Home » Bollettino Europa »Rubriche » La perdita della biodiversità costa all’UE 450 miliardi di euro:

La perdita della biodiversità costa all’UE 450 miliardi di euro

ottobre 12, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Più dei tre quarti dei principali habitat naturali nell’UE sono attualmente in condizioni insoddisfacenti e molte specie sono a rischio di estinzione”. È quanto emerge della revisione intermedia della strategia per il 2020 dedicata alla biodiversità che la Commissione Europea ha appena pubblicato.

Scopo della revisione della strategia UE sulla biodiversità è valutare se siamo sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo di arrestare la perdita di biodiversità entro la fatidica data del 2020 – alla quale fanno riferimento molte delle politiche dedicate alla sostenibilità ambientale. Qualche passo in avanti l’Unione Europea l’ha sicuramente fatto. Ma la perdita di biodiversità sembra inarrestabile e sarà molto difficile arrivare ai risultati fissati in 5 anni. Con tutto quello che ne consegue in termini di ricadute sull’ambiente e costi economici.

Innanzitutto, occorre fare molto di più, in concreto, per tradurre le politiche dell’UE in azione. Dal dire al fare… E questo è impossibile senza l’impegno degli Stati Membri, ai quali spetta il compito di attuare la legislazione UE in materia di protezione della natura. L’effettivo arresto della perdita di biodiversità dipende, infatti, soprattutto da quanto efficacemente le questioni legate alla biodiversità sono integrate nelle politiche in materia di agricoltura, silvicoltura, pesca, sviluppo regionale e commercio. Dal canto suo la Commissione sta attualmente effettuando un controllo dell’adeguatezza (check-up) delle Direttive Uccelli e Habitat, per verificare se stiano raggiungendo gli obiettivi nel modo più efficiente. Inoltre, la strategia dell’UE per le infrastrutture verdi, quando sarà attuata, dovrebbe comportare vari benefici per una serie di settori, comprese proprio l’agricoltura, la silvicoltura e la pesca.

Le specie esotiche invasive sono, tra le altre cose, una delle più temute minacce alla biodiversità in Europa. Un fenomeno in allarmante crescita che causa danni significativi con un costo pari ad almeno 12 miliardi di Euro l’anno. Un problema al quale cerca di porre rimedio un Regolamento da poco entrato in vigore mentre, parallelamente, si sta lavorando per definire, entro l’inizio del 2016, un elenco delle specie invasive valido per l’intero territorio UE.

In termini strettamente economici, invece, la perdita della biodiversità costa in generale all’UE il 3% del PIL aggregato, circa 450 miliardi di euro ogni anno. Senza contare le ricadute in termini occupazionali. I siti di interesse Natura 2000, la rete di protezione europea della biodiversità, impiegano circa 12 milioni di persone a tempo pieno fra agricoltura, foreste, pesca e turismo. Sono aree che occupano quasi un quinto del territorio dell’Unione e il 4% della superficie marina.

Ma se da un lato le istituzioni UE sono forse troppo timide quando si tratta di prendere decisioni in campo ambientale, che dire della società civile? L’altra controparte pare non essere poi così tanto consapevole del problema. Almeno da quanto emerge da una recente indagine Eurobarometro dedicata al tema della biodiversità, la cui pubblicazione coincide proprio con quella della revisione firmata dall’Esecutivo di Bruxelles.

Secondo il sondaggio, uno dei primi problemi è proprio la conoscenza dell’argomento. Solo il 60% dei dei 28mila cittadini europei intervistati ha, infatti, sentito parlare di biodiversità e il 73% non conosce la Rete Natura 2000. In generale, però, tutti considerano l’inquinamento (62%) e i disastri provocati dagli uomini (60%) fra le cause principali della perdita di biodiversità.

Il Commissario responsabile per l’Ambiente, gli affari marittimi e la pesca, il maltese Karmenu Vella, ha spiegato che “abbiamo compiuto progressi e ci sono esempi validi da seguire, ma resta tanto da fare per colmare le lacune e raggiungere gli obiettivi in materia di biodiversità all’orizzonte 2020. Perdere biodiversità significa perdere il nostro sistema di sostegno alla vita. Non possiamo permettercelo.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

dicembre 11, 2017

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

Esiste un avamposto della biodiversità sulla Terra prima della “fine del mondo”: si chiama Global Seed Vault (GSV) e si trova nell’arcipelago delle Isole Svalbard a 1.300 chilometri dal Polo Nord. Pochi ne conoscono l’esistenza, ma si tratta del più grande deposito di semi del mondo e potrebbe essere l’ultima risorsa dell’umanità in caso di [...]

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

dicembre 7, 2017

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

Cento storie di imprese virtuose rappresentano il nucleo di partenza del primo Atlante Italiano dell’Economia Circolare – presentato nei giorni scorsi a Roma – che raccoglie esperienze basate sul riutilizzo, sulla riduzione degli sprechi, sulla diminuzione dei rifiuti, sulla reimmissione nel ciclo produttivo di materie prime recuperate (seconde). Il progetto è promosso da Ecodom, il [...]

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

dicembre 6, 2017

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

Si è svolta sabato 2 dicembre, a Parma, la “Giornata interdisciplinare di studio sull’antibiotico-resistenza” organizzata dall’Ordine dei Medici Veterinari di Parma con il sostegno di MSD Animal Health. Undici relatori, moderati dal Dr. Alberto Brizzi, organizzatore e presidente dell’Ordine, hanno illustrato, da prospettive diverse, gli impatti attuali e i rischi futuri relativi alla cosiddetta AMR [...]

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

dicembre 5, 2017

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili, nei primi dieci mesi del 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto complessivamente circa 726 MW (+20% rispetto allo stesso periodo del 2016). Si conferma inoltre il trend mensile del fotovoltaico, che con i 29 MW connessi a ottobre 2017 raggiunge quota 352 MW [...]

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

dicembre 5, 2017

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

Il 5 dicembre è la Giornata Mondiale del Suolo. Una celebrazione che in Italia assume un significato particolare, essendo uno dei paesi in Europa con il più alto ritmo di consumo di questa risorsa non rinnovabile. Per questo Fondazione Cariplo ha scelto di lanciare proprio oggi il nuovo portale dedicato all’Ambiente, che avrà il compito di [...]

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

dicembre 1, 2017

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

Il 13 agosto 2017 è entrata in vigore la legge 123/2017, che recepisce la direttiva UE 2015/720 e contiene la nuova normativa sulle borse di plastica, con importanti novità anche per i sacchetti ultraleggeri utilizzati per gli alimenti sfusi (es. frutta e verdura) che non rispettino i criteri di compostabilità e biodegradabilità. In particolare il testo dispone [...]

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

novembre 30, 2017

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

Una campagna all’insegna del beneficio multiplo: più efficienza energetica, risparmio, valore, comfort, attenzione per l’ambiente e salute, sono questi i sei principi cardine che hanno ispirato la creazione della nuova campagna di Rete IRENE (Imprese per la Riqualificazione Energetica negli Edifici) aderente alla Campagna nazionale per l’efficienza energetica “Italia in Classe A”. Lanciata ufficialmente nei giorni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende