Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » La sequoia gigante di Reggello, ultima custode di villa Panciatichi, abbandonata al degrado:

La sequoia gigante di Reggello, ultima custode di villa Panciatichi, abbandonata al degrado

gennaio 8, 2013 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Proseguono i racconti della serie “Giona degli Alberi“, scritti in esclusiva per Greenews.info da Tiziano Fratus, il cercatore d’alberi in viaggio alla ricerca delle sequoie monumentali italiane. La quarta puntata è dedicata alla sequoia di Leccio (Reggello), in provincia di Firenze.

Anche in terra di Toscana non mancano le sequoie. A sud di Firenze c’è il comune di Reggello; Leccio è una frazione dominata da un monte sulla cui cima esiste, da secoli, un edificio, dapprima un castello che venne acquistato nel 1816 da Niccolò e Ferdinando Panciatichi. I due fratelli fanno rimaneggiare l’edificio che diventa una splendida villa neogotica e dalla metà dell’800 iniziano a mettere a dimora alberi lungo i sentieri e nel parco, che viene disegnato dinnanzi alla facciata dell’edificio: Calocedrus decurrens, Cedrus atlantica var. glauca, Cedrus libani, Chamaecyparis lawsoniana, Sequoia sempervirens ed alcuni esemplari di Sequoiadendron giganteum, di cui oggi ne resta invero soltanto uno.

Una scheda pubblicata nel sito del Comune di Reggello comunica che la sequoia più alta tocca i 46 metri di altezza e ben 57 superano i 35 metri di altezza. Questo dato è estrapolato da “Parchi della Toscana” (I ed. 1982, II ed. 1989) scritto nientemeno che dal curatore dei giardini di Boboli, Ferdinando Chiostri. Questa preziosa fonte di informazioni segnala quale anno di messa a dimora delle sequoie il ‘51: «Da una relazione stesa nel 1890 da Maria Paolucci, figlia del Panciatichi (Ferdinando), sappiamo che le sequoie vennero poste a dimora intorno al 1851, e che per il primo esemplare fu sborsata una somma assai ingente: al tempo in cui scriveva la Paolucci erano ancora in vita esemplari di soltanto 37 dei 134 generi botanici piantati dal padre. Tra questi Araucaria, Sequoia Taxodium, Criptomeria, Biota, Thuja, Thuiopsis, Libocedrus, Taxus, Cephalotaxus, Cupressus (varie specie), Pinus, Abies, varie palme, Yucca, Quercus (di varie specie)oltre ad alcune piante di esclusivo interesse floricolturale».

I Panciatichi si rifornivano a Firenze presso il vivaio del francese Burnier. Arrivati a Leccio si giunge in Piazza Marin, si sale per via Fratelli Bandiera, si imbocca una strada sterrata. Al bivio se si procede a destra si arriva in uno spiazzo dove dominano sette sequoie altissime e con tronchi fino a cinque metri di circonferenza, proseguendo oltre si avvista la maggiore delle sequoie oggi qui presenti, denominata Sequoia Gemella. Un enorme tronco fuso per circa tre metri da cui si innalzano due sequoie ultrasecolari, a diapason. Ho misurato personalmente il tronco: 842 cm a petto d’uomo. Vale la pena di osservare il patriarca da diversi punti di vista. Se al bivio si svolta a sinistra, si parcheggia di fronte ad una sbarra rossa e si sale a piedi lungo un sentiero sterrato e alberato prevalentemente a sequoia. Nel primo tratto ci sono esemplari relativamente giovani, prima della cima un lungo sentiero a ferro di cavallo offre invece la visione di una spettacolare alberatura di molti esemplari altissimi e massicci. Gli alberi sono dotati di targhetta numerica. La n° 68 ha una circonferenza del tronco di 480 cm, la n° 71 di 416 cm, la n° 83 di 478 cm, la n° 93 di 520 cm, la n° 98 di 574 cm e mi pare la più grande di quest’area. Un prato occupa lo spazio interno al ferro di cavallo, in fila indiana sono state messe a dimora quattro sempervirens, l’unica sequoia gigante ancora viva e un bel calocedro. La sequoia gigante supera i trenta metri di altezza e ha una circonferenza del tronco pari a 500 cm.

Arrivati in cima ed evitato un orribile ecomostro in cemento che qualche essere umano è riuscito a piazzare a poche decine di metri dalla villa, si può ammirare la meravigliosa invenzione dell’edificio, con guglie, scalinate simmetriche, un portone a botte modello Hobbit della Contea con tanto di colonne tozze. Ma ahimè la villa sta cadendo a pezzi, questo splendido monumento è abbandonato. Il parco che le sta di fronte è popolato di grandi cedri del Libano e cedri dell’Atlante, oltre a due sparute sequoie che dovrebbero fare da sentinella. A constatare quest’ennesimo scempio del patrimonio storico e artistico d’Italia si resta davvero privi di parola. E si capisce che il problema non è soltanto della classe politica, ma dell’intero paese.

Tiziano Fratus

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

giugno 1, 2017

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

Dopo i 20 anni di Cinemambiente, nella Torino “green” si celebra un altro compleanno: [TO]BIKE, il servizio di bike sharing cittadino, compie sette anni. Inaugurato nel 2010, dalla sua attivazione ad oggi ha registrato 27.500 abbonati annuali, che ogni anno percorrono sulle oltre 1.100 biciclette gialle circolanti in città circa 3.700.000 chilometri. Come già lo scorso anno l’intento [...]

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

maggio 31, 2017

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

La 20° edizione del Festival Cinemambiente è la prima che si tiene nell’Antropocene, la nuova epoca geologica segnata dalle attività umane, da poco formalmente riconosciuta dalla società scientifica internazionale. La coincidenza temporale sarà lo spunto ideale per “Il punto” di Luca Mercalli, che apre ufficialmente il cartellone degli appuntamenti (alle ore 21 di stasera al [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende