Home » Bollettino Europa »Rubriche » La presidenza UE passa alla Lettonia e l’ambiente scompare dall’agenda:

La presidenza UE passa alla Lettonia e l’ambiente scompare dall’agenda

gennaio 19, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Ormai sembra abbastanza chiaro: l’ambiente non è più una priorità europea. Se il semestre italiano non ha brillato per impegno green, nel discorso del Primo Ministro lettone Laimdota Straujuma dedicato alle priorità della prossima presidenza di turno UE l’ambientalismo sembra essere praticamente scomparso.

Nel corso del suo intervento in plenaria, la premier Straujuma ha assicurato di voler dedicare particolare attenzione alla strategia europea di sicurezza e allo scambio di informazioni tra stati. È chiaro che i recenti eventi che hanno scosso la Francia hanno avuto ripercussioni anche sul lavoro del semestre lettone, facendo saltare in cima alle priorità questi temi. Ma non c’è solo la sicurezza. Le altre priorità indicate dalla premier lettone in plenaria riguardano concorrenza e competitività dell’Unione, Europa digitale e un ruolo genericamente “più forte” dell’UE a livello mondiale. Come se la sostenibilità ambientale non fosse ormai riconosciuta come un fattore di vantaggio competitivo…

L’unica preoccupazione “ambientale” del Governo di Riga – alla sua prima esperienza di presidenza – sembra essere l’energia. Per la precisione un’Unione dell’Energia “forte” (aggettivo un po’vago che ritorna con insistenza). “Una politica energetica fondata sulla solidarietà, la fiducia e la sicurezza. Priorità alle infrastrutture e ad un migliore governance”. Poi, sempre con un occhio alla guerra energetica geostrategica con la Russia, il documento di sintesi sottolinea che “La strategia UE-Asia è centrale: favorire le discussioni sulla sicurezza, la gestione delle frontiere e l’approvvigionamento”.

Poche parole dalle quali si capisce chiaramente quale sarà l’orientamento della Lettonia durante i prossimi sei mesi. Il Paese baltico intende lavorare per rafforzare il ruolo dell’UE a livello mondiale, obiettivo che obbligherà anche ad affrontare la questione sensibile relativa all’Ucraina. Un tema che non fa dormire Bruxelles. Secondo l’amministratore delegato del gigante russo del gas Gazprom, Alexiei Miller – dopo un incontro a Mosca con il vice presidente della Commissione UE responsabile per l’Unione dell’energia, Maros Sefcovicil transito del gas russo verso l’Europa attraverso l’Ucraina sarebbe infatti a rischio perché Kiev non ha acquistato la quantità di gas necessaria a novembre-dicembre e ha ridotto sostanzialmente il volume delle riserve dei suoi depositi sotterranei. Sempre secondo il parere di Miller, spetterebbe quindi all’UE realizzare le infrastrutture che collegheranno i propri metanodotti al Turkish Stream, il nuovo gasdotto russo-turco che Mosca ha annunciato dopo la cancellazione del progetto South Stream. Una situazione tanto instabile quanto complicata, alla luce della quale il semestre lettone ha messo tra le sue priorità la gestione l’unione energetica, il rafforzamento del mercato unico e la revisione dell’attuale quadro giuridico.

Quanto agli accordi di libero scambio, invece, la presidenza intende andare avanti dando tutto il suo appoggio al proseguimento del dialogo con gli Stati Uniti il Canada e il Giappone. Con la conclusione dell’ormai famigerato Transatlantic Trade and Investment Partnership, (TTIP) entro la fine del 2015. A questo proposito Philippe Lamberts, eurodeputato belga del gruppo Verdi/Ale, ha invitato la premier lettone a rivedere il suo programma: “Siamo stati eletti qui per soddisfare i mercati? L’Unione europea farebbe meglio a rafforzare la fiducia dei cittadini con la prosperità che era stata loro promessa”, ha dichiarato. Anche alcuni europarlamentari italiani sono intervenuti durante la presentazione. La deputata Rosa D’Amato (M5S), ad esempio, sul fronte ambientale ha chiesto target più ambiziosi sul clima e la costruzione di un’economia più ‘verde’ ed efficiente dal punto di vista delle risorse e regole comuni per frenare la corsa al petrolio nel Mediterraneo. Area greografica che pare non essere al centro dei pensieri della Lettonia, rivolta decisamente più ad Est, visto anche il dichiarato impegno al miglioramento della cooperazione con i Paesi del Partenariato orientale.

La presidenza lettone, inoltre, coincide, almeno per i primi sei mesi, con l’Anno Europeo per lo Sviluppo. Inaugurato il 9 gennaio da Juncker e Straujuma, l’Unione Europea durante l’intero corso del 2015 si propone di stabilire un nuovo corso verso l’eliminazione della povertà, la promozione dello sviluppo e la lotta ai cambiamenti climatici. “Scopo dell’Anno europeo per lo Sviluppo è di informare i cittadini europei sullo sviluppo e la cooperazione mettendo in luce i risultati che l’Unione, agendo congiuntamente con gli Stati Membri ha raggiunto operando come attore globale”, ha dichiarato Neven Mimica, il Commissario europeo alla Cooperazione e allo Sviluppo Internazionale. Il 2015 sarà anche l’anno in cui “scadono” gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, del varo della nuova agenda di sviluppo post 2015 e l’anno della Conferenza delle Nazioni Unite sul clima di Parigi.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende