Home » Campioni d'Italia »Rubriche » La mensa più verde d’Italia è in Sardegna. A Samassi, il paese del carciofo che ha vinto contro la burocrazia:

La mensa più verde d’Italia è in Sardegna. A Samassi, il paese del carciofo che ha vinto contro la burocrazia

marzo 15, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

A km zero, stagionali, IGP, DOP, biologici, poi i cibi della tradizione, l’acqua del “Sindaco” dalla rete, stoviglie in terra cotta, lavastoviglie a basso consumo energetico. Un menù per mangiare sano e a limitato impatto ambientale quello che ha fatto conquistare alle scuole di Samassi, comune di 5.000 abitanti della provincia del Medio Campidano in Sardegna, il primo premio MensaVerde del Forum Compraverde. Il servizio di refezione scolastica più green d’Italia, con il 90% di cibo “verde” servito ai piccoli scolari. I “Campioni d’Italia” di questa settimana sono loro: gli studenti, gli insegnanti, i dirigenti scolastici, gli amministratori comunali e quelli di LAORE (agenzia regionale per lo sviluppo rurale) e ASL locale. Tutti uniti per un’alimentazione sana e una svolta ecologica nell’economia locale.

La medaglia verde alla scuola  è stata consegnata, in particolare, per il buon cibo,  per la riduzione dei consumi e per il progetto di educazione alimentare. “Si tratta di un’azione che coinvolge i bambini in modo integrale. Con lezioni quotidiane perché far accettare certi cibi non è  immediato: si è puntato sui laboratori sensoriali, sull’orto-didattica con i piccoli che coltivano le verdure che cercheranno di consumare, sulla visita delle aziende per osservare il processo produttivo degli alimenti che offriamo in mensa“. L’assessore alla Pubblica Istruzione Giulia Setzu, spiega tutte le fasi di un piano educativo che mira a nutrire il corpo, ma pure la mente.

Per tagliare il traguardo della mensa eco-sostenibile  la prima conquista  è stata quella burocratica. Si tratta, infatti, di un servizio pubblico dove  sono obbligatori i bandi di gara e dove il criterio principale di aggiudicazione delle forniture  è il massimo ribasso. Una battaglia sintetizzata così dall’assessore Setzu: “Prima abbiamo avuto l’idea, poi è seguito  un primo momento di scetticismo per l’attuabilità dei capitolati di gara. Per fortuna la nostra responsabile è riuscita a far quadrare il cerchio: un capitolato rispettoso della legge ma garante dei requisiti di eco-sostenibilità“. Quasi una rivoluzione in un Paese, come l’Italia, bloccato da troppa burocrazia, che finisce spesso per premiare i fornitori meno virtuosi.

I destinatari primi della mensa sono i bambini, ma anche le famiglie che aumentano le loro conoscenze ecologiche grazie alle pratiche che i figli imparano a scuola: “Usiamo l’acqua di rete ed in questo modo eliminiamo il consumo di plastica”, spiega l’amministratore locale, che nel rendiconto inserisce anche l‘effetto positivo sulle imprese agricole e pastorali locali. “A tavola si servono eccellenze del territorio: olio, legumi, frutta, verdure, lo zafferano, le patate”. Più la riscoperta “dell’alimentazione tradizionale con il consumo di alimenti messi ai margini come i legumi. Anche la merenda è quella dei tempi antichi, con il pane e miele”. Altro che snack imbottiti di conservanti, meglio la ricotta, lo yogurt e la marmellata delle aziende agricole del territorio! Senza dimenticare la torta con le uova biologiche, preparata dalla cuoca della mensa.

Il riconoscimento nazionale sarà condiviso con la comunità durante la Sagra del Carciofo, che apre domani. In particolare “durante la tavola rotonda su turismo enogastronomico e ruralità smart festeggeremo anche il premio per le mense scolastiche perché fa parte della visione verde di questo centro agricolo del Campidano (una regione culturale della Sardegna meridionale, NdR)”. A parlare, con orgoglio, è l’antropologa del cibo Alessandra Guigoni, una delle protagoniste dell’appuntamento che offre tante iniziative in tema di “sostenibilità”: l’apertura delle case in terra cruda inserite nel circuito promozionale TerrAccogliente e i Laboratori del Gusto e Antichi Mestieri più quello dedicato alla terra. Da non perdere il “Carciofo Take Away”, ovvero street food in salsa sarda, con la cottura dei carciofi arrosto in piazza.

Tutti esempi di come la creatività possa nutrire le politiche di sostenibilità ambientale di un piccolo Comune e la conferma della possibilità, se si vuole, di far sbocciare un’altra idea di sviluppo, di “far crescere un’economia fortemente legata al territorio” come sottolinea l’assessore all’agricoltura Giacomo Onnis che crede in questo percorso culturale ed economico. Non facile, ma percorribile e a vantaggio di tutti.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende