Home » Bollettino Europa »Rubriche » La perdita della biodiversità costa all’UE 450 miliardi di euro:

La perdita della biodiversità costa all’UE 450 miliardi di euro

ottobre 12, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Più dei tre quarti dei principali habitat naturali nell’UE sono attualmente in condizioni insoddisfacenti e molte specie sono a rischio di estinzione”. È quanto emerge della revisione intermedia della strategia per il 2020 dedicata alla biodiversità che la Commissione Europea ha appena pubblicato.

Scopo della revisione della strategia UE sulla biodiversità è valutare se siamo sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo di arrestare la perdita di biodiversità entro la fatidica data del 2020 – alla quale fanno riferimento molte delle politiche dedicate alla sostenibilità ambientale. Qualche passo in avanti l’Unione Europea l’ha sicuramente fatto. Ma la perdita di biodiversità sembra inarrestabile e sarà molto difficile arrivare ai risultati fissati in 5 anni. Con tutto quello che ne consegue in termini di ricadute sull’ambiente e costi economici.

Innanzitutto, occorre fare molto di più, in concreto, per tradurre le politiche dell’UE in azione. Dal dire al fare… E questo è impossibile senza l’impegno degli Stati Membri, ai quali spetta il compito di attuare la legislazione UE in materia di protezione della natura. L’effettivo arresto della perdita di biodiversità dipende, infatti, soprattutto da quanto efficacemente le questioni legate alla biodiversità sono integrate nelle politiche in materia di agricoltura, silvicoltura, pesca, sviluppo regionale e commercio. Dal canto suo la Commissione sta attualmente effettuando un controllo dell’adeguatezza (check-up) delle Direttive Uccelli e Habitat, per verificare se stiano raggiungendo gli obiettivi nel modo più efficiente. Inoltre, la strategia dell’UE per le infrastrutture verdi, quando sarà attuata, dovrebbe comportare vari benefici per una serie di settori, comprese proprio l’agricoltura, la silvicoltura e la pesca.

Le specie esotiche invasive sono, tra le altre cose, una delle più temute minacce alla biodiversità in Europa. Un fenomeno in allarmante crescita che causa danni significativi con un costo pari ad almeno 12 miliardi di Euro l’anno. Un problema al quale cerca di porre rimedio un Regolamento da poco entrato in vigore mentre, parallelamente, si sta lavorando per definire, entro l’inizio del 2016, un elenco delle specie invasive valido per l’intero territorio UE.

In termini strettamente economici, invece, la perdita della biodiversità costa in generale all’UE il 3% del PIL aggregato, circa 450 miliardi di euro ogni anno. Senza contare le ricadute in termini occupazionali. I siti di interesse Natura 2000, la rete di protezione europea della biodiversità, impiegano circa 12 milioni di persone a tempo pieno fra agricoltura, foreste, pesca e turismo. Sono aree che occupano quasi un quinto del territorio dell’Unione e il 4% della superficie marina.

Ma se da un lato le istituzioni UE sono forse troppo timide quando si tratta di prendere decisioni in campo ambientale, che dire della società civile? L’altra controparte pare non essere poi così tanto consapevole del problema. Almeno da quanto emerge da una recente indagine Eurobarometro dedicata al tema della biodiversità, la cui pubblicazione coincide proprio con quella della revisione firmata dall’Esecutivo di Bruxelles.

Secondo il sondaggio, uno dei primi problemi è proprio la conoscenza dell’argomento. Solo il 60% dei dei 28mila cittadini europei intervistati ha, infatti, sentito parlare di biodiversità e il 73% non conosce la Rete Natura 2000. In generale, però, tutti considerano l’inquinamento (62%) e i disastri provocati dagli uomini (60%) fra le cause principali della perdita di biodiversità.

Il Commissario responsabile per l’Ambiente, gli affari marittimi e la pesca, il maltese Karmenu Vella, ha spiegato che “abbiamo compiuto progressi e ci sono esempi validi da seguire, ma resta tanto da fare per colmare le lacune e raggiungere gli obiettivi in materia di biodiversità all’orizzonte 2020. Perdere biodiversità significa perdere il nostro sistema di sostegno alla vita. Non possiamo permettercelo.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende