Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “La ragazza dagli occhiali di legno”: storia di una donna coraggiosa affetta da MCS:

“La ragazza dagli occhiali di legno”: storia di una donna coraggiosa affetta da MCS

marzo 3, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Allergica a tutto, ma nessuno sapeva dirle il perché. Nel libro scritto a quattro mani con Patrizia PiolattoLa ragazza con gli occhiali di legno“, recentemente pubblicato da Edizioni A Nord Est, Sara Capatti racconta gli anni di sofferenza e il peregrinare da un medico all’altro senza trovare una risposta ai dolori e ai malesseri che le stavano distruggendo la vita.“C’è un mostro in me – racconta – ne conosco la forza, ma non il volto”. Fino a quando, solo per caso, sente parlare di MCS, ossia Sensibilità Chimica Multipla, una patologia strettamente connessa all’inquinamento chimico ed elettromagnetico. Da allora si batte per difendere la conoscenza di questa patologia in modo da evitare che altri malati rischino la vita perché non curati nel modo giusto. Con questo volume Sara Capatti mostra cosa significhi lottare per superare le difficoltà, battagliando, con altrettanta forza, per portare alla luce del sole i problemi legati a una malattia rarissima ma temibile. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi il capitolo 38, in cui Sara riflette sui frequenti errori compiuti dai medici nella diagnosi dell’MCS.

Grazie a Facebook resto in contatto con il mondo ed è grazie a questo social network che ho avuto occasione di conoscere molte persone con la mia stessa patologia.

La maggior parte sono donne. Rimango scioccata quando molte di loro mi confidano di essere peggiorate dopo essere state curate come malate psichiatriche.“Lucia, ma perché ti davano gli psicofarmaci?” chiedo a una di loro.

“Perché molti medici non considerano la malattia come un problema fisico, ma come un disturbo mentale.” “Ma se ci sono degli esami specifici che dimostrano con certezza che la malattia è genetica, come possono avere dubbi? È negare l’evidenza.” “Lo so, Sara, hai ragione e la cosa peggiore è che spingono anche la famiglia del malato a credere che sia un problema mentale, così oltre a ritrovarsi da soli a combattere contro i sintomi, si è anche abbandonati dalla famiglia.

Mi sento confusa e disorientata, non sono un medico, ma come possono essere considerati sintomi di una patologia psichiatrica dolori così forti, vomitare  bile, andare in crisi respiratorie o peggio ancora avere shock anafilattici, senza contare orticarie, reflusso, gastrite, colite e tanti altri grossi o piccoli problemi?

Mi accorgo invece che sono in molte a raccontarmi una simile esperienza, spesso non riescono a trovare neanche un Pronto Soccorso che le assista con le dovute precauzioni,alcune si sentono rispondere che la malattia non esiste, altre che è un problema di testa e intanto stanno male e peggiorano. Chiedono il riconoscimento dell’invalidità e alla maggior parte viene negata, mentre ad altre viene concessa ma per patologie che non c’entrano niente con la m.c.s.

Già è terribile avere a che fare con questa malattia che porta via tutto, anche la libertà, ma dover lottare perché vengano riconosciuti i nostri diritti lo trovo inaccettabile. La mia famiglia mi ha sempre creduto, così come il personale del Pronto Soccorso dell’ospedale San Leopoldo Mandic di Merate, dove medici e infermieri che mi hanno sottoposto a esami o a visite specialistiche non solo hanno affrontato con professionalità e competenza la mia situazione, ma hanno fatto in modo di crearmi il minore disagio possibile, e per questo li ringrazierò sempre.

Mi rendo sempre più conto di quanto sia fortunata. Questi sono già mesi pesanti e difficili e se per un motivo o l’altro non avessi avuto l’appoggio delle persone che amo non credo ce l’avrei fatta. Noto in altri malati l’imbarazzo a uscire di casa con la mascherina perché si vergognano. Io onestamente ho capito che di limitazioni me ne dà già abbastanza l’m.c.s. e non posso permettermi di farmi condizionare anche dagli altri, è una questione di vita o di morte e non metto a rischio la mia vita perché la gente mi guarda male.

La rabbia più grande in me la scatenano però alcuni malati che nonostante gli sia stata diagnosticata in tempo la malattia continuano imperterriti a condurre la loro vita senza modificarla di una virgola, per poi essere costretti a farlo perché la m.c.s., se la ignori, non ti risparmia.Ho provato compassione per loro perché ho capito che pensano di essere già all’ultimo stadio della patologia mentre non sono che all’inizio del percorso.

Sara Capatti* e Patrizia Piolatto**

* Classe 1979, ex parrucchiera. Dopo la diagnosi di MCS si è trasferita dalla Lombardia a San Candido, in provincia di Bolzano.

** Giornalista e autrice del blog Sara-pat.blogspot.it

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende