Home » Rubriche »Very Important Planet » “La montagna è dove torno a respirare”. Intervista a Daniela Merighetti:

“La montagna è dove torno a respirare”. Intervista a Daniela Merighetti

gennaio 18, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Chi leggerà quest’intervista prima di sabato 19 e domenica 20 gennaio, incroci le dita e si goda lo spettacolo. Di fortuna c’è sempre bisogno. Anche per lei, Daniela Merighetti, 32 anni, bresciana, che ha regalato all’Italia, a sorpresa, il primo podio femminile della stagione, piazzandosi al secondo posto nella discesa di St. Anton, in Austria, in una prova valida per la Coppa del Mondo di Sci Alpino. E questo weekend ci riprova. Sulla pista di Olimpia delle Tofane, a Cortina, “Dada” prova a sbaragliare le regine dello sci, da Lindsey Vonn, campionessa olimpica e mondiale, alla ventitreenne americana del Colorado, Alice McKennis, all’austriaca Anna Fenniger, senza dimenticare la nuova stella del Super G, la bella slovena Tina Maze, leader assoluta di Coppa del Mondo. Lo spettacolo per gli appassionati è assicurato. Ma come vive Daniela la montagna? Glielo abbiamo chiesto tra un allenamento e l’altro…

D) Daniela, cos’è per te la montagna?

R) Il luogo in cui vado per tornare a respirare. Mi piace molto la città, io vivo a Brescia, ma solo in alto si prende fiato. Dai 15-16 anni mi sono allenata in Val Camonica. I panorami che offrono le vette, che siano le Dolomiti, o le montagne rocciose americane, sono esperienze indimenticabili, che ti restano impresse a lungo dentro.

D) Con l’invidia di tutti noi, amanti della montagna chiusi negli uffici, la tua giornata tipo trascorre sulla neve e tra i pini. Come è organizzata?

R) Dipende se ho una gara o sono in allenamento. Quando ci sono le competizioni, ci si sveglia presto, alle 6, massimo alle 7. Dopo un’abbondante colazione si esce dall’albergo, abbiamo circa un’ora di tempo a disposizione per la ricognizione, poi c’è il giro di riscaldamento per prepararsi alla discesa. Sono passate 2 ore e mezza prima della gara effettiva, in cui ci si ripete mentalmente il percorso.

D) Il trionfo in Austria è stato, per gli appassionati, una felice sorpresa. Lo è stato anche per te?

R) Si, non ci credevo assolutamente. Ora si va “in discesa”. E’ stata talmente alta la gioia, che è facile adesso andare avanti. Spero che qualcuna della squadra riesca a fare un buon risultato, perché è sempre bello festeggiare tutte insieme. Credo di essermelo meritato il podio, mi ha ripagato di tutto il lavoro che ho fatto fin qui. A volte si infila la sfortuna, qualche demerito, le cose non vengono, ma ora guardo solo al meglio, perchè così si andrebbe più forte ai mondiali.

D) Quali sono i tuoi riti scaramantici?

R) Non ne ho nessuno in particolare, ma mi dico sempre di dare tutto quello che ho, di stare attenta alle linee, andar giù dritta con gli sci. Le pressioni sono tantissime, ma sono abituata alla velocità, quando scendo tutto passa. Non ho mai avuto paurané delle piste difficili, né dell’altitudine. Forse quando non ci sono le reti di protezione avverto qualche timore di cadere, ma più in allenamento. In gara non c’è spazio per tutto ciò.

D) Da atleta e campionessa, se dovessi inventare uno slogan per convincere i non sportivi a spigrirsi e fare attività fisica cosa diresti?

R) Dico una frase semplice e comprensibile per tutti: lo sport fa vivere meglio. Indipendentemente dalla disciplina praticata, dopo aver fatto una sudata ti rigeneri, nel corpo e nello spirito. Io prima di dare tutta me stessa allo sci, ero una pallavolista. Forse mi piace anche di più lo sport di squadra, ma nello sci sono migliore e quindi ho intrapreso questa strada. Corsa, fondo, tennis, ognuno ha il suo fascino. In allenamento io pratico 2 ore e mezza la mattina e 2 ore al pomeriggio. E’ faticoso, perché si sta in giro tanto, per 5 minuti clou di discesa. Eppure, certe emozioni valgono la pena.

D) Come ci si sente alla vigilia di una gara così importante?

R) L’aspettativa c’è, l’ansia no. Abbiamo fatto bene qui, sono abbastanza tranquilla. Dopo il podio, poi, sono decisamente più a mio agio. La mia regola è mai caricarsi troppo.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende