Home » Rubriche »Very Important Planet » La Radiobici di Guagnetti per risvegliare i sindaci dal Patto di Stabilità:

La Radiobici di Guagnetti per risvegliare i sindaci dal Patto di Stabilità

Le benzina costa cara? Pedalate gente! Come dice Maurizio Guagnetti, giornalista di Radio 105 e inventore di Radiobici, il giro d’italia a bordo di una due ruote da 200 chili, “più bici, meno cellulite”. L’equazione non fa una grinza. Ma non è solo questione di esercizio fisico. La mobilità a pedali è accessibile a tutti e migliora l’aria delle nostre città inquinate, basta un piccolo cambio di mentalità. Questa settimana, il V.I.P. intervistato è un ambientalista di professione, uno che ha fatto della causa del trasporto “green” una campagna radicale di sensibilizzazione, che sta portando in giro per il Paese, rigorosamente a bordo di una bicicletta.

D) Guagnetti, dove è arrivato ora nel tour?

R) Siamo a Genova. Dopo aver fatto Milano, Aosta e Torino, siamo arrivati al mare. In questo momento sono in studio di registrazione, metto giù le interviste e monto i video per la puntata di Radio 105 e per il blog su www.radiobici.it. E’ un’esperienza sempre interessante questo tour, è il secondo anno che lo facciamo. Il nostro scopo è realizzare una lunghissima video inchiesta sull’Italia dal punto di vista della sostenibilità ambientale e sociale, raccogliendo testimonianze, andando a pungolare i sindaci addormentati. Parte del lavoro è ripreso anche dal Corriere.it.

D) Il suo gruppo da chi è composto?

R) Siamo in tre, io, uno che di mestiere fa il cooperante e il redattore di un sito internet. Li ho scelti perché sono appassionati di biciclette e sono violenti coi tassisti… Scherzo… Siamo tutt’altro che atleti. Facciamo 50 chilometri al giorno circa, su una bici con pedalata assistita. Un motore giapponese. Viaggiamo su una due ruote che pesa 200 chili , perché ci portiamo dietro, nel carrello, lo studio di registrazione radio. Io pedalo per 100 chili, il motore mi dà la spinta per portare gli altri 100”.

D) Come sta l’Italia in tema di Biciplan, il piano strategico per la mobilità ciclabile, creato da molte città del mondo per migliorare la qualità del traffico e dell’aria?

R) Purtroppo siamo molto indietro. Ho un pregiudizio sull’argomento, visto che sono al secondo giro d’Italia. In verità, qualcosa si muove, soprattutto al Nord, a Milano, e al Sud in Puglia. Per quanto riguarda il resto del Paese una visione d’insieme ancora manca. Manca appunto il Biciplan, lo strumento che permette di convertire il traffico da automobilistico in traffico dolce, con percorsi pedonali veloci, mezzi di trasporto pubblici efficienti. L’impressione è che la mobilità sia un tema lasciato a se stesso, si mettono le pezze, si rammenda l’asfalto dopo l’inverno e stop. E invece una domanda effettiva di una mobilità diversa c’è, eccome!

D) Sempre più ciclisti e sempre più bici vendute. E’ solo questione di caro benzina?

R) Sta aumentando in modo evidente la popolazione dei ciclisti urbani. Sì, forse è questione di crisi economica, ma di sicuro molte persone hanno capito che, per fare due chilometri, l’auto è superflua. C’è una richiesta di maggior sicurezza sulle strade. Come rispondono i comuni? In modo diverso da città a città.

D) Lei invita gli stessi sindaci a pedalare. Li fa montare sulla sua bici per un tour insolito (per molti di loro) della città. Salgono volentieri?

R) Dipende se sono in campagna elettorale. Fassino a Torino ha ingaggiato una polemica feroce e alla fine non è voluto venire. Avevamo lanciato su Twitter la campagna “Piero pedala”, con la Fiab, il Wwf. Ma alla fine si è rifiutato. La città della Mole ha un Biciplan perfetto, peccato che, non si sa come mai, sia costosissimo e ovviamente non abbia alcuna copertura finanziaria. Doria, a Genova, me lo sono trovato nel garage alle 7 del mattino, pronto per partire. Noi sosteniamo che la ciclabilità non sia quella cosa costosa, di cui gli amministratori devono aver paura. Basta poco, ad esempio la riduzione della velocità del traffico veicolare. Tutti i sindaci italiani hanno la bici come parola d’ordine, ma la considerano un po’ come gli uccellini della Lipu. Guai a parlarne male, ma nei fatti crederci è un’altra cosa.

D) Ci sono, però, molti movimenti spontanei che stanno nascendo dal basso. Non vi sembra un bel segnale?

R) Certo che sì. Ma insisto su un punto. Il movimento #Salvaciclisti vuole far apparire i pedalatori come degli eroi, che sfidano il traffico. Questo è profondamente vero, ma non aiuta il dialogo. Bisogna far passare il messaggio che le nostre città sarebbero  più rivendibili dal punto di vista turistico, soprattutto all’estero, con un po’ di cicloturismo ben fatto. Prendiamo Torino, è un museo…le lamiere la imbruttiscono.

D) Qualche esempio virtuoso di buona politica ciclabile?

R) In Puglia sono talmente avanti che stanno inventando i bici grill, specie di Autogrill per ciclisti, dove ci si può riposare, ristorare, rinfrescare dalla pedalata. In Trentino hanno messo in piedi una gara di fondo in bici che raduna 30 mila persone ogni anno. Nel Ponente ligure stanno trasformando una vecchia ferrovia in pista ciclabile, che sarà utilizzabile 12 mesi l’anno e quando verrà completata porterà sulle due ruote da San Remo a Genova. Un modo diverso di spostarsi è possibile, se solo i sindaci non fossero assorbiti esclusivamente dai conti per rientrare nel Patto di Stabilità, come dei ragionieri impauriti.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende