Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “La felicità sul tetto del mondo”: a piedi al cospetto dell’Everest:

“La felicità sul tetto del mondo”: a piedi al cospetto dell’Everest

aprile 1, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

“Se qualcuno mi chiedesse che cos’è la felicità, risponderei che la felicità è camminare in montagna”. Con questa frase si apre “La felicità sul tetto del mondo. Diario di un trekking in Nepal“, da poco pubblicato dalle Edizioni Asterisk. Nell’ebook, Michela Alessandroni, camminatrice e fondatrice lei stessa di un’altra casa editrice digitale, va alla scoperta di un paesaggio bellissimo, da Katmandhu fino al campo base dell’Everest. Il libro è il diario di un viaggio, il racconto del cammino interiore dell’autrice ma anche una guida utile per appassionati di trekking e per chi si avvicina al mondo delle camminate e vuole sfidare le proprie abilità (non solo fisiche ma soprattutto mentali) passando dall’Appennino alla montagna per eccellenza: l’Himalaya e il trekking in Nepal. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi un estratto che racconta una tappa della salita al campo base, da Phakding (2610 m) a Namche (3440 m).

Questa mattina presto siamo partiti per Namche Bazar. È stata una camminata lunga e faticosa, ma che soddisfazione! Che paesaggi spettacolari! Non avevo mai visto tanta bellezza naturale in vita mia.

La pioggia non ci ha ancora abbandonato, anzi, ha ridotto in fango la nostra salita, rendendo tutto più difficile e scivoloso. Il problema non è l’acqua in sé che ti batte addosso per tutta la camminata, ma il fatto che ti inzuppi vestiti che non sai se potrai asciugare, e il guardaroba è molto limitato, e ti bagni i capelli che non potrai lavare che tra due settimane. È il ciclone che gira mietendo vittime sull’India; il suo braccio ha preso tutto il Nepal, perciò piove ininterrottamente su tutto il Paese.

Oltre a questo, gli inconvenienti sono sempre in agguato. Ieri avremmo dovuto avere la doccia calda, mentre invece non è stato possibile e, nonostante la camminata, non ci siamo potuti lavare. Il mio flacone che conteneva il liquido delle lenti si è aperto nel bagaglio trasportato dal portatore e si è rovesciato completamente. Risultato: un paio di lenti messe pochissimo le ho dovute buttare, non ho più il liquido e ho altri vestiti bagnati. Ma pazienza, ci si adatta a tutto e lamentarsi non serve a niente.

Oggi abbiamo camminato per cinque ore, coprendo un dislivello di 850 metri su un lungo percorso fatto di continue salite e discese: siamo partiti da Phakding, abbiamo superato Bengkor, Chhamuwa, Monjo, Jorsalle (dove abbiamo fatto una sosta per il pranzo, ma le pause non le conteggio nelle ore di cammino) e Larja Dobhan, per arrivare infine a Namche.

Lungo la strada ho incontrato un bambino piccolo e paffuto. Capelli corvini e occhi neri, come tutti qui. Sulla soglia di casa, mi ha visto passare e mi ha salutato a gran voce: «Namaste!».

Siamo passati con grande emozione per il primo punto da cui si vede l’Everest, che in nepalese è chiamato Sagarmatha e che dà il nome a tutta la zona, e abbiamo attraversato i famigerati ponti sospesi tra le montagne. Non ho avuto paura, anzi è stato molto bello vedere il fiume in piena galoppare sotto di me e le montagne altissime stagliarsi attorno. Il più alto che ho attraversato si trova al di sopra del vecchio ponte di Hillary. E sotto, a 100 metri di distanza, la confluenza di due grandi fiumi: uno tibetano e uno nepalese. Fiumi fratelli, come i due popoli del Nepal e del Tibet.

Edmund Hillary è stato un esploratore e alpinista neozelandese, famoso per aver raggiunto per primo la cima dell’Everest insieme allo sherpa Tenzing Norgay, nel 1953. Qui in Nepal è una figura molto amata e in effetti ha fatto molto per la popolazione locale: ha costruito un ospedale e una scuola per i bambini, un piccolo aeroporto, dove sua moglie e sua figlia morirono a causa di un incidente, e ha costituito la “American Himalayan Foundation”, a scopi ambientali e umanitari.

Fiumi fratelli, come i due popoli del Nepal e del Tibet, dicevo. Se in Occidente è molto sentita la questione dell’occupazione cinese del Tibet, qui è vissuta come sentimento molto vivo e doloroso. Più volte ho sentito ribadire che quella zona si chiama Tibet e non Cina e visto sguardi infastiditi dalla presenza di turisti cinesi.

Namche è il più grande villaggio della zona. Abbiamo il bagno in camera con l’acqua calda e tanti negozietti, tra cui una farmacia, il wi-fi a pagamento e la lavanderia. A quanto pare, tutti i miei problemi di panni da asciugare e lenti a contatto si sono risolti.

Il cibo continua a essere molto buono. Quasi mi piace più quello di montagna rispetto a quello di Kathmandu: puoi mangiare pasta, pizza, tramezzini, zuppe. Sto bevendo molto tè nero, ogni momento è buono per sorseggiarne una tazza.

Anche il signore canadese è qui a Namche. Non c’è traccia, invece, dei russi. Ieri sera hanno bevuto talmente tanto e fatto chiasso sotto i volti sgomenti dei nepalesi che oggi saranno rimasti a dormire fino a tardi.
Non volevano cessare di bere ieri, allora la loro guida li ha intimati di smettere perché si sarebbero dovuti svegliare presto. Poi ha chiesto al bar di non servire più niente, al che uno di loro ha tirato fuori un mucchio di soldi, dicendo che voleva bere ancora e che avrebbe potuto pagare qualunque cifra. Quanta strafottenza!

Il lodge è strapieno, tanto che guide e portatori devono dormire per terra nella stanza comune. Per me è stata invece una notte tranquilla. Ho sognato un monaco. Mi chiamava con uno dei soprannomi che mi hanno dato in famiglia e mi diceva che in questo viaggio avrei conosciuto un altro livello di spiritualità.

Michela Alessandroni *

* (Roma, 1976) ama leggere, scrivere e camminare in montagna. Dopo aver maturato un’esperienza professionale decennale lavorando con diversi editori, nel 2012 dà vita a una nuova realtà editoriale: flowered,una casa editrice nativa digitale. Ha percorso i boschi e i sentieri italiani per poi cimentarsi in untrekking fra le montagne dell’Himalaya, giungendo fino al campo base dell’Everest.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende