Home » Rubriche »Very Important Planet » “La grande abbuffata non esiste più, vince la salute”. Intervista a Paolo Massobrio:

“La grande abbuffata non esiste più, vince la salute”. Intervista a Paolo Massobrio

dicembre 7, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Più che un manuale, una guida con il papillon. Paolo Massobrio, l’uomo che con il meteorologo Luca Mercalli condivide il primato del papillon sempre indosso, uno dei critici enogastronomici più seguiti d’Italia, è appena uscito in libreria con la sua Guida Critica Golosa 2013, un vademecum del buongustaio che dà lumi su ristoranti, piole, piolette e trattorie di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, Lombardia, Piacentino e Costa Azzurra per l’anno prossimo. E da guru della buona tavola, interviene questa settimana nella nostra rubrica V.I.P. per togliere di mezzo un po’ false credenze.

D) E’ una nostra impressione, o i menu dei ristoranti stanno diventando sempre più salutistici?

R) E’ stato finalmente fatto il salto di qualità che ci voleva da tempo. L’apparizione del carrello delle verdure in alcuni ristoranti era auspicabile. Sembrava impossibile, oggi c’è ed è una pietanza di gusto e non triste a tutti i costi, come si credeva. Certo si potrebbe fare di più…

D) In che senso?

R) Ad esempio si fa ancora troppo poco sul fronte delle zuppe, che sono piatti completi. Non ci si può più permettere di farle in casa, per mancanza di tempo, per cui sarebbe cosa buona e giusta trovarle nei menu dei ristoranti. Ma accade di rado, mentre sono una portata gustosa, su cui si può lavorare molto di fantasia, con un ottimo valore nutrizionale.

D) E’ finita l’era del ristorante dalle proposte ultrasperimentali? Si ritorna verso ricette più “normali”?

R) I ristoranti dovrebbero sempre assolvere al doppio ruolo di luoghi esclusivi del gusto, con creatività, ma non è più tempo di esagerare. Spesso hanno pensato di andare “troppo avanti” sulla cucina, con spinte esasperate e noiose. Il cliente si è stufato. Ma è lui il riferimento più importante, non il cuoco, come pensano molti.

D) Da una vostra indagine tra i ristoratori, viene fuori che sono i giovani ad aver fatto la rivoluzione. Meno disposti a spendere, bevono e mangiano di meno, contribuendo a modificare l’offerta.

R) Dirla così è un po’ semplicistico. E’ vero che i giovani possono spendere meno. Ma i giovani, ovviamente, non sono gli unici clienti. Anzi sono appunto quelli con minori disponibilità economiche. Sono cambiate le abitudini e le proposte da parte dei ristoratori anche perché abbiamo sviluppato patologie alimentari legate ai consumi eccessivi che ci stanno facendo ripensare il nostro approccio alla tavola. Sono piuttosto le donne, a mio parere, le responsabili della rivoluzione.

D) La grande abbuffata non ci sta più, dunque. A casa, come al ristorante…

R) No, è scomparsa. Perfino ai pranzi ufficiali, a Natale e Capodanno. C’è una nuova generazione di ristoratori che da cinque anni lavora su questi aspetti. Anche con intenzione educativa: andare al ristorante significa sempre più alzarsi soddisfatti e abbastanza leggeri, in forma.

D) Tra le regioni italiane ce n’è qualcuna che mangia meglio di altre?

R) No, abbiamo così tanta diversità a tavola che ogni regione riesce a trovare il suo equilibrio. Siamo unici al mondo per questo. Se proprio dovessi rispondere, paradossalmente forse la regione che si nutre meglio è la Sicilia perché cucina tanto pesce, però poi c’è la caponata che ti frega sulle calorie. Direi che la nostra dieta mediterranea è il compromesso migliore.

D) Lei dove vive?

R) Ad Alessandria.

D) Com’è la qualità della vita in Piemonte?

R) Ci vivo con orgoglio. Giro molto a piedi perché questa città è un paesone, conosci tutti, l’auto puoi dimenticarla. E già io sono costretto a fare 60 mila chilometri l’anno per lavoro…almeno quando mi riposo voglio camminare. Ci sono dettagli che si colgono solo così. In auto ti perdi l’odore delle atmosfere, quasi non ti accorgi che passano le stagioni.

D) Il suo luogo d’elezione, la seconda casa del cuore?

R) La Francia, anzi la Borgogna, che ha una storia molto simile a quella delle mie zone.

D) E anche degli ottimi vini…

R) Prima viene la storia, poi tutto il resto, in questo caso.

D) Un luogo invece per cui le piange il cuore, per come è stato deturpato?

R) La Calabria. Questi paesini dell’entroterra così abbandonati, lasciati a metà, lasciati impoverire, abbandonati a se stessi…

D) Nella sua guida critica ci sono moltissimi consigli utili per frequentare i migliori ristoranti, aggiornati di anno in anno. Com’è la nati-mortalità delle imprese della ristorazione?

R) In Piemonte teniamo meglio che altrove. Più che in Lombardia, perché abbiamo aziende molto flessibili, a conduzione familiare, con ottimi prezzi. Certo, è un gran peccato che il migliore ristorante della Val Sesia abbia chiuso. Era un gioiello, ma teneva aperto solo nel weekend. Appena c’è stato un po’ di calo, non ha retto. Peccato davvero.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende