Home » Rubriche »Very Important Planet » La piccola campionessa del green che ama la natura. Intervista a Antonia Frisia:

La piccola campionessa del green che ama la natura. Intervista a Antonia Frisia

Rincorre un futuro pieno di medaglie, sogna i successi dei Molinari, di Rory McLlroy e Tiger Woods, ma non può fare a meno della sua adorata montagna. Antonia Frisia, segni particolari: tredici anni e tanta grinta.

La giovanissima golfista torinese si allena con dedizione, ma la sua preoccupazione più grande è cercare di perdere meno lezioni possibili a scuola e finire i compiti. Portacolori dell’esclusivo Royal Park I Roveri, Antonia ha iniziato la sua carriera bambina ed è già una campionessa: brevetto giovanile da tre anni, terza nel ranking italiano di categoria, ha da poco conquistato la finale Kinder alla prima gara del circuito a SanRemo e al Trofeo Cacciapuoti, la gara che apre ufficialmente la stagione agonistica nazionale, ha guadagnato il quinto posto assoluto e conquisto il titolo Under 14.

D) Antonia, come è iniziata la tua passione per il golf?

R) Avevo cinque anni quando mia mamma mi portava sui campi, ero una semplice spettatrice. C’era mia nonna che giocava e sul green andavamo per lei. Così ho iniziato ad avere confidenza con quel mondo. Giocavo con le palline, osservavo i movimenti, iniziavo a imparare le regole.

D) Titoli e premi, come è diversa la tua vita rispetto alle coetanee?

R) E’ diversa solo un po’, ma simile a tutte le ragazzine che svolgono uno sport a livello agonistico. Ci vuole una grande dedizione, impegno e qualche rinuncia.

D) Quale, ad esempio?

R) Le feste, le uscite per fare shopping, Facebook. Devo rinunciare perché il tempo che mi avanza dal golf lo devo dedicare tutto alla scuola. Non voglio rimanere indietro con gli studi, ma soprattutto voglio mantenere la media alta di voti.

D) Il prossimo obiettivo?

R) Mi piacerebbe entrare in Nazionale, questo è il mio sogno.

D) Pratichi anche altri sport?

R) Lo sci, lo adoro. Ho fatto parte per anni dello Sci Club Courmayeur, dello sci amo il fondo e i fuoripista, mi piace il forte legame con la natura.

D) E il golf può insegnare il rispetto per l’ambiente?

R) Certo, perché nel golf c’è molta disciplina, le regole sono tante e insegnano il rispetto. E poi nel mio club, il Royal Park, alla sera si vedono anche i cervi e i leprotti, è un’emozione che toglie il respiro.

D) Cosa non sopporti invece?

R) Il fumo e chi butta i mozzicconi in strada. Mi piacerebbe notare intorno a me meno menefreghismo nei confronti della nostra terra.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

L’invasione degli smartphones: 7 miliardi di pezzi in 10 anni e 968 TWh di energia consumata

febbraio 28, 2017

L’invasione degli smartphones: 7 miliardi di pezzi in 10 anni e 968 TWh di energia consumata

Negli ultimi dieci anni, la produzione e lo smaltimento di smartphone hanno avuto un impatto significativo sul nostro pianeta, secondo un rapporto diffuso ieri da Greenpeace USA, all’inaugurazione del “World Mobile Congress” di Barcellona. Il rapporto “From Smart to Senseless: The Global Impact of Ten Years of Smartphones” fornisce una panoramica dell’aumento dell’uso degli smartphone [...]

Resilienza: l’Ordine degli Architetti di Roma a convegno sul rischio sismico e idrogeologico

febbraio 28, 2017

Resilienza: l’Ordine degli Architetti di Roma a convegno sul rischio sismico e idrogeologico

Prevenire con efficacia i danni provocati dai terremoti e dalle catastrofi naturali comporta un cambiamento culturale, sociale e tecnico che coinvolge le istituzioni, i cittadini, le imprese e i professionisti. Un radicale cambiamento che dall’emergenza ci deve portare alla gestione ordinaria dei rischi naturali e a progettare e realizzare città capaci di adattarsi ai cambiamenti climatici e [...]

Consiglio Ambiente UE: le associazioni ambientaliste chiedono una riforma coraggiosa dell’ETS

febbraio 28, 2017

Consiglio Ambiente UE: le associazioni ambientaliste chiedono una riforma coraggiosa dell’ETS

L’appello è arrivato alla vigilia della riunione dei Ministri dell’Ambiente della UE, in programma oggi a Bruxelles. Un appuntamento importante perché al primo punto all’ordine del giorno, è prevista la revisione dell’Emission Trading Scheme (ETS), il meccanismo europeo di scambio delle emissioni il cui obiettivo dovrebbe essere quello di far pagare gli emettitori di CO2 per [...]

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

febbraio 27, 2017

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

Aboca, Stefano Mancuso e i DeProducers tornano insieme con lo spettacolo Botanica per continuare ad unire musica e scienza e raccontare le meraviglie del mondo vegetale. Un progetto innovativo e coinvolgente che vede la consulenza scientifica di uno dei più importanti ricercatori botanici internazionali, il Prof. Mancuso, tra le massime autorità mondiali nel campo della neurobiologia [...]

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

febbraio 27, 2017

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

EVE – Electric Vehicle Energy è un progetto che nasce dalla collaborazione tra tre grandi realtà toscane, come Enegan, trader di luce e gas che opera a livello nazionale, il Polo Tecnologico di Navacchio (Pisa) – realtà composta da 60 imprese hi-tech – e Dielectrik, che lavora alla progettazione e alla produzione di prototipi di generi [...]

Officinae Verdi e Manni Group lanciano GMH4.0, soluzione per il “green social housing”

febbraio 24, 2017

Officinae Verdi e Manni Group lanciano GMH4.0, soluzione per il “green social housing”

In Italia oltre la metà del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, circa 500.000 alloggi, è classificato ad elevato consumo energetico (classi E, F e G): per questo motivo le famiglie che vi abitano spendono oltre il 10% del loro reddito per elettricità e gas, a causa della bassa efficienza e di uno dei costi energetici [...]

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

febbraio 23, 2017

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

Just eat, azienda leader nel mercato dei servizi per ordinare pranzo e cena a domicilio, ha dato il via ieri, nella sede istituzionale di Palazzo Marino a Milano, alla prima consegna di Ristorante Solidale, il progetto di food delivery solidale patrocinato dal Comune di Milano e sviluppato in collaborazione con Caritas Ambrosiana, l’organismo pastorale della Diocesi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende