Home » Bollettino Europa »Rubriche » La presidenza UE passa alla Lettonia e l’ambiente scompare dall’agenda:

La presidenza UE passa alla Lettonia e l’ambiente scompare dall’agenda

gennaio 19, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Ormai sembra abbastanza chiaro: l’ambiente non è più una priorità europea. Se il semestre italiano non ha brillato per impegno green, nel discorso del Primo Ministro lettone Laimdota Straujuma dedicato alle priorità della prossima presidenza di turno UE l’ambientalismo sembra essere praticamente scomparso.

Nel corso del suo intervento in plenaria, la premier Straujuma ha assicurato di voler dedicare particolare attenzione alla strategia europea di sicurezza e allo scambio di informazioni tra stati. È chiaro che i recenti eventi che hanno scosso la Francia hanno avuto ripercussioni anche sul lavoro del semestre lettone, facendo saltare in cima alle priorità questi temi. Ma non c’è solo la sicurezza. Le altre priorità indicate dalla premier lettone in plenaria riguardano concorrenza e competitività dell’Unione, Europa digitale e un ruolo genericamente “più forte” dell’UE a livello mondiale. Come se la sostenibilità ambientale non fosse ormai riconosciuta come un fattore di vantaggio competitivo…

L’unica preoccupazione “ambientale” del Governo di Riga – alla sua prima esperienza di presidenza – sembra essere l’energia. Per la precisione un’Unione dell’Energia “forte” (aggettivo un po’vago che ritorna con insistenza). “Una politica energetica fondata sulla solidarietà, la fiducia e la sicurezza. Priorità alle infrastrutture e ad un migliore governance”. Poi, sempre con un occhio alla guerra energetica geostrategica con la Russia, il documento di sintesi sottolinea che “La strategia UE-Asia è centrale: favorire le discussioni sulla sicurezza, la gestione delle frontiere e l’approvvigionamento”.

Poche parole dalle quali si capisce chiaramente quale sarà l’orientamento della Lettonia durante i prossimi sei mesi. Il Paese baltico intende lavorare per rafforzare il ruolo dell’UE a livello mondiale, obiettivo che obbligherà anche ad affrontare la questione sensibile relativa all’Ucraina. Un tema che non fa dormire Bruxelles. Secondo l’amministratore delegato del gigante russo del gas Gazprom, Alexiei Miller – dopo un incontro a Mosca con il vice presidente della Commissione UE responsabile per l’Unione dell’energia, Maros Sefcovicil transito del gas russo verso l’Europa attraverso l’Ucraina sarebbe infatti a rischio perché Kiev non ha acquistato la quantità di gas necessaria a novembre-dicembre e ha ridotto sostanzialmente il volume delle riserve dei suoi depositi sotterranei. Sempre secondo il parere di Miller, spetterebbe quindi all’UE realizzare le infrastrutture che collegheranno i propri metanodotti al Turkish Stream, il nuovo gasdotto russo-turco che Mosca ha annunciato dopo la cancellazione del progetto South Stream. Una situazione tanto instabile quanto complicata, alla luce della quale il semestre lettone ha messo tra le sue priorità la gestione l’unione energetica, il rafforzamento del mercato unico e la revisione dell’attuale quadro giuridico.

Quanto agli accordi di libero scambio, invece, la presidenza intende andare avanti dando tutto il suo appoggio al proseguimento del dialogo con gli Stati Uniti il Canada e il Giappone. Con la conclusione dell’ormai famigerato Transatlantic Trade and Investment Partnership, (TTIP) entro la fine del 2015. A questo proposito Philippe Lamberts, eurodeputato belga del gruppo Verdi/Ale, ha invitato la premier lettone a rivedere il suo programma: “Siamo stati eletti qui per soddisfare i mercati? L’Unione europea farebbe meglio a rafforzare la fiducia dei cittadini con la prosperità che era stata loro promessa”, ha dichiarato. Anche alcuni europarlamentari italiani sono intervenuti durante la presentazione. La deputata Rosa D’Amato (M5S), ad esempio, sul fronte ambientale ha chiesto target più ambiziosi sul clima e la costruzione di un’economia più ‘verde’ ed efficiente dal punto di vista delle risorse e regole comuni per frenare la corsa al petrolio nel Mediterraneo. Area greografica che pare non essere al centro dei pensieri della Lettonia, rivolta decisamente più ad Est, visto anche il dichiarato impegno al miglioramento della cooperazione con i Paesi del Partenariato orientale.

La presidenza lettone, inoltre, coincide, almeno per i primi sei mesi, con l’Anno Europeo per lo Sviluppo. Inaugurato il 9 gennaio da Juncker e Straujuma, l’Unione Europea durante l’intero corso del 2015 si propone di stabilire un nuovo corso verso l’eliminazione della povertà, la promozione dello sviluppo e la lotta ai cambiamenti climatici. “Scopo dell’Anno europeo per lo Sviluppo è di informare i cittadini europei sullo sviluppo e la cooperazione mettendo in luce i risultati che l’Unione, agendo congiuntamente con gli Stati Membri ha raggiunto operando come attore globale”, ha dichiarato Neven Mimica, il Commissario europeo alla Cooperazione e allo Sviluppo Internazionale. Il 2015 sarà anche l’anno in cui “scadono” gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, del varo della nuova agenda di sviluppo post 2015 e l’anno della Conferenza delle Nazioni Unite sul clima di Parigi.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende