Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » L’ultima poesia:

L’ultima poesia

marzo 15, 2011 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Courtesy of opendooropenmind.comStrappami la vita e quietami i pensieri, mare”. Questo sarebbe stato l’inizio della mia ultima poesia. Lo sentivo, era l’ultima.

Due settimane fa ero nel mio studio, in città, a scrivere. Ebbene si, sono un vecchio scrittore barbuto, attaccato alla macchina da scrivere, come un panda al bambù. Sogno storie, le vedo negli occhi della gente che incontro, nelle tasche rovesciate dei cappotti messi via l’inverno passato e tirati di nuovo fuori dagli armadi al ritorno del freddo. Scovo storie nei granelli d’asfalto delle strade violate dalle macchine, nel pulviscolo dell’aria colpita dai raggi del sole. È una vita che trovo storie nei posti più inusuali e potrei farlo per un’altra vita ancora. È una necessità, è come respirare o mangiare. Mangio storie. Respiro parole. Sono una specie di Caronte che traghetta pensieri per concretarli sulla carta. Li porto da una parte all’altra, da mano a orecchio, dall’ideale al reale. Ogni volta è come se staccassi un pezzo di me, non so mai di che brandello si tratta, ma è qualcosa di profondo.

Quando ho iniziato avevo paura di rimanere senza più nulla dopo un certo numero di racconti, di sparire, di rimanere solo luce. Scrivere è una fatica, una sfida che sfiora il masochismo. L’ho accolta da sempre a piene mani.

Vi dicevo, due settimane fa ero nello studio, e ho capito che il mio tempo stavo finendo. Succede quando inizi a vedere le luci meno forti, i contorni meno netti, le persone meno interessanti e nelle tasche dei cappotti invernali, ad ottobre, non trovi più nulla.

Ho deciso, dovevo partire. Dovevo abbandonare l’ambiente metropolitano e approdare sull’Isola. Le isole sono il territorio più affascinante per un osservatore, la vista si perde nel mare a trecento sessanta gradi e puoi stare in un posto che ne è il centro, puoi girarne il perimetro, puoi perderti all’interno. Avevo fatto pochi bagagli, il fagotto del viaggiatore, non le valigie del turista. Sono arrivato sull’Isola e mi sono ambientato in un millesimo di secondo, mi sono fuso con il verde, mi sono amalgamato con la sabbia. Ho montato la tenda. Ho acceso il fuoco, si stava facendo buio. Ho iniziato a scrivere “Strappami la vita e quietami i pensieri, mare”.. la mia ultima poesia.

Il giorno dopo avevo deciso di pulire tutta la spiaggia e fare un elenco di tutti gli oggetti che trovavo affondati nei granelli. Appena sveglio iniziai col mio retino a setacciare. Ecco la prima reliquia del giorno: un braccialetto d’argento con inciso sopra “per sempre”. Chissà chi era il proprietario, chissà se quel “per sempre” si era perso insieme al bracciale. Molto meno romantici gli oggetti che trovai più avanti: un assorbente a cui era seguito un numero infinito di mozziconi di sigaretta, un accendino, una lente scura di un paio d’occhiali da sole, una confezione vuota di chewingum, un sacchetto di plastica, tre bottiglie di vetro, due di birra e l’altra di vino rosso, un giornale ingiallito dal tempo, una matita, una forcina, una rotella di liquirizia e una lettera.

La lettera mi aveva fatto salire una certa emozione, l’avevo aperta, guardandomi intorno, con un po’ d’imbarazzo. L’emozione era svanita scoprendo che si trattava di una lettera di sollecitazione di un libro alla biblioteca della città. Il libro richiesto era Robinson Crusoe di Daniel Defoe, chissà se era tornato a destinazione o se invece se l’era mangiato il mare, come avrebbe mangiato anche me. Più tardi.

Finita la pulizia della mia ultima dimora terrena avevo issato un grande cartello, all’entrata della spiaggia, con l’elenco degli oggetti che avevo trovato. All’inizio dell’elenco, nella parte superiore del cartello, avevo scritto “è vietato abbandonare sulla spiaggia:”. Penserete: che vecchio rompiscatole, viene lì un giorno, si prende la briga di pulire tutto e detta regole, prima di crepare ed essere dimenticato. Non sono un eroe, ma volevo che il lavoro che avevo fatto venisse mantenuto nel tempo. Con o senza di me. Finito quest’impiego mi ero rimesso tranquillo, seduto non troppo lontano dalla tenda, col mare che mi solleticava i piedi. Tutto era pulito, non c’erano più schifezze o oggetti strani intorno a me. Potevo concludere la mia ultima poesia. “Strappami la vita e quietami i pensieri, mare. Prendimi nella tua infinità e culla i miei remoti desideri. Custodisci l’ultima idea, svelami il tuo segreto. Lasciami dormire nei tuoi abissi, ti sarò per sempre deb…”. Mi ero lasciato andare, sentivo che le forze erano finite, anche per riuscire a scrivere una sola, ultima, parola.

Avevo vent’anni e quella mattina ero arrivato alla spiaggia con Paolo e Matteo, volevamo fare una partita di calcio, avevo portato io il pallone e lo tenevo stretto fra braccio e fianco. È stato appena dopo il nuovo cartello piantato nella sabbia all’entrata, con tutte le nuove regole per non sporcare l’ambiente, che vidi il corpo di un uomo. Era a riva. Mi avvicinai per vedere se era ancora vivo. No. Era morto e semi zuppo. Era un uomo elegante, con tanti capelli bianchi e una barba grigia lunga. Aveva una giacchetta di velluto marrone e sotto una camicia bianca, un fiore rosso, una rosa, pinzata all’occhiello con una spilla da balia, pantaloni beige. L’unica nota che stonava erano degli scarponcini da montagna ai suoi piedi, doveva aver camminato tanto per venire a morire qui. Non lontano c’era una tenda montata, doveva essere sua, e i resti di un falò. Il suo volto mi aveva ipnotizzato, rimasi a guardarlo qualche minuto, mentre Paolo e Matteo mi chiamavano a gran forza e mi sollecitavano di avvertire la polizia per far portare via quel corpo senza vita. I suoi occhi, verdi, mi guardavano. Accennava un mezzo sorriso sulle labbra. Non volevo chiamare la polizia, non volevo che lo portassero via dal posto in cui aveva deciso di finire i suoi giorni. Dal taschino della giacca di velluto marrone scorsi un foglietto che usciva, lo lessi, era una poesia, bellissima e incompiuta, sembrava una preghiera. Misi in tasca il foglio, presi l’uomo da un braccio e lo portai in mare, fino a dove toccavo, mi bagnai tutti i vestiti, poi lo spinsi con tutte le mie forze, ancora più a largo. Forse la corrente lo avrebbe riportato a riva, ma volevo fargli godere ancora l’ondeggiamento dell’acqua. Ritornai a riva e corsi via dalla spiaggia con Matteo e Paolo a seguito. Non ci tornai più.

Oggi sono tornato in quel luogo. Adesso ho settantasei anni. Sono tornato con la poesia dello scrittore, che avevo trovato lì, morto, più di cinquant’anni prima. Di tempo ne era passato, ma non avevo dimenticato quell’incontro. Ho ripulito tutta la spiaggia, aggiungendo all’elenco altri oggetti da non disperdere nella sabbia. Ho infilato il foglio su cui era scritta la poesia, in una bottiglia di vetro, ho chiuso la bottiglia con un tappo di sughero. L’ho abbandonata nel mare. Qualcuno un giorno troverà l’ultima poesia di un vecchio scrittore, un eroe, barbuto ed ecologista.

Stephania Giacobone

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende