Home » Rubriche »Very Important Planet » La Radiobici di Guagnetti per risvegliare i sindaci dal Patto di Stabilità:

La Radiobici di Guagnetti per risvegliare i sindaci dal Patto di Stabilità

Le benzina costa cara? Pedalate gente! Come dice Maurizio Guagnetti, giornalista di Radio 105 e inventore di Radiobici, il giro d’italia a bordo di una due ruote da 200 chili, “più bici, meno cellulite”. L’equazione non fa una grinza. Ma non è solo questione di esercizio fisico. La mobilità a pedali è accessibile a tutti e migliora l’aria delle nostre città inquinate, basta un piccolo cambio di mentalità. Questa settimana, il V.I.P. intervistato è un ambientalista di professione, uno che ha fatto della causa del trasporto “green” una campagna radicale di sensibilizzazione, che sta portando in giro per il Paese, rigorosamente a bordo di una bicicletta.

D) Guagnetti, dove è arrivato ora nel tour?

R) Siamo a Genova. Dopo aver fatto Milano, Aosta e Torino, siamo arrivati al mare. In questo momento sono in studio di registrazione, metto giù le interviste e monto i video per la puntata di Radio 105 e per il blog su www.radiobici.it. E’ un’esperienza sempre interessante questo tour, è il secondo anno che lo facciamo. Il nostro scopo è realizzare una lunghissima video inchiesta sull’Italia dal punto di vista della sostenibilità ambientale e sociale, raccogliendo testimonianze, andando a pungolare i sindaci addormentati. Parte del lavoro è ripreso anche dal Corriere.it.

D) Il suo gruppo da chi è composto?

R) Siamo in tre, io, uno che di mestiere fa il cooperante e il redattore di un sito internet. Li ho scelti perché sono appassionati di biciclette e sono violenti coi tassisti… Scherzo… Siamo tutt’altro che atleti. Facciamo 50 chilometri al giorno circa, su una bici con pedalata assistita. Un motore giapponese. Viaggiamo su una due ruote che pesa 200 chili , perché ci portiamo dietro, nel carrello, lo studio di registrazione radio. Io pedalo per 100 chili, il motore mi dà la spinta per portare gli altri 100”.

D) Come sta l’Italia in tema di Biciplan, il piano strategico per la mobilità ciclabile, creato da molte città del mondo per migliorare la qualità del traffico e dell’aria?

R) Purtroppo siamo molto indietro. Ho un pregiudizio sull’argomento, visto che sono al secondo giro d’Italia. In verità, qualcosa si muove, soprattutto al Nord, a Milano, e al Sud in Puglia. Per quanto riguarda il resto del Paese una visione d’insieme ancora manca. Manca appunto il Biciplan, lo strumento che permette di convertire il traffico da automobilistico in traffico dolce, con percorsi pedonali veloci, mezzi di trasporto pubblici efficienti. L’impressione è che la mobilità sia un tema lasciato a se stesso, si mettono le pezze, si rammenda l’asfalto dopo l’inverno e stop. E invece una domanda effettiva di una mobilità diversa c’è, eccome!

D) Sempre più ciclisti e sempre più bici vendute. E’ solo questione di caro benzina?

R) Sta aumentando in modo evidente la popolazione dei ciclisti urbani. Sì, forse è questione di crisi economica, ma di sicuro molte persone hanno capito che, per fare due chilometri, l’auto è superflua. C’è una richiesta di maggior sicurezza sulle strade. Come rispondono i comuni? In modo diverso da città a città.

D) Lei invita gli stessi sindaci a pedalare. Li fa montare sulla sua bici per un tour insolito (per molti di loro) della città. Salgono volentieri?

R) Dipende se sono in campagna elettorale. Fassino a Torino ha ingaggiato una polemica feroce e alla fine non è voluto venire. Avevamo lanciato su Twitter la campagna “Piero pedala”, con la Fiab, il Wwf. Ma alla fine si è rifiutato. La città della Mole ha un Biciplan perfetto, peccato che, non si sa come mai, sia costosissimo e ovviamente non abbia alcuna copertura finanziaria. Doria, a Genova, me lo sono trovato nel garage alle 7 del mattino, pronto per partire. Noi sosteniamo che la ciclabilità non sia quella cosa costosa, di cui gli amministratori devono aver paura. Basta poco, ad esempio la riduzione della velocità del traffico veicolare. Tutti i sindaci italiani hanno la bici come parola d’ordine, ma la considerano un po’ come gli uccellini della Lipu. Guai a parlarne male, ma nei fatti crederci è un’altra cosa.

D) Ci sono, però, molti movimenti spontanei che stanno nascendo dal basso. Non vi sembra un bel segnale?

R) Certo che sì. Ma insisto su un punto. Il movimento #Salvaciclisti vuole far apparire i pedalatori come degli eroi, che sfidano il traffico. Questo è profondamente vero, ma non aiuta il dialogo. Bisogna far passare il messaggio che le nostre città sarebbero  più rivendibili dal punto di vista turistico, soprattutto all’estero, con un po’ di cicloturismo ben fatto. Prendiamo Torino, è un museo…le lamiere la imbruttiscono.

D) Qualche esempio virtuoso di buona politica ciclabile?

R) In Puglia sono talmente avanti che stanno inventando i bici grill, specie di Autogrill per ciclisti, dove ci si può riposare, ristorare, rinfrescare dalla pedalata. In Trentino hanno messo in piedi una gara di fondo in bici che raduna 30 mila persone ogni anno. Nel Ponente ligure stanno trasformando una vecchia ferrovia in pista ciclabile, che sarà utilizzabile 12 mesi l’anno e quando verrà completata porterà sulle due ruote da San Remo a Genova. Un modo diverso di spostarsi è possibile, se solo i sindaci non fossero assorbiti esclusivamente dai conti per rientrare nel Patto di Stabilità, come dei ragionieri impauriti.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende