Home » Campioni d'Italia »Rubriche » La mensa più verde d’Italia è in Sardegna. A Samassi, il paese del carciofo che ha vinto contro la burocrazia:

La mensa più verde d’Italia è in Sardegna. A Samassi, il paese del carciofo che ha vinto contro la burocrazia

marzo 15, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

A km zero, stagionali, IGP, DOP, biologici, poi i cibi della tradizione, l’acqua del “Sindaco” dalla rete, stoviglie in terra cotta, lavastoviglie a basso consumo energetico. Un menù per mangiare sano e a limitato impatto ambientale quello che ha fatto conquistare alle scuole di Samassi, comune di 5.000 abitanti della provincia del Medio Campidano in Sardegna, il primo premio MensaVerde del Forum Compraverde. Il servizio di refezione scolastica più green d’Italia, con il 90% di cibo “verde” servito ai piccoli scolari. I “Campioni d’Italia” di questa settimana sono loro: gli studenti, gli insegnanti, i dirigenti scolastici, gli amministratori comunali e quelli di LAORE (agenzia regionale per lo sviluppo rurale) e ASL locale. Tutti uniti per un’alimentazione sana e una svolta ecologica nell’economia locale.

La medaglia verde alla scuola  è stata consegnata, in particolare, per il buon cibo,  per la riduzione dei consumi e per il progetto di educazione alimentare. “Si tratta di un’azione che coinvolge i bambini in modo integrale. Con lezioni quotidiane perché far accettare certi cibi non è  immediato: si è puntato sui laboratori sensoriali, sull’orto-didattica con i piccoli che coltivano le verdure che cercheranno di consumare, sulla visita delle aziende per osservare il processo produttivo degli alimenti che offriamo in mensa“. L’assessore alla Pubblica Istruzione Giulia Setzu, spiega tutte le fasi di un piano educativo che mira a nutrire il corpo, ma pure la mente.

Per tagliare il traguardo della mensa eco-sostenibile  la prima conquista  è stata quella burocratica. Si tratta, infatti, di un servizio pubblico dove  sono obbligatori i bandi di gara e dove il criterio principale di aggiudicazione delle forniture  è il massimo ribasso. Una battaglia sintetizzata così dall’assessore Setzu: “Prima abbiamo avuto l’idea, poi è seguito  un primo momento di scetticismo per l’attuabilità dei capitolati di gara. Per fortuna la nostra responsabile è riuscita a far quadrare il cerchio: un capitolato rispettoso della legge ma garante dei requisiti di eco-sostenibilità“. Quasi una rivoluzione in un Paese, come l’Italia, bloccato da troppa burocrazia, che finisce spesso per premiare i fornitori meno virtuosi.

I destinatari primi della mensa sono i bambini, ma anche le famiglie che aumentano le loro conoscenze ecologiche grazie alle pratiche che i figli imparano a scuola: “Usiamo l’acqua di rete ed in questo modo eliminiamo il consumo di plastica”, spiega l’amministratore locale, che nel rendiconto inserisce anche l‘effetto positivo sulle imprese agricole e pastorali locali. “A tavola si servono eccellenze del territorio: olio, legumi, frutta, verdure, lo zafferano, le patate”. Più la riscoperta “dell’alimentazione tradizionale con il consumo di alimenti messi ai margini come i legumi. Anche la merenda è quella dei tempi antichi, con il pane e miele”. Altro che snack imbottiti di conservanti, meglio la ricotta, lo yogurt e la marmellata delle aziende agricole del territorio! Senza dimenticare la torta con le uova biologiche, preparata dalla cuoca della mensa.

Il riconoscimento nazionale sarà condiviso con la comunità durante la Sagra del Carciofo, che apre domani. In particolare “durante la tavola rotonda su turismo enogastronomico e ruralità smart festeggeremo anche il premio per le mense scolastiche perché fa parte della visione verde di questo centro agricolo del Campidano (una regione culturale della Sardegna meridionale, NdR)”. A parlare, con orgoglio, è l’antropologa del cibo Alessandra Guigoni, una delle protagoniste dell’appuntamento che offre tante iniziative in tema di “sostenibilità”: l’apertura delle case in terra cruda inserite nel circuito promozionale TerrAccogliente e i Laboratori del Gusto e Antichi Mestieri più quello dedicato alla terra. Da non perdere il “Carciofo Take Away”, ovvero street food in salsa sarda, con la cottura dei carciofi arrosto in piazza.

Tutti esempi di come la creatività possa nutrire le politiche di sostenibilità ambientale di un piccolo Comune e la conferma della possibilità, se si vuole, di far sbocciare un’altra idea di sviluppo, di “far crescere un’economia fortemente legata al territorio” come sottolinea l’assessore all’agricoltura Giacomo Onnis che crede in questo percorso culturale ed economico. Non facile, ma percorribile e a vantaggio di tutti.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende