Home » Rubriche »Very Important Planet » La Padania degli Afterhours, più grigia che verde:

La Padania degli Afterhours, più grigia che verde

aprile 26, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Metropolitani per feeling, intimisti. “La città ti dà stimoli diversi, rapidi, ti incita a una risposta attiva. La campagna ti fa pensare. E a volte il vuoto suona ancora più forte del rumore”. Gli Afterhours sono autori di un nuovo disco, “Padania”, di recente inciso anche su vinile, in tour da circa un anno (ultime date Rimini, Perugia e Colle Val D’Elsa a Siena, fino all’11 maggio), che ha collezionato numerosi premi tra cui la Targa Tenco. Sono i protagonisti della rubrica V.I.P. – Very Important Planet di questa settimana, per raccontare la genesi di un disco che affonda nel grigiore nostalgico e inquieto di una pianura che “non esiste”, la Padania. Che ci condiziona, col suo clima, con la politica, con la crisi dell’economia che ha fatto perdere la speranza. Ne abbiamo parlato con il nuovo violinista degli “After”, Rodrigo D’Erasmo.

D) Rodrigo, un disco cupo, difficile, molto metropolitano. Tanti i riferimenti a un ambiente “superantropizzato”. I pochi accenni al paesaggio naturale descrivono una natura ostile, matrigna, in sintonia con la disperazione del momento. E’ un caso?

R) No. Devo dire che non ci siamo concentrati tanto sulla natura, quanto su atmosfere crepuscolari cittadine. Manuel voleva affrontare da tempo la sfiducia, la depressione, lo sconforto della situazione che ci circonda. E anche la superantropizzazione dei luoghi in cui viviamo. Il disco è del 2012, ma direi che è attualissimo, non è cambiato molto da un anno a questa parte.

D) L’impressione all’ascolto è che sia un disco catartico, che vuole esorcizzare i sentimenti negativi. Confermi?

R) Sono contento che sia arrivato anche a voi, perché sì, questa era la nostra intenzione. Quando ho finito di mixare mi sono messo a riascoltare canzone per canzone, tentando di guardarmi dall’esterno. E’ un album denso, intenso, forse più impegnativo di tanti altri, chiediamo uno sforzo al pubblico, ce ne rendiamo conto. Un album introspettivo, che muove dagli stimoli della città, anche se io e Manuel viviamo in provincia, poco fuori Milano. Quando scrivi, la metropoli ti dà risposte più rapide. Fuori pensi meglio, all’aria della natura la musica respira, la ragione si muove più lenta, a un ritmo diverso. Ciascuno di noi ha scritto da sé, a casa propria. In fase di assemblaggio abbiamo registrato fuori città, in un posto desolato, mentre gli arrangiamenti sono stati fatti nello studio dei Muse, sul Lago di Como, ma anche in quell’occasione c’era brutto tempo, pioggerella grigia.

D) Non avete mai nascosto il vostro attivismo sociale, politico. Avete mai pensato di dedicare un disco o di fare da testimonial a una campagna in favore dell’ambiente?

R) Non vorrei sbagliare, ma in passato è stato fatto. Cinque anni fa, a Torino, abbiamo partecipato al concertone No Nuke contro il  nucleare al Palaisozaki, sul palco di Terra Madre. Non escludo che lo faremo presto, perché sentiamo la causa del verde come pulsante.

Letizia Tortello

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende