicina così le [...]

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

ottobre 13, 2017

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

Nasce a Milano MiMoto, il primo ed unico servizio di scooter sharing elettrico ed ecosostenibile della città. Un’idea semplice che unisce in sé rispetto per l’ambiente, Made in Italy, sicurezza stradale, condivisione ed efficienza. MiMoto oltre a essere una start up innovativa, è un servizio che ha l’obiettivo primario di offrire ai propri clienti finali [...]

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

ottobre 13, 2017

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

Sbarca in Italia Copernicus, il programma di osservazione della Terra sviluppato dalla Commissione Europea. C3S – Copernicus Climate Change Service è costituito da un insieme complesso di dati provenienti da più fonti (satelliti di osservazione, stazioni di terra, sensori in mare e aerei) che possono fornire informazioni affidabili e aggiornate su ambiente e sicurezza, aiutando a [...]

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

ottobre 12, 2017

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

Il 14 ottobre 2017 si celebrerà la prima Giornata mondiale dell’Educazione Ambientale, a 40 anni dalla Conferenza ONU di Tbilisi (capitale della Georgia), in cui si svolse – il 14 ottobre del 1977 – la Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sull’educazione ambientale, organizzata da UNESCO e UNEP, che si concluse il 26 ottobre con una Dichiarazione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende